Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Intrigo a Berlino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Mauro Corso   
mercoledì 28 febbraio 2007

Intrigo a Berlino
USA: 2006. Regia di: Steven Soderbergh Genere: Drammatico Durata: 107'
Interpreti: George Clooney, Cate Blanchett, Tobey Maguire, Leland Orser, Tony Curran, Beau Bridges, Robin Weigert, Dave Power
Recensione di: Mauro Corso

intrigoaberlino.jpgChe Steven Soderbergh non sia sempre e comunque il regista dei blockbuster ma che si riservi una buona dose di sperimentazione lo avevamo già imparato con "Bubble" e con il suo esperimento effettuato in una zona di confine tra cinema ed evento mediatico. Con "The Good German" il regista di "Ocean 11 e 12" porta a compimento un progetto a cavallo tra filologia ed esoterismo, fa cioè rivivere adesso, nel 2000, i fasti del cinema hollywoodiano degli anni '40. Questa sorta di "necromanzia" cinefila non viene attuata solo con un intreccio tipico e con uno studio mirato delle inquadrature e con la ricerca di determinati effetti in fase di post-produzione ma con un vero e proprio recupero dei metodi produttivi di allora e con la fedele ricostruzione dell'estetica dell'epoca in ogni aspetto creativo, dal manifesto fino alla recitazione. Il film si apre appena due mesi dopo la fine della guerra, nel luglio del 1945, alla vigilia del vertice di Potsdam fra Truman, Churchill e Stalin, i tre vincitori del conflitto. La città che fa da sfondo a questa torbida storia di spionaggio, attrazioni fatali ed omicidio è dunque proprio Berlino nella fase in cui è divisa in quattro zone di influenza, rispettivamente statunitense, francese, inglese e sovietica, preludio alla divisione in due della città e della Germania, sospesa fino all'89 tra occidente e universo comunista.
"The Good German" si muove su un duplice binario, da una parte abbiamo la spy story (com'è successo che molti scienziati ex-nazisti siano passati alla ricerca negli Stati Uniti?) e dall'altra la torbida storia di passioni che vede assoluta protagonista Lena, una Cate Blanchett dall'insolita capigliatura nera nell'inedito ruolo di Dark Lady. Lo stile, anche se prende a piene mani dai cliché del cinema di guerra e spionaggio hollywoodiano risente anche dell'influenza del cinema europeo del primo dopoguerra, in particolare del "Trummerfilm", il cinema di macerie. I personaggi si muovono infatti sullo sfondo di una Berlino allo stremo ed il suo disfacimento, la sua rovina sono continuamente in primo piano, una vera e propria metafora dell'immediato dopoguerra. Il fumo delle macerie si è posato ma la ricostruzione vera e propria non è iniziata. In attesa che i potenti della terra decidano. Nonostante tanta perizia da parte di Soderbergh, "The Good German" non è un film che riesce a coinvolgere, i personaggi hanno personalità talmente complesse da essere contraddittorie e disorientanti, mentre negli anni '40 erano piuttosto "tagliati con l'accetta", divisi tra buoni e cattivi. La vicenda vera e propria è in realtà piuttosto scarna e non tutto viene spiegato fino in fondo, dando qualche difficoltà allo spettatore che si trovi a dover tirare le somme dell'accaduto.
Il riferimento finale a Casablanca poi, con una Blanchett in fedora e abito nero, è fin troppo evidente e smaccato per essere considerato un omaggio. E anche se non scivola involontariamente nell'alleniano "Provaci ancora Sam", lascia perplessi e non del tutto soddisfatti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere