Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il nastro bianco PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 09 novembre 2009

l nastro bianco
Titolo originale: Das weisse Band
Austria, Francia, Germania: 2009 Regia di: Michael Haneke Genere: Drammatico Durata: 144'
Interpreti: Christian Fieldel, Leonie Benesch, Ulrich Tukun, Ursina Lardi, Fion Mutert, Michael Kranz, Burghart Klaussner, Steffi Kuhnert, Maria-Victoria Dragus
Sito web: www.thewhiteribbon.co.uk
Nelle sale dal: 30/10/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Potente

ilnastrobianco_leggero.jpgCi sono alcuni registi – rimaniamo in Europa – che quando decidono di fare un film lasciano lo spettatore spiazzato, entusiasta, euforico mentalmente.
Uno spettatore particolare, naturalmente; uno di quelli che resiste, volente o nolente, al genocidio culturale imperante. Che continua a leggere buoni libri, che mangia buone cose, che fa viaggi non banali, che ha rapporti sociali non convenzionali.
Sono registi non troppo acclamati, ma che fanno la storia del cinema di oggi, che resteranno negli annali e da cui si potrà ripartire quando lo stato delle cose lo renderà possibile.
Registi come i fratelli Dardenne , Kaurismaki, von Trier, Mike Figgis e naturalmente il bavarese Haneke.

Michael Haneke è il regista di film come Funny Games (1997 ), Codice sconosciuto ( 2000 ), La pianista ( 2001 ), Niente da nascondere ( 2005 ) e oggi Il nastro bianco, (Das Weisse Band), Palma d’oro all’ultimo festival di Cannes. Un film potente, magnifico, rigoroso, la cui trattazione è tra le più ardue, complesse e affascinanti e che spinge lo spettatore più in là, lo fa affondare nelle radice del Male, da dove poi tutto ha inizio, l’orrore della guerra e dei fascismi. Un film che ci sembra parallelo a un altro capolavoro Dogville, di von Trier, ma Haneke lo radicalizza ancora di più, forse perché tedesco, forse grazie ai suoi studi di filosofia e di psicologia.

Il film girato in bianco e nero è ambientato in un villaggio della Germania alla vigilia della Prima Guerra Mondiale.
Il racconto ha la voce in off del maestro, un giovane ingenuo e sprovveduto che proviene da un altro luogo e che ci introduce nella piccola comunità contadina, abitata da adulti rigidi e autoritari, donne succubi e complici e popolata di bambini e adolescenti che fanno gruppo per difendersi da genitori troppo distanti, aaffettivi e violenti.
Una comunità ‘governata’ dal barone, proprietario terriero, dal pastore, dall’intendente e in misura minore dal medico.
In questo villaggio iniziano a verificarsi fatti strani, preoccupanti e inspiegabili.
Delle piccole vendette contro il medico, una donna, il bambino del barone; accanimenti che sono dei rituali punitivi che prendono di mira anche un ritardato mentale.

Il tutto avviene nel tranquillo ambiente di campagna che nonostante gli spazi risulta claustrofobico e asfittico.
Dove tutto è ordinato, tutto rinchiuso nei recinti della convenzione e ‘dell’educazione‘ ma dove non c’è posto per generosità e umanità, dove gli adulti nascondono con naturalezza nefandezze inconfessabili e mettono in pratica la violenza per poi chiamarla educazione. E i ragazzi educati e obbedienti nascondono una rabbia che cresce fino alla violenza.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere