Mercoledì 23 Agosto 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Il lupo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 24
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea D'Addio   
domenica 25 marzo 2007

Il lupo
Titolo originale: Il lupo
Italia: 2007. Regia di: Stefano Calvagna Genere: Drammatico Durata: 89'
Interpreti: Massimo Bonetti, Enrico Montesano, Antonella Ponziani, Marco Petrini, Maurizio Mattioli, Stefano Calvagna, Antonella Ponziani
Sito web:
Nelle sale dal: 23/03/2007
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Andrea D'Addio
L'aggettivo ideale: Forviante
Scarica il Pressbook del film
Il lupo su Facebook

illupoleggero.jpgGià autore di tre film dal 2000 ad oggi ("Senza paura", "L'uomo spezzato" e "E guardo il mondo da un oblò") l'ex ultrà della Lazio Stefano Calvagna porta sul grande schermo una storia ispirata alla vicenda di Luciano Liboni, "il lupo", l'assassino che nell'estate del 2004 uccise un appuntato dei carabinieri nelle Marche prima di morire a Roma in un conflitto a fuoco con le forze dell'ordine nei pressi del Circo Massimo.
La storia di un diseredato che non aveva nulla da perdere (queste le sue parole) che già prima dell'omicidio nel 2002 sparò tra l'altro ad un benzinaio a Perugia e ad pattuglia della guardia di Finanza oltre ad essere stato accusato autore di rapine, sequestratore di persona a scopo di estorsione e detentore di stupefacenti. Questi almeno i fatti "veri", quelli accertati, quelli che Calvagna decide di non mostrare, o di rielaborare a suo modo, per portare avanti la tesi che Liboni sia stato una vittima.

La sua uccisione? Il perverso piano di un capo dei carabinieri che lo voleva a tutti i costi per morto (tanto che gli mette una pistola nello zainetto quando si incontrano...). La sua violenza? In parte è giustificata: ebbe il padre malato, l'abbandono delle istituzioni e un'infanzia difficile.
Per non parlare del fatto che fosse malato di epilessia.

Etica e cinema dovrebbero sempre rimanere distanti in un qualsiasi discorso critico, ma quando si parla di storie vere, quando di mezzo ci sono persone morte e famiglie dietro che soffrono, rimodellare la verità a proprio comodo maldispone qualsiasi altra successiva opinione. Sul piano realizzativo il film non funziona comunque. Sono tante le semplificazioni, se non banalizzazioni, nella sceneggiatura: carabinieri che si riuniscono come un circolo di bocciofili, pedinamenti fatti a mò di barzelletta, amici che ricordando un paio di parole dette dieci anni prima capiscono dove venirti a trovare e che, dopo averti lasciato a te stesso per tanto tempo, da un giorno all'altro ti regalano ventimila euro come se nulla fosse (Liboni fu sì trovato con addosso 30mila euro, ma erano il frutto di una rapina fatta qualche anno prima).

A mancare non è solo la ricerca sul personaggio (che sicuramente sarà stata fatta bene, ma di cui si è preso solo ciò che si voleva prendere), ma anche e soprattutto quella legata ai modus operandi delle forze dell'ordine (che, a parole, sorvegliano un edificio con un elicottero, ma non si accorgono se dalla porta principale entra il sospettato).
"Non riuscita" è poi la direzione degli attori, con un Montesano credibile come quando faceva i due carabinieri con Verdone e un Calvagna che prova a fare il romanaccio duro e spietato come il Piotta chiacchierava con Mastrandrea in un suo famoso video.
Si salva Massimo Sonetti che fa di tutto per dare credibilità al suo maledetto personaggio. Regia che strizza l'occhio alle fiction televisive.
Chiudiamo con le parole di Calvagna: "Un film duro e scomodo. Un film verità... un malvivente che ha ucciso a sangue freddo un carabiniere e per questo rimane un delinquente, che forse però nessuno volle catturare vivo. Lascerò allo spettatore il giudizio sulla "giustizia giusta" fornendo una mia elaborazione personale sull'accaduto. Per ora "sbatto" i fatti sul grande schermo aspettando una risposta... se mai ci sarà". Bene...

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere