HOME arrow Fantascienza arrow La donna che canta
Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
La donna che canta PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 20
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
lunedì 17 gennaio 2011

La donna che canta
Titolo originale: Incendies
Canada: 2010. Regia di: Denis Villeneuve Genere: Drammatico Durata: 110'
Interpreti: Lubna Azabal, Mélissa Désormeaux-Poulin, Maxim Gaudette, Remy Girard, Abdelghafour Elaaziz, Allen Altman
Sito web ufficiale: www.incendies-lefilm.com/#/bandeannonce
Sito web italiano: www.luckyred.it/ladonnachecanta
Nelle sale dal: 21/01/2011
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Penetrante
Scarica il Pressbook del film
La donna che canta su Facebook

La donna che cantaIl regista e sceneggiatore Denis Villeneuve è al suo quarto lungometraggio con “La donna che canta”, che arriva nelle sale italiane con alla spalle la conquista di riconoscimenti internazionali, tra cui il premio come Miglior Film Canadese vinto al Toronto International Film Festival.
Inoltre è stato scelto per rappresentare il Canada agli Oscar 2011 nella categoria Miglior Film in Lingua Straniera.

Denis Villeneuve è uno degli autori più talentuosi della nuova generazione di cineasti canadesi, i suoi film precedenti sono stati presentati a numerosi Festival, facendo incetta di premi.
Il film racconta il viaggio di due gemelli, Jeanne e Simon Marwan, nell’affannosa ricerca delle proprie origini. Dopo la morte della madre, Nawal Marwan, Jeanne e Simon vengono convocati dal notaio Lebel per la lettura del testamento. La madre ha lasciato due lettere, indirizzate una al loro padre, che credevano morto, e una a un fratello che non credevano di avere. Viene chiesto loro di ritrovarli, solo allora riceveranno la lettera a essi destinata e sarà tutto chiarito. Simon prende subito le distanze da questa ricerca, invece Jeanne si mette in viaggio, con l’intento primario di conoscere il passato della madre, sul quale si è sempre taciuto.

Il film è l’adattamento dell’opera teatrale del drammaturgo canadese Wajdi Mouawad, rappresentata per la prima volta in Francia nel marzo del 2003 e in Quebec un mese dopo. L’opera è stata rappresentata con successo in vari Paesi, Italia compresa. Il film è una co-produzione Canada-Francia ed è stato girato in Quebec e in Giordania.
La prima figura che lo spettatore vede, all’inizio del film, è quella di un ragazzo, che ha lo sguardo fisso in macchina, mentre questa fa un primo piano che va a stringere sui suoi occhi, sempre più stretto.
La sua sembra essere un’espressione di sfida: sfida il pubblico a guardare ciò che seguirà e se avrà il coraggio di entrare nel suo orrore, di guardarlo da vicino e non rimanerne distaccato.

La musica che accompagna questa prima scena è perfetta e dà subito la percezione che la storia che si svilupperà di lì a poco, non è una storia semplice, né come tutte le altre. Con poche inquadrature il regista riesce a dare alcuni indizi, che serviranno in seguito, per venire a capo di un puzzle che lentamente si costruisce, portando alla luce non solo gli orrori della guerra sul singolo, ma anche le ripercussioni sul proprio futuro e su quello dei propri cari. Villeneuve costruisce una narrazione alternata: mostra ciò che accade a Nawal, lungo tutta la sua esistenza, e il viaggio di Jeanne alla riscoperta di sua madre e delle lacerazioni subite.
Il cineasta mette in evidenza il coraggio e la resistenza delle donne, il loro non fuggire davanti a nulla, la loro tenacia e determinazione, il loro infinito amore e il saper perdonare. I visi dei militari e dei combattenti (che raffigurano la guerra) non sono mai inquadrati, in quanto sono esseri indistinti e senza identità.
Gli unici uomini inquadrati sono quelli che hanno un contatto diretto e incisivo con Nawal e i due gemelli.

Un aspetto che Denis Villeneuve sottolinea è la reticenza dell’uomo rispetto alla donna di agire. È Jeanne che decide di trovare padre e fratello e che spinge, in un secondo tempo, Simon a non tirarsi indietro, a fare anche lui la sua parte. Le donne, come sempre, sono quelle che non chiudono gli occhi davanti a nessuna situazione, mai.
“La donna che canta” è uno di quei film che squarciano il velo sulla condizione di sottomissione della donna, diffusa ancora in molti Paesi. È un film che commuove e fa riflettere e che racconta gli orrori della guerra in modo incisivo e diretto, ma mostra anche l’infinito amore di una madre e il senso del perdono, perché solo col perdono si può sgretolare l’odio che risiede nei cuori.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere