HOME arrow Fantascienza arrow La fuga
Mercoledì 28 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La fuga PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
sabato 01 agosto 2009

La fuga
Titolo originale: Dark Passage
USA: 1947  Regia di:Delmer Daves Genere: Drammatico Durata: 106'
Interpreti: Humphrey Bogart, Lauren Bacall, Agnes Moorehead, Bruce Bennett, Tom D'Andrea.
Sito web:
Nelle sale dal: 1947
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli

La fugaDal romanzo omonimo di David Goodis  , “Dark Passage” si erge a capolavoro del genere noir. Il regista Delmer Daves , già autore de “ La casa rossa “ , torna dietro la cinepresa per impressionare sulla pellicola un noir che trascende la natura stessa del genere .
Il film gioca con la tensione del fruitore grazie ad un’accorta modulazione del masochismo , derivante dal desiderio verso un oggetto mancante .
Mentre il noir ribalta il paradigma classico della narrazione onnisciente , questo film ribalta la dinamica del noir della presenza ossessiva del protagonista , in luogo di una ripresa in soggettiva per più di metà film.
Vincent Parry , il protagonista , deve trovare il proprio assassino attraverso una soggettività che non potrebbe mai raggiungere tale scopo in solitudine .
E’ infatti grazie ad Irene , una brava Lauren Bacall , che riesce a fuggire e a trovare un appoggio quanto mai essenziale . In città Parry viene riconosciuto da un tassista che gli propone una plastica facciale , al fine di conferirgli una nuova identità .
Bogart subisce un’operazione molto delicata al volto per cambiarsi i connotati .
Di grande impatto il rivelamento , dopo ben sessantaquattro minuti , davanti allo specchio nella casa di Irene . A questo punto Bogart deve guardarsi , oltre che dalla polizia , anche da un malvivente che ha scoperto la sua vera identità e vuole ricattarlo . Parry riesce ad individuare il colpevole in una donna che aveva testimoniato contro di lui al processo . Ma quando l’opera si avvia verso un‘ovvia conclusione , l’assassino cade dalla sua finestra .
Daves ci spiazza anche nel finale , quando assistiamo ad un Happy ending  alquanto improbabile , con la coppia Bogart Bacall che si riunisce felicemente in Perù . Il finale lascia tutti di stucco, con un’ellissi improbabile che proietta lestamente da un’atmosfera di pura tensione, ad un idillio fiabesco.
I caratteri dei due personaggi restano , nel corso di tutta la pellicola , difficilmente comprensibili . Sia noi che Parry , che glielo chiede chiaramente , non riusciamo a discernere il vero motivo che spinge una donna a rischiare la vita per salvare quella di uno sconosciuto .
La motivazione diegetica dell’interesse per i grandi processi , legati anche ad un passato poco felice , non basta a giustificare un comportamento similare a quello delle eroine dei serial queen melodramma dei primi decenni del secolo .
Quanto a Parry bisogna segnalare un cambiamento diegeticamente inspiegabile , se non attraverso un’ellissi catartica . 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere