HOME arrow Fantascienza arrow La rivincita di Natale
Lunedì 8 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
La rivincita di Natale PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Ciro Andreotti   
giovedì 13 gennaio 2011

La rivincita di Natale
Titolo originale: La rivincita di Natale
Italia: 2003. Regia di: Pupi Avati Genere: Drammatico Durata: 99'
Interpreti: Diego Abatantuono, Carlo Delle Piane, Alessandro Haber, Gianni Cavina, George Eastman
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: 
Nelle sale dal: 30/01/2004
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Nostalgico
Scarica il Pressbook del film
La rivincita di Natale su Facebook

La rivincita di NataleDurante una serata in casa di un amico: Franco Mattioli, impresario di una trentina di sale cinematografiche della Lombardia, viene a conoscenza che un suo vecchio amico, Lele Bagnoli, versa in gravi condizioni di salute. Franco raggiunta Bologna e riconcialiatosi con Lele gli comunica che a distanza di diciassette anni vuole rigiocare la partita a poker dalla quale uscì rovinato.
Riuniti tutti gli altri componenti di quella partita Franco si ritroverà sempre la sera di Natale a rigiocare una rivincita attesa da molti anni.

Franco Mattioli, Ugo Cavara, l’avvocato Santelia , Gabriele 'Lele' Bagnoli e Stefano Bertoni hanno nuovamente preso scuse dai rispettivi impegni natalizi per passare assieme la serata della vigilia.
Non li guida oggi come allora, il senso di un’amicizia già agonizzante diciassette anni prima, ma bensì la vendetta covata da Franco (Abatantuono) che ingannato dai suoi ex amici rimase rovinato ma che con grande fatica riuscì a risollevarsi. Gli anni passati e i segni del tempo inesorabile sembrano non aver risparmiato nessuno: Santelia (Dalle Piane) è forse il meno segnato sia nello spirito che nell’aspetto,  tutt’ora è un ricco industriale di Lamezia Terme che si diletta fra lezioni di danza e serate passate a giocare a poker per puro divertimento. Ugo (Gianni Cavina) ha passato più anni dietro le sbarre che a proseguire il suo lavoro di “teleimbonitore”, del quale ormai conserva solamente un pallido ricordo, e ora è  ridotto a lavorare come cameriere in un ristorante etnico: “……. come uno dei pochi bianchi che in questo paese si ritrova a lavorare per i neri”.

Lele (Haber) affetto da una grave malattia, per il poco tempo che gli resta da vivere, lavora all’archivio della cineteca comunale. Stefano (Eastman) ha scelto di vivere, e diventare socio, di un antiquario d’arte. Chi meglio, e chi peggio, tutti hanno “tirato avanti” uno solo però accecato dalla vendetta, che lo ha reso insonne, non si è accontentato del denaro accumulato negli ultimi tre lustri. Franco venuto a conoscenza delle gravi condizioni di Lele parte alla volta di Bologna per capire quanto tempo può restargli per portare a compimento la sua personalissima vendetta. Riorganizza il medesimo tavolo e ovviamente vuole rifarsi di una vita piena di astio. Dopo “Il Cuore Altrove” Avati mette a segno un piccolo capolavoro della sua ormai trentennale carriera, spinto dalle richieste degli attori di un suo vecchio successo a rievocare i personalissimi fantasmi di un Abatantuono che mai si sarebbe dato pace se non dopo aver portato a conclusione questa nuova partita.

Avati sforna un sequel che anche se non all’altezza del primo film comunque non sfigura minimamente e anzi con la medesima cattiveria che si viene a ricreare ci fa capire che la vendetta in alcuni frangenti può anche far star meglio.
I richiami al film datato 1986 sono continui, la pellicola si apre con un flash back della vecchia partita, i ricordi invadono la vita di Franco che pare ormai vivere in uno stallo temporale e che addirittura la sera della partita ricorda lo scoccare dell’orologio alla mezzanotte del 25 dicembre di diciassette anni prima.
Abatantuono, Haber e Cavina svolgono bene il loro compito, non va dimenticato che grazie a questo film Abatantuono riuscì ad entrare trionfalmente nel cinema che conta affrancandosi dai suoi precedenti personaggi.

Eastman abbandonata la recitazione da tempo, per seguire esclusivamente il suo lavoro di sceneggiatore, è tornato sugli schermi solamente come cortesia nei confronti di un progetto che sentiva anche suo, da li in poi va detto che l’attore di origine genovese ha ripreso a collaborare in qualità di attore di fiction.
Dalle Piane si staglia su tutti e pare sicuramente il giocatore più convincente e attore solido cui un “fisique” non proprio “du role” ha impedito ben altro tipo di carriera. Un nuovo colpo di scena finale modifica ora come nel 1986 le carte in tavola facendo capire che il vero bluff non è quello fra coloro che si trovano al tavolo da gioco ma fra spettatore e pellicola.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere