HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico arrow Il padre dei miei figli
Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il padre dei miei figli PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
lunedì 07 giugno 2010

Il padre dei miei figli
Titolo originale: Le père de mes enfants
Francia: 2010. Regia di: Mia Hansen - Love Genere: Drammatico Durata: 110'
Interpreti: Chiara Caselli, Louis-Do de Lencquesaing, Alice de Lencquesaing, Alice Gautier, Manelle Driss, Eric Elmosnino, Sandrine Dumas, Dominique Frot, Djamshed Usmonov, Igor Hansen Love, Magne Håvard Brekke, Eric Plouvier, Michael Abiteboul, Philippe Paimblanc, André Marcon
Sito web: www.filmsdulosange.fr/fr/fr_peredemesenfants.html
Nelle sale dal: 11/06/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Coraggioso
Scarica il Pressbook del film
Il padre dei miei figli su Facebook

Il padre dei miei figliLa regista e sceneggiatrice Mia Hansen – Love ha già all’attivo due lungometraggi che hanno destato attenzione e successo, nonostante la sua giovane età, ha realizzato due opere che hanno vinto dei premi. Il padre delle mie figlie è il suo secondo film ed è stato vincitore del Premio Speciale della Giuria nella sezione “Un Certain Regard” al Festival di Cannes, confermando il talento della giovane artista che ha esordito con “Tout est pardonné”.
L’idea di realizzare questo film deriva dall’esperienza personale della regista, dal suo incontro con il produttore cinematografico Humbert Balsan, un anno prima che si togliesse la vita (il 10 febbraio 2005). Balsan aveva intenzione di produrre il suo film d’esordio, e in quest’opera c’è una traccia ben delineata di questa volontà.

Grégoire Canvel è un produttore cinematografico, sempre in movimento e soprattutto sempre al telefono. Ha una bella famiglia formata dalla moglie e dalle loro tre figlie, che adora. Con la sua compagnia, l’indipendente Moon Films, sta producendo più film contemporaneamente, tutti in fase di compimento, ma quello del regista Stig Janson gli dà parecchi grattacapi finanziari a causa delle esigenze e pretese dello stesso regista. Un evento sconcertante invade la vita della sua famiglia, che si troverà a dover fronteggiare delle situazioni a cui nessuno è preparato.
L’allora esordiente Mia Hansen – Love ha conosciuto Balsan nel 2003, durante un festival del cortometraggio, ricevendo un premio, per il suo primo corto, dalle sue mani. Humbert Balsan credeva nei giovani autori e puntava su di loro, come pure sui cineasti mediorientali, le cui opere, grazie al suo intuito, sono arrivate in Europa. Era un uomo che amava il cinema, carismatico, generoso e aperto al nuovo.

Quella delineata dalla regista non è in tutto e per tutto la biografia di Balsan, il privato che Hansen – Love mette in scena deriva dalle intuizioni di un anno di rapporto professionale e dai racconti della moglie.
La cineasta ha voluto giocare sui contrasti felicità – tristezza e speranza – disperazione e per ampliare e soffermarsi in egual misura su questi sentimenti, ha optato per una struttura diversa dal solito, una struttura in cui la morte del personaggio avviene a metà della narrazione, né all’inizio, né alla fine. Hansen - Love dà spazio, nella prima parte, alla vita familiare e a quella lavorativa di Grégoire, il rapporto che ha con le figlie e la moglie, che lo amano e lo vogliono di più a casa, che si distacchi almeno in vacanza dal suo cellulare, e il rapporto che ha con i dipendenti, che lo aiutano per quanto possibile.
Al tempo stesso si vede profilarsi la sua solitudine, dovuta alla mancanza di comunicazione, riguardo ai problemi finanziari nei quali sta sprofondando sempre di più e dei quali non parla neanche a sua moglie, tenendo questo peso enorme sulle sue sole spalle. Nella seconda parte si dà ampio respiro all’elaborazione del lutto e alla figura della figlia maggiore, che sembra incanalare su di sé l’eredità spirituale del padre e arrivare a conoscerlo meglio fino a giungere a una maggiore comprensione di Grégoire, che prima di essere un padre è un uomo.

Molti sono gli aspetti che emergono in questo film, tutti trattati con tatto, senza retorica, quasi in punta di piedi e rispettosamente. Il tema dell’incomunicabilità e della solitudine di un individuo sono strettamente correlati, poi il senso di perdita e il superamento del dolore, la necessità di andare avanti unita alla voglia di farlo, infine, ma non meno importante, l’amore per il cinema, per la settima arte visto dal di dentro, visto attraverso lo sguardo di una persona che vive d’arte, crede nelle potenzialità umane che, se hanno la possibilità di essere messe a frutto, sono grandiose.
Non vi si racconta solo la storia di un personaggio, il film tratteggia una visione più ampia, ovvero l’amore per la vita e l’amore per il cinema, il senso della famiglia.
Un altro aspetto che sgorga è il pudore di tenere per sé le situazioni negative da parte di lui, e il pudore di non chiedere del lavoro del marito, se non è lui a prendere l’iniziativa, da parte di lei, che Mia Hansen – Love ritiene essere parte integrante della “sfera di libertà personale” di un individuo.
La saggezza, la calma, la lucidità, la forza e l’energia, la mancanza di risentimento sono tutte peculiarità insite nella figura di Sylvia, la moglie di Grégoire, che la regista ha trovato in Chiara Caselli. L’attrice ha reso al meglio il suo personaggio, rendendola una donna forte, “di una forza naturale non ostentata”, per stessa ammissione di Caselli. Tutti gli attori sono stati perfetti infondendo quella veridicità di cui la regista ha dotato i personaggi, non più figure sullo schermo, ma persone reali e autentiche.

Il padre delle mie figlie è un film che riesce a parlare di tematiche importanti con delicatezza senza appesantire lo stato d’animo dello spettatore, infondendo liricità ad alcune scene, pacate ma di forte impatto emotivo.
Il cinema è vita, anche e soprattutto per Mia Hansen – Love, che parla del lavoro cinematografico trattando gli aspetti positivi, ma evidenziando anche quelli negativi, che difficilmente lo spettatore può conoscere, se non chi è del settore e riesce a farlo con una naturalezza e un’abilità che non si trova ovunque.
È un film che ha già conquistato molti e che ha le carte in regola per piacere a tutti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere