HOME arrow Fantascienza arrow Il cigno nero
Martedì 16 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Il cigno nero PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
lunedì 21 febbraio 2011

Il cigno nero
Titolo originale: Black Swan
USA: 2010. Regia di: Darren Aronofsky Genere: Drammatico Durata: 103'
Interpreti: Mila Kunis, Natalie Portman, Winona Ryder, Sebastian Stan, Vincent Cassel, Christopher Gartin, Toby Hemingway, Janet Montgomery, Barbara Hershey, Kristina Anapau, Ksenia Solo, Adriene Couvillion
Sito web ufficiale: www.blackswan2010.com
Sito web italiano: www.foxinternational.com/it/ilcignonero
Nelle sale dal: 18/02/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Psicologico
Scarica il Pressbook del film
Black Swan - Il cigno nero su Facebook

Black SwanCon “Il Cigno Nero” il regista Darren Aronofsky mette in scena un viaggio visionario all’interno della psiche di una giovane ballerina. Nina è una ballerina che lavora a New York nella compagnia del direttore artistico Thomas Leroy.
La sua ambizione più grande è quella di poter interpretare il doppio ruolo del Cigno Bianco, innocente e soave, e del Cigno Nero, malvagio e sensuale, ne Il lago dei Cigni.
Quando Leroy annuncia il ritiro della prima ballerina Beth Macintyre, presenta anche la nuova stella che interpreterà proprio quel ruolo: Nina. La ballerina si impegna fino allo stremo per riuscire a incarnare i due ruoli, ma se sembra perfetta per il Cigno Bianco, la sua interpretazione è ancora molto lontana dal Cigno Nero.
Col passare dei giorni, inoltre, la sua psiche inizia a dare segni di cedimento, ha delle allucinazioni in cui vede il suo doppio e si fa mille paranoie sulla nuova arrivata che le vorrebbe soffiare il posto. La sua determinazione è forte a tal punto da ottenere il risultato sperato: la perfezione, ma a quale prezzo…

Il film è un pugno nello stomaco, Darren Aronofsky porta lo spettatore in un mondo fascinoso, ma inquietante e contorto, fatto di doppi e paranoie, diviso tra il reale e il surreale, senza far capire fino all’ultimo ciò che è vero da ciò che solo Nina vede. Mostra gli impulsi più oscuri di Nina che prendono il sopravvento su di lei.
Gli incubi, le gelosie e la pretesa perfezione si fanno largo in maniera profonda nel suo essere, lasciando che emerga quella parte malvagia e sensuale che dovrebbe possedere il Cigno Nero, confondendosi totalmente nella parte. Nina arriva a un punto in cui non distingue cosa sia reale da cosa è invece la sua mente a creare.
È un thriller psicologico, ma c’è anche la volontà di mostrare il dietro le quinte di quest’arte apprezzata in tutto il mondo, ma di cui spesso non si sa molto: quali e quanti sacrifici ci siano dietro, quanto impegno, determinazione, competizione. Aronofsky concentra l’attenzione della macchina da presa molto sul corpo come strumento indispensabile di lavoro.
Il corpo è l’unico strumento per i ballerini di comunicare e da questo deriva il costante allenamento e concentrazione e gli enormi sacrifici che sono disposti a fare.

Ciò che il regista ha voluto delineare è la graduale trasformazione che Nina subisce: da persona timida e introversa, perfetta per incarnare il candore del Cigno Bianco, a sensuale e pericolosa per il Cigno Nero, emozioni e sentimenti che per troppo tempo ha tenuto sopiti dentro di sé.
Il film dà dimostrazione di quante risorse possa avere un individuo e le tante sfaccettature di una personalità, che ognuno di noi può riscoprire nel proprio animo quando è la necessità a spingerci. È una storia di sacrificio: Nina è pronta a sacrificare tutto e tutti, pensa solo al balletto, per un’unica performance perfetta.
L’amore per quest’arte diviene per Nina un’ossessione, stimolata anche dalla madre, un’ex ballerina che non c’è l’ha fatta, che se da un lato vorrebbe che sua figlia primeggiasse, dall’altro palesa una malcelata gelosia, proprio perché sua figlia ha la possibilità di farcela.

Aronofsky crea una tensione crescente, con un esplosione di vitalità nell’epilogo che cattura lo spettatore. È riuscito a cogliere il lirismo del corpo e grazie agli effetti visivi crea delle immagini potenti come la trasformazione in Cigno.
Ha utilizzato la macchina a mano in modo che lo spettatore fosse il più vicino possibile ai ballerini, per sentirne il sudore e la fatica, ma anche l’infinita bellezza.
Natalie Portman è una delle candidate agli Oscar 2011 per la sua autentica e coinvolgente interpretazione di Nina, ruolo per il quale si è impegnata come mai prima d’ora. Ci sono voluti dieci mesi di preparazione fisica, prima che iniziassero le riprese, e un passato fatto di danza classica che hanno portato l’attrice a una performance meritoria.

 

Commenti  

 
0 #1 PAOLA 2011-03-05 23:39
Trasmette l'ansia e la disperazione con ritmo incalzante, quasi a passo di danza, per arrivare ad un finale completo di patos e verità nascoste !
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere