Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Io e Beethoven PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Diego Altobelli   
martedì 05 giugno 2007

Io e Beethoven
USA, Germani, Ungheria: 2006. Regia di: Agnieszka Holland Genere: Drammatico Durata: 104'
Interpreti: Ed Harris, Diane Kruger, Ralph Riach, Nicholas Jones, Joe Anderson, Phyllida Law, Matthew Goode, George Mendel
Sito web: www.myriadpictures.com
Voto: 6,5
Recensione di: Diego Altobelli

53.jpgIl Cinema rincorre la Musica nata dal genio di Ludwing van Beethoven: lo segue, lo accerchia, lo acchiappa e infine lo lascia andare verso la libertà morale e creativa, la stessa che ha caratterizzato il maestro.
Anna Holts è una copista cui viene affidato, piuttosto fortuitamente, un lavoro importantissimo: affiancare Beethoven nella copiatura degli spartiti per la Nona Sinfonia. L'incontro non è dei più facili, ma tra i due si instaura, a poco a poco, una sintonia e un'affinità elettiva che porterà entrambi ad una nuova consapevolezza di sé.
Agnieszka Holland, nota non a tutti per "Il giardino segreto" e "Europa Europa", si lancia in questa produzione ambiziosa quanto ammirevole: realizzare una pellicola sugli ultimi anni della vita di Beethoven, fondendo elementi biografici ad altri romanzati: lo stesso personaggio di Anna Holts ad esempio (interpretata dalla bellissima Diane Kruger) è di pura fantasia, ispirato, semmai, a fatti e circostanze citate poi nella pellicola. Regia di maniera quella della Holland, tutta concentrata ad accompagnare le note del maestro con le immagini, a volte tentando scapestrati "rallenty" in stile video clip. E' però il talento, e una buona dose di esperienza, a salvarla in corner dal precipitare vorticosamente nei campi del cinema sperimentale. Nella scena più importante del film, quella della Nona Sinfonia della durata di quasi dieci minuti, riesce molto bene nel connubio musica/immagine che per tutta la pellicola rimane il leit motiv del suo lavoro. Lucida.
Ed Harris grandioso nei panni di Beethoven: interpretazione eccellente e non semplice che riesce a catturare e appassionare, facendo avvicinare lentamente lo spettatore ai turbamenti interiori vissuti dal musicista: molti dei quali, è bene ricordarlo, dovuti alla sua sordità. Sdoppiamento.
La musica come voce di Dio, la realizzazione di questa come eco delle sue parole. Beethoven amava scherzare molto con oltraggiosi e blasfemi paragoni tra lui e Dio.
Odiava la sua incapacità di ascoltare le sue note, le stesse che nelle ultime opere dichiarerà essere rivolte ad epoche future. Ed era libero, primo musicista in assoluto a non avere obblighi verso clero o signori dell'epoca. Tutti questi elementi, e molti altri, emergono nella pellicola della Holland e il suo "Io e Beethoven" risulta così un complesso affresco storico/musicale.
Non perfetto, certo, come la musica del maestro, ma con essa condivide il gusto fine per la libertà. Un'immagine sfuggente come una nota su un pentagramma.
Discreto.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere