HOME arrow Fantascienza arrow Légami!
Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Légami! PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Manca   
lunedì 02 agosto 2010

Légami!
Titolo originale: ¡Atame!
Spagna: 1989. Regia di: Pedro Almodóvar Genere: Drammatico Durata: 101'
Interpreti: Francisco Rabal, Victoria Abril, Antonio Banderas, Loles León, Rossy De Palma, Emiliano Redondo, Maria Barranco, Lola Cardona, José María Tasso, Concha Rabal, Julieta Serrano, Momtse G. Romeu, Victor Aparicio, Oswaldo Delgado, Angelina Llongueras, Alberto Fernandez, Francisca Caballero, Carlos G. Cambero, Agustin Almodóvar, Francisca Pajuelo, Alito Rodgers, Virginia Diez, Manuel Bandera, Juana Cordero, José M. Illera Tamakj, Almudena Gracia, Rodolfo Montero, Miguel García, Pedro Losada
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 1990
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Francesco Manca
L'aggettivo ideale: Anticonvenzionale
Scarica il Pressbook del film
Légami! su Facebook

Io non ti guardo, ti ammiro…

LegamiIl titolo dell’ottavo film di Pedro Almodóvar potrebbe, a primo impatto, far alludere lo spettatore privo di cognizioni di causa alla pratica del sadomasochismo, e le cause di ciò non sarebbero neanche così irragionevoli, dal momento che, soprattutto nelle sue prime fatiche registiche, il buon Pedrito ci ha più volte mostrato cosa – e fin dove – la natura umana (etero od omosessuale che sia) sia disposta a spingersi al fine di appagare i propri desideri di natura carnale.
Ma, purtroppo o per fortuna, non è questo il caso, visto che il tema predominante in “Légami!” è l’amore, trasposto in celluloide con tutte le stravaganze e le contraddizioni che si possono riscontrare in tutta la filmografia del cineasta iberico.

Protagonisti assoluti della storia sono un uomo e una donna, tali Marina e Ricky. Lei è un’affascinante e nevrotica attrice cinematografica con un passato da pornostar e da tossicodipendente. Lui è un giovane disadattato appena uscito da una casa di cura, dove ha trascorso gran parte della sua vita. Appena reinseritosi nella società, Ricky ha come unico obiettivo quello di raggiungere Marina, conosciuta un anno prima in una discoteca e con la quale ha passato una notte d’amore. Giunto sino al suo appartamento, Ricky si vede costretto a sequestrare Marina legandola al letto, dal momento che quest’ultima non si ricorda minimamente della notte passata assieme a lui e non si dimostra disposta a condividere i sentimenti del giovane nei suoi confronti. L’intenzione di Ricky è quella di tenere ‘prigioniera’ la sua amata fin quando essa non si innamorerà di lui…

Ci troviamo dinnanzi ad una pellicola della quale è assai difficile decifrare il genere di appartenenza, poiché classificarla come semplice commedia romantica non è solo sbagliato ma anche pretestuoso ed estremamente semplicistico, e ancor più difficile risulta trasformare in parole tutte le sensazioni che affollano la nostra mente al termine della visione.
Possiamo concepire “Légami!” come una sorta di parabola onirica sull’impossibilità di accettare la triste realtà in cui ci si trova costretti a vivere, una realtà dove le persone iniziano ad assumere lo stesso significato degli oggetti e delle cose materiali, al punto che noi stessi, come fa d’altronde il personaggio di Ricky, non vediamo altra possibilità se non quella di appropriarci con tutte quelle che sono le nostre forze delle cose (intese, in questo specifico caso, anche come persone) di cui sentiamo l’inappagabile mancanza e bisogno.
Uno degli intenti del film è, molto probabilmente, quello di cercare di far comprendere agli spettatori che, in un modo o nell’altro, siamo tutti vittime delle nostre dipendenze, che possono essere molto comunemente la dipendenza dalla droga (quindi da cose materiali) avvertita da Marina, che ricordiamo essere una ex tossica, e la dipendenza dalla stessa che pare essere l’unica ragione di vita per quanto riguarda Ricky, che, come avremo modo di scoprire, avrà risvolti quantomeno inaspettati.

Almodóvar non ci parla però soltanto di amore ed attrazione fisica tra l’uno e l’altro sesso, ma dedica inoltre particolare attenzione all’amore dell’essere umano verso l’arte, in questo caso l’arte cinematografica, e lo fa non solo in maniera plateale e conforme alla narrazione attraverso il personaggio del regista Máximo Espejo, ossessionato anch’esso dalla bellezza di Marina, ma ne compie altresì un interessante sviluppo attraverso il linguaggio prettamente cinematografico, facendo della macchina da presa l’oggetto indispensabile per appagare il proprio voyeurismo. Analogamente ad uno pionieri della New Hollywood quale Brian De Palma, anche Pedrito considera il porno come un valido espediente per dare sfogo alle proprie pulsioni voyerstiche, riuscendo tuttavia a mantenerne il distacco quando si trova a girare un’intensa scena di sesso tra Ricky e Marina che verrà sicuramente ricordata come una delle più significative e curiose della cinematografia anni ’90.
L’efficacia dimostrata dal punto di vista stilistico e tecnico, con un’ottima colonna sonora firmata dal nostro Ennio Morricone, è consolidata inoltre da ottime interpretazioni da parte di tutti gli interpreti, con una doverosa nota di merito ai due protagonisti: Antonio Banderas e Victoria Abril, artefici di due performance tanto bizzarre da sembrare quasi fumettistiche ma indubbiamente emozionanti. Da sottolineare il fatto che, Banderas, sino ad allora uno degli attori feticcio di Almodóvar, al termine delle riprese ha definitivamente abbandonato (a livello professionale) la natia Spagna andando alla ricerca del Sogno Americano, divenendo in tutto e per tutto un divo di Hollywood.

La non indifferente complessità del ruolo e la meticolosa preparazione a cui si è dedicato lo spinsero infatti a lasciare da parte i personaggi ‘difficili’ come il suo Ricky a favore di ruoli dallo stampo dichiaratamente commerciale.
Per i seguaci del cinema Almodóvariano più sperimentale ma come sempre appassionato, questa commedia totalmente sui generis, se confrontata con gli attuali format dell’industria cinematografica statunitense ed europea, rappresenterà certamente un’autentica gioia per gli occhi, mentre gli amanti delle classiche storielle romantiche che oggi vanno tanto di moda a Hollywood così come nel nostro Bel Paese, farebbero meglio a restarne alla larga. Potrebbero non capire…

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere