Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il dubbio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 22 giugno 2009

Il dubbio
Titolo originale: Doubt
USA: 2008. Regia di: John Patrick Shanley Genere: Drammatico Durata: 104'
Interpreti: Meryl Streep, Philip Seymour Hoffman, Amy Adams, Viola Davis, Alice Drummond, Lloyd Clay Brown, Carrie Preston, Joseph Foster, Bridget Megan Clark, Audrie J. Neenan, Susan Blommaert
Sito web: www.doubt-themovie.com
Nelle sale dal: 30/01/2009
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Dario Carta
Scarica ora Il dubbio con eMule Official e per velocizzare il download usa Speed Downloading!

il_dubbio_leggero.jpeg1964,Bronx,New York.
La scuola cattolica di St. Nicholas è retta da Padre Flynn (Philip Seymour Hoffman),,sacerdote progressista,felice di accogliere i rinnovamenti portati dal Concilio Vaticano Secondo e da Sorella Aloysius,(Meryl Streep),preside rigida e severa,ancorata ad una situazione preconciliare e poco disposta a scendere a compromessi con le realtà della nuova epoca.
Per nulla aperta alla possibilità di un dialogo,Sorella Aloysius nutre forti sospetti su Padre Flynn e sulle sue manifestazioni di eccessivo riguardo nei confronti del giovane allievo di colore Donald Miller,primo studente nero ad essere accettato nella scuola.
Pur senza alcuna prova,la suora indice una crociata personale diretta ad allontanare il sacerdote dalla scuola ed il clima nel Collegio si accende di tensione.
"Il dubbio è un'opera complessa che celebra l'incertezza e pone l'accento sulla consapevolezza di non poter raggiungere una condizione di sicurezza sui diversi aspetti che si compongono a formare questa storia inserita in un ambiente religioso.in un'epoca di forte fermento nei movimenti dei diritti civili e di radicali cambiamenti sociali ed ecclesiastici.
Il Concilio Vaticano Secondo,iniziato nel 1962 per iniziativa di Papa Giovanni XXXIII,il "Papa buono",porta con sè forti venti di rinnovamento spirituale e la Chiesa,ogni Chiesa,riunita sotto l' unico segno di Gesù Cristo,è uniformata dalla comune volontà di trovare una riforma e portare il Vangelo alle genti con un approccio più coerente con l'evolversi dei tempi.
Il vento del cambiamento,(qui è evidenziato l'aspetto religioso),è il vento che nelle scene in apertura spazza il fogliame secco sparso nelle strade del quartiere del Bronx una domenica mattina,immerso nell'atmosfera uggiosa di un autunno avanzato.
La città si sveglia e i fedeli si recano alla Messa presieduta da Padre Brendan Flynn nella parrocchia di St. Nicholas e si mettono all'ascolto dell'omelia.
Nel corso della sua predica il carismatico sacerdote fa perno sul concetto di "dubbio",evidenziando,però,una sorta di aspetto positivo,("il dubbio è un legame tanto forte e rassicurante quanto la certezza.Anche se vi sentite perduti,voi non siete mai soli...").
Il regista non perde tempo a mettere in risalto due aspetti:la tematica centrale del film - il dubbio - e l'intrepazione soggettiva di chi ne parla,Padre Brendan,di cui viene subito brevemente tratteggiato il carattere positivo ed aperto.
Al contrario,le successive sequenze che introducono Sorella Aloysius la presentano come persona rigida e chiusa in un atteggiamento intransigente che non lascia spazio ad introspezioni o indagini interiori.
Sorella Aloysius è barricata nelle sue posizioni arcaiche polarmente opposte a quelle del suo "superiore" Padre Flynn e a sua volta asserragliata nel dubbio/timore che le parole del sacerdote,secondo lei farneticanti ipocrisie, possano scavarsi uno spiraglio nell'animo dei presenti.
Poche immagini e,come in un dramma teatrale,entra in scena la terza figura emblematica del film.
Sorella James è solare,sorridente,amica dei ragazzi,con i quali lavora,ma ha anche un generoso rapporto di colloqualità.
Apparentemente Sorella James sembra appartenere alla stessa natura che caratterizza la formazione di Padre Flynn,ma gli sviluppi dimostreranno come questo personaggio sia posto a fulcro della leva che ha in Padre Flynn e Sorella Aloysius i due punti di forza opposti.
Sorella James rappresenta lo spettatore,che cerca di interpretare le posizioni estremizzate dei due protagonisti,oscillando in una condizione di insicurezza di cui tutta la narrazione è imbevuta.
Sorella James è aperta ad un rapporto affettuoso con i giovani del Collegio,pur nella sua fermezza di insegnante e partecipa al cambiamento che la Chiesa Cattolica sta portando in sè,ma nello stesso tempo condivide con Sorella Aloysius le preoccupazioni su Padre Flynn a proposito delle attenzioni di cui è sospettato nei confronti del ragazziono di colore.
Alle parole di Padre Brendan - "il mastino è affamato" - rivolte a Sorella James e riferite a Sorella Aloysius,il quadro caratteriale dei tre protagonisti è completo,a pochi minuti dai titoli di testa.
Per tutta la durata del film si alternano fatti ed avvenimenti che ritraggono i due protagonisti nelle rispettive prospettive.
Quella di Sorella Aloysius è splendidamente dipinta nell'episodio della cena con le consorelle,una cena silenziosa e mesta,ove è assente l'allegria del desco e la gioiosa condivisione di una stessa tavola.
Al contrario,emerge ancora la ferrea autorevolezza della preside,che,richiamando l'attenzione delle consorelle con l'uso di un campanello - lo stesso in uso per chiamare gli inservienti - interrompe il pasto per intavolare una conversazione e si fa unico soggetto per introdurre l'argomento,quella stessa incertezza che regna nell'aria,il dubbio,sublimato in ogni sequenza del film,il dubbio nel sermone iniziale,il dubbio della preside su Padre Flynn,l'insicurezza che la stessa Sorella Aloysius insinua nelle consorelle,ventilando il sospetto verso "il suo superiore".
Si tratta di un concetto allargato di ambiguità,che traduce meglio il titolo originale "Doubt",generalizzato all'idea globale di dubbio,senza confinarlo ad uno specifico caso,quello riferito al sacerdote,come allude il titolo italiano.

Tutto il film,fino al violento scontro finale,si snoda con questa scansione di episodi alternati,destinati a far apparire in filigrana la diversità delle due prospettive.
Entrambi i protagonisti hanno a cuore l'educazione e l'insegnamento,ma la via è diversa e la frattura si fa sempre più profonda.
L'abbigliamento stesso delle suore,la cuffia che limita la visuale,le ampie ed ingombranti tuniche,mettono in risalto un concetto di visione angusta,quasi un impaccio ad un movimento più ampio e libero,un respiro nuovo portato dalla nascente epoca e dai suoi cambiamenti.
Sorella Aloysius sembra restìa ad accettare il vento dello Spirito,il rinnovamento culturale,liturgico ma anche sociale e civile.
L'impietosa visione che la donna ha del mondo la porta a rinnegare ogni aspetto generoso e positivo della realtà,che essa rifiuta,prendendo a calci i rami secchi senza oramai più vita,strappati alle piante dal vento delle novità.
L'associazione fra questi concetti la fa gridare che "il mondo va in pezzi"e che "anche il vento sta cambiando".
Nulla viene svelato nel film.
Non viene messa in luce una verità,ne' smascherata una menzogna.
Il dubbio è il meccanismo che muove tutta la storia e lo spettatore osserva come si muovono gli ingranaggi dell'intero racconto e trarrà la propria personele conclusione.
Non ci sono persone buone o cattive;i fatti sono narrati in tono neutrale.
Ci sono due persone che si affrontano in un complesso dramma umano scoprendo in sè stessi e nell'altro quanto di più sorprendente - il dubbio - possano essersi aspettati.
Quello che il regista e sceneggiatore John Patrick Shanley ha ambientato in una scuola religiosa,può essere inserito in ogni luogo,classe o ceto o realtà sociale,perchè la sfida di cui il regista ha voluto parlare,la capacità di rivedere sè stessi non ha confini e può esere allargata ad ogni condizione umana.

L'urlo finale di Sorella Aloysius rivela l'unica certezza che la solleva da una colpa autoinflittasi,condannandosi da sola all'inferno,pur di smascherare Padre Flynn :la pena di scoprire che anch'essa nasconde in sè il tarlo dell'incertezza.
Film fitto di indizi e ricco di spunti di riflessione,dove ogni parola ed ogni frase ha un suo significato ed una sua precisa collocazione.
Ogni cosa è al suo posto,in perfetto costrutto da pièce teatrale mirabilmente trasposta sul grande schermo in una narrazione fluida,avvincente ed in un perfetto crescendo,fino allo stupefacente climax finale.
Sguardi e mimiche da cinema d'altri tempi.
La Streep,chiusa nella cuffia è al suo meglio,in quel suo continuo gioco d'occhi, di labbra distorte e movenze ridotte al minimo,per far parlare l'espressione e il viso ed il frecciare delle occhiate che arricchiscono la pellicola di quei valori di cui chi ama il cinema di oggi e di sempre,ha tanta nostalgia.
Da vedere e rivedere,per comprendere ogni volta qualcosa in più.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere