HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico arrow In questo mondo libero
Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
In questo mondo libero PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Piergiorgio Ravasio   
mercoledì 26 settembre 2007

In questo mondo libero
Titolo originale: It's a Free World
Gran Bretagna, Germania, Italia, Spagna: 2007 Regia di: Ken Loach Genere: Drammatico Durata: 96'
Interpreti: Kierston Wareing, Juliet Ellis, Leslaw Zurek, Faruk Pruti, Branko Tomovic, Serge Soric, Radoslaw Kaim, Frank Gilhooley, Raymond Mearns, Steve Lorrigan
Sito web:
Voto: 8
Recensione di: Piergiorgio Ravasio

64venezia_piccolo.jpg

 

 

inquestomondolibero_leggero.jpgDefinita – forse non a torto – “il laboratorio del mondo”, la Gran Bretagna può tranquillamente essere considerata a tutti gli effetti lo specchio di una società dalle radicali trasformazioni.
Una campagna che, negli anni, ha ceduto il passo al repentino diffondersi di fabbricati, capannoni, depositi e supermercati dove la gente lavora spesso sottopagata e il lavoro saltuario e a termine è ormai il cuore di questa enorme trasformazione che si sta verificando nel mondo dell’occupazione.
Accanto alla moltitudine di immigrati che hanno trovato un regolare posto di lavoro, convivono gli stranieri senza alcuna specializzazione, che sono divenuti la nuova forza lavoro: arrivano con la speranza di un salario e di un lavoro a tempo pieno e, invece, finiscono a far parte di quella vasta e transitoria cerchia di operai giornalieri che ignorano se quel determinato giorno lavoreranno o meno. Questo è il mondo in cui la protagonista Angie (la poco conosciuta Kierston Wareing) si muove abilmente e sogna di costruire il proprio futuro. Donna forte, energica, problematica e piena di ambizioni, proviene da una famiglia operaia. Senza una posizione lavorativa soddisfacente e con un figlio alle spalle (che però vive coi nonni), le sue ambizioni sono rimaste fortemente frustrate e il sogno di un futuro certo per lei la porta a sfruttare questa occasione perché capisce che questo è il momento adatto.
Con una certa continuità nell’essere passata da un lavoro all’altro e temendo di non garantirsi un futuro dignitoso, Angie non vuole fare una brutta fine ed è così che inizia a vivere alle spalle dei lavoratori stranieri creando, assieme all’amica Rose, un’agenzia di lavoro temporaneo per accaparrarsi quel rispetto che non le è mai stato tributato.
Sullo sfondo di una città dove la presenza di una grande varietà di culture diverse la rende adatta per rappresentare questa tematica, dove ognuno parla la sua lingua e l’assenza di comunicazione contribuisce a non far emergere un certo tipo di problemi, il regista Ken Loach si muove egregiamente dietro la macchina da presa tornando alle tematiche sociali tanto care alla sua regia.
Nel 2000 con “Bread and Roses” parlava degli immigrati messicani a Los Angeles; in “Un bacio appassionato” ha narrato le vicende della seconda generazione degli immigrati pakistani; con “Paul, Mick e gli altri” si è concentrato su un gruppo di operai della ferrovia che lottano contro la privatizzazione.
Ora, dopo la Palma d’oro a Cannes l’anno scorso per il film “Il vento che accarezza l’erba”, e fresco di anteprima al recentissimo Festival del Cinema di Venezia, Loach torna a condannare il sistema sociale in cui le imprese prosperano grazie alla disperazione di una moltitudine di gente, che fugge dalla guerra o dalla disoccupazione, per arrivare in Europa nella speranza di trovare lavoro.
Precariato, turni e modalità di lavoro, interesse verso il fenomeno dell’immigrazione e verso gli immigrati, vita che conducono, ragioni che li spingono a venire in Europa, difficoltà burocratiche per ottenere un visto di soggiorno.
Tematiche tutte elencate in una pellicola dal ritmo ben sostenuto, che appassiona lo spettatore nei novanta minuti circa di durata e che dipinge situazioni economiche diffuse ovunque e che ormai rappresentano il cuore del nuovo sistema economico con la sua malcelata forma di ipocrisia: un sistema che, senza queste forze lavoro, non potrebbe continuare a sussistere, ma che nel contempo non nasconde il desiderio di espellere dal proprio paese (per altre ragioni) la stessa forza lavoro.
Puntando non tanto il dito sugli sfruttati, quanto sui comportamenti e sulla mentalità dello sfruttatore che ne trae profitto, il regista vuole analizzare la “normalità” di quel mondo e modo diffuso che, nella sua apparente non violenza, è finito per assumere una forma di tolleranza e di accettazione pressoché diffusa.
Frutto, sicuramente, di scelte politiche della “modernizzazione e della tanto invocata globalizzazione” davanti alle quali tutti sembrano aver assunto un atteggiamento di rassegnazione.
Nell’insieme la pellicola merita di essere certamente vista anche solo per farci sbattere in faccia (forse ne abbiamo bisogno …) quel mondo che un po’ tutti noi tendiamo ad ignorare e che Angie, moderno personaggio dei nostri tempi, ben caratterizza con la sua doppia personalità: donna che sa essere amabile ma anche altrettanto spietata e dura, egoista ma anche passionale e generosa.
Seguire la sua storia significa cambiare anche il nostro punto di vista su una vicenda che porta il pubblico – inizialmente dalla sua parte - a non identificarsi più con la sua ambizione che la rende aggressiva, perseguendo i suoi obiettivi senza più curarsi delle persone che la circondano.
Lo sfruttamento dei lavoratori invisibili quanto appartiene alla nostra società contemporanea?
Quante Angie incarnano lo spirito di questa nostra epoca?
E soprattutto: quanto ci fanno comodo personaggi come lei che nascondo alla nostra vista tante situazioni vergognose che si consumano nei luoghi di lavoro e che anche a noi può far comodo il non voler vedere?
Un “mondo libero” da leggere nelle mascherate pagine di un ottimo manuale di regole imprenditoriali, economiche e di marketing.
Ma leggiamolo fino all’ultima pagina; perché è solo alla fine che possiamo renderci conto di quanto davvero viviamo (e se viviamo) in un mondo libero e di come la società possa spingerci a lavorare all’interno di esso senza guardare in faccia a nulla e a nessuno.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere