Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il falsario PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Wanda Castelnuovo   
giovedì 24 gennaio 2008

Il falsario
Titolo originale: Die Fälscher
Germania: 2007. Regia di: Stefan Ruzowitzky Genere: Drammatico Durata: 98'
Interpreti: Karl Markovics, August Diehl, Devid Striesow, Martin Brambach, August Zirner, Veit Stübner, Lenn Kudrjawizki, Werner Daehn
Sito web: www.filmladen.at/faelscher
Nelle sale dal: 01/02/2008
Voto: 7
Recensione di: Wanda Castelnuovo

ilfalsario_leggero.jpeg"Il falsario" è un personaggio reale come lo è l’"Operazione Bernard" messa in atto dai nazisti nel 1942 allo scopo di produrre sterline e dollari falsi principalmente per destabilizzare le economie nemiche.
Nel campo di concentramento di Sachsenhausen due segretissime baracche (18 e 19) vengono adibite a laboratorio di contraffazione in cui un gruppo selezionato di prigionieri ebrei altamente specializzati (tipografi, pittori, rilegatori, artigiani, banchieri e funzionari) è costretto suo malgrado, come dimostrano i numerosi tentativi di boicottaggio, a un’intensa attività di falsificazione in cambio di condizioni più miti di prigionia, anche se con la quasi certezza di essere destinato a morire data la delicatezza e la segretezza dell’operazione in atto.
Nel 1944 da Mauthausen arriva nella “gabbia di lusso” Salomon Sorowitsch, detto “Sally” (interpretato dallo straordinario Karl Markovics con un’identificazione perfetta), abilissimo falsario - il re dei falsari della sua epoca - e giocatore d’azzardo, ebreo russo nonché pittore di ottima mano, ma di scarsa attività e "tombeur de femmes", a suo tempo fatto prigioniero da Herzog, ora comandante del campo. Splendida la regia di Stefan Ruzowitzky capace di coinvolgere senza stancare grazie a un ritmo sostenuto, ma mai eccessivo, che, pur tenendo lo spettatore sul filo di una lama, gli permette di leggere le psicologie dei personaggi come in un libro ben scritto. Approfondito il lavoro preparatorio compiuto dal regista che ha cercato e individuato, invitandoli poi sul set del film, gli ultimi sopravvissuti della vicenda: i due novantenni Plapper e Burger, autore quest’ultimo del libro "The Devil's Workshop" ("L'officina del diavolo") da cui Ruzowitzky ha tratto la sceneggiatura.
Un ottimo film anche se sviluppa in modo originale temi secondo alcuni triti, una pellicola, realizzata con l’intenzione di costituire un deterrente nei confronti del preoccupante rigurgito di populismo di destra in Austria e non solo, che avvince suscitando curiosità e interessa senza stancare o tediare, pur evidenziando continuamente problemi e dilemmi morali, con un finale da confrontare con quello che è stato in realtà.
Un’occasione importante per conoscere e capire fatti ed episodi dell’Olocausto di cui si sa in modo inversamente proporzionale a quanto se ne parla.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere