Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il nastro bianco PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Sonia Cincinelli   
lunedì 02 novembre 2009

Il nastro bianco
Titolo originale: Das weisse Band
Austria, Francia, Germania: 2009 Regia di: Michael Haneke Genere: Drammatico Durata: 144'
Interpreti: Christian Fieldel, Leonie Benesch, Ulrich Tukun, Ursina Lardi, Fion Mutert, Michael Kranz, Burghart Klaussner, Steffi Kuhnert, Maria-Victoria Dragus
Sito web: www.thewhiteribbon.co.uk
Nelle sale dal: 30/10/2009
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Sonia Cincinelli
L'aggettivo ideale: Capolavoro

ilnastrobianco_leggero.jpgIl nastro bianco, ultimo film del regista austriaco ( ma nato a Monaco di Baviera) Michael Haneke, è ambientato in un villaggio protestante della Germania del nord nel 1913, alle porte dello scoppio della prima guerra mondiale.
La pellicola racconta la storia degli adolescenti e dei bambini di un coro diretto dal maestro del villaggio, le loro famiglie: il barone, l'intendente, il pastore, il medico, la levatrice e i contadini.
In questo contesto si verificano strani avvenimenti che prendono un poco alla volta l'aspetto di un rituale punitivo.

Kolossal in bianco e nero, Il nastro bianco, pensato inizialmente come miniserie televisiva in tre parti, illustra “un sistema di educazione dal quale è emersa la generazione nazista”.  Un film collettivo composto da magnifici quadri fissi. Con una serie di strani fatti che disturbano la tranquilla quotidianità del villaggio, come l'episodio del figlio del barone che viene ritrovato frustrato a sangue.
Il personaggio più inquietante si rivela il pastore protestante. Egli educa i suoi figli ad una totale obbedienza, sottomettendoli in onore “dell'innocenza”, rappresentata dal nastro bianco che l'uomo gli lega addosso dopo che hanno scontato i loro peccati attraverso la punizione. Addirittura uno dei ragazzi viene legato al letto per evitare che si masturbi.
Anche il medico non è da meno, incestuoso e corrotto, presunto omicida della moglie, e padre del figlio down della governante con cui fa sesso con disprezzo.

La splendida fotografia di Christian Berger infonde un'atmosfera noir che ci lascia con il mistero irrisolto in un finale aperto.
La potenza di Haneke ( studioso di psicologia e filosofia e regista di teatro) si rivela nell'eversione dei gesti e delle immagini ( pensiamo al bellissimo La pianista- 2002 ), l'estetica del regista si basa su l'amore per il perverso che spesso viene generato da un sistema di vita, del singolo o della comunità, rigido, dovuto da un certo tipo di educazione. A volte è la religione ad imporre questa rigidità ed in questo film è lampante.
L'operazione di Haneke è di indignare e scuotere le coscienze.
Questo è, o perlomeno dovrebbe essere, lo scopo del cinema e dell'arte in generale.
Haneke sa come rivoluzionare l'animo dello spettatore, in modo che si alzi dalla poltroncina disturbato per quello che ha visto, perchè segretamente è quello che nessuno vorrebbe vedere. Ma questa operazione, finalmente, è in grado di raccontarti la realtà cambiandoti dentro nelle viscere.
Il contrasto tra atti crudeli e disumani e tranquillità mortifera del paese è netto.
Il villaggio del film è una specie di palestra per l'allenamento dei nazisti della seconda guerra mondiale alla vigilia della prima. Il regista sembra osservare questo scenario apocalittico da lontano affidando la voce narrante al maestro del paese, il personaggio illuminato, che si pone come memoria storica di queste mostruosità.
In realtà la repressione rende i bambini del film non “innocenti” anzi, probabilmente responsabili di orrori e crimini.
I misfatti degli abitanti non vengono mai mostrati, solo poche immagini, come per esempio un uccellino decapitato ed infilzato in una forbice, ci mostrano l'orrore che in realtà serpeggia invisibile in questo luogo.

Un film gelido, morboso di cui il regista spiega che sono dieci anni che lavora a questo soggetto ed è sua intenzione parlare non solo di Germania pre e post nazista. La sua visione delle cose è probabilmente molto più globale, infatti spiega: “In realtà in qualsiasi società se un principio diventa assoluto si disumanizza.
Se l'obbiettivo da raggiungere, mettiamo da un educatore verso i propri figli, è talmente alto da diventare un ideale allora non è più raggiungibile e rischia di creare mostri.
Un meccanismo che abbiamo conosciuto nelle religioni, nelle ideologie, nei terrorismi di ogni segno”.
Ancora una volta il maestro Haneke non delude.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere