Lunedì 15 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Il concerto PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 19
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 07 febbraio 2010

Il concerto
Titolo originale: Le concert
Francia: 2009 Regia di: Radu Mihaileanu Genere: Drammatico Durata: 119'
Interpreti: Aleksei Guskov, Mélanie Laurent, Dmitri Nazarov, Valeri Barinov, François Berléand, Miou-Miou, Lionel Abelanski, Jacqueline Bisset, Laurent Bateau
Sito web:
Nelle sale dal: 29/01/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Scaltro

ilconcerto_leggero.jpgSentirete parlare molto bene di questo film; vi diranno che è commovente, ma anche ironico e divertente.  Se ascolterete gli addetti ai lavori, sentirete commenti come un “ film costruito bene “, “ è un film vitale e commovente allo stesso tempo”, “ un film di altri tempi “.  Il pubblico in sala è ultracinquantenne, ride, ascolta in silenzio i dodici minuti finali di Cajkovskij e applaude sui titoli di coda.  Quindi è un film perfetto ?  No, è un film godibile, narrativamente con parecchie incongruenze, un bel montaggio finale, qualche facile battuta sul gioco delle lingue differenti, il maestro russo saluta l’orchestrale francese con la parola ‘erezione’ e la musicista risponde “ il solito calore slavo “. Tuttavia è una storia originale che racconta una realtà ancora poco conosciuta: la condizione esistenziale degli ebrei che sono vissuti sotto il totalitarismo sovietico.  Il regista franco-rumeno Mihaileanu ( Train de vie ) ci ha abituati al suo stile ‘leggero’ e giocoso su temi serissimi se non drammatici come la persecuzione, la sopraffazione, la solidarietà tra sconfitti.  E Il concerto finale di Cajkovskij può essere interpretato come una metafora dei rapporti fondamentali tra il singolo e la collettività: tutti gli strumenti sono complementari e devono suonar bene e all’unisono per trovare armonia e benessere. Un richiamo alla collettività in un’epoca dominata dall’individualismo ( tematica affrontata da Fellini in Prova d’Orchestra ).
Andrey Filipov è stato un grande direttore d’orchestra, ma negli anni Ottanta non ha obbedito a un ordine di Breznev di cacciare i musicisti ebrei dal Bolshoi.  Da allora lavora ancora nel teatro ma come inserviente e sogna sempre di dirigere l’orchestra ma senza speranza. Mezzo alcolizzato, con gli amici scomparsi o dispersi e con una moglie che lavora sempre, l’uomo non sembra avere che una vita finita.  Una notte, mentre sta pulendo l’ufficio del direttore intercetta un fax, c’è l’invito da parte del teatro Chatelet di Parigi. Decide di riscattarsi dalle umiliazioni di trentanni con l'inganno, accettando l'ingaggio al posto dell'orchestra ufficiale. Riunisce i vecchi compagni di concerto e qualche improbabile musicista, contatta un vecchio dirigente comunista del Teatro e organizzano l’imbroglio. “ Il concerto “ prende in giro quel che è rimasto della vecchia Russia, gli ebrei e la loro capacità di arrangiarsi, gli ex-comunisti e la loro nostalgia, gli zingari e i loro imbrogli. Ma anche i miliardari putiniani con le guardie del corpo armate di kalasnikov.  In questo imbroglio poco probabile e senza intoppi il regista è bravo a sorvolare su tutto quello che è improbabile; nell’allegra e sgangherata brigata ci sono il vecchio irriducibile comunista che sogna di andare a Parigi e incontrare i vecchissimi e molto scarsi compagni francesi, c'è lo sponsor che è il re del gas russo e ha l'hobby del violoncello, ci sono degli ebrei che vogliono andare a Parigi più per vendere dei telefonini cinesi che non per suonare, zingari che vengono solo per la diaria e per bere tutto il tempo. All’aeroporto gli zingari preparano in un baleno finti passaporti per tutti, a Parigi si daranno alla pazza gioia e ricompariranno miracolosamente al teatro Chatelet giusto in tempo per il concerto.  Che naturalmente sarà un trionfo e cambierà la vita di Filipov e non solo la sua.
Tutti bravi gli attori, credibili e sconosciuti in Occidente, tranne Miou Miou, quasi irriconoscibile. 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere