HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico arrow L'alba della libertà
Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
L'alba della libertà PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 09 febbraio 2009

L'alba della libertà
Titolo originale: Rescue Dawn
USA: 2006 Regia di: Werner Herzog Genere: Drammatico Durata: 126'
Interpreti: Christian Bale, Steve Zahn, Jeremy Davies, Pat Healy, GQ, Chris Tallman, Craig Gellis, Toby Huss, Marshall Bell, Zach Grenier
Sito web: www.rescuedawn.mgm.com
Nelle sale dal: In dvd - Inedito
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Dario Carta

lalbadellalibert_leggero.jpeg"L'alba della libertà" si ispira alla vera storia di Dieter Dengler, (Christian Bale), aviatore americano di origine tedesca, mandato in missione nel Laos, all'alba della guerra in VietNam, nel 1965.
Nel corso dell'incursione, il sua aereo viene abbattuto e Dieter viene fatto prigioniero dalla milizia laotiana e trasferito in un campo di detenzione nel mezzo della giungla, dove conosce altri prigionieri, tra i quali due americani: Eugene, (Jeremy Davies) e Duane, (Steve Zahn).
Subito, Dieter progetta di fuggire con i suoi due connazionali, con l'arrivo della prossima stagione delle piogge e per molti giorni sopravvive nella giungla, cercando, tra mille difficoltà e pericoli,di essere avvistato dalle forze di volo americane.
Il film, nella sua drammatica trasposizione di un fatto realmente accaduto, riprende il tema sviluppato dal regista Werner Herzog,nel suo documentario del 1997 "Little Dieter Needs To Fly", ("Il piccolo Dieter vuole volare"), e lo approfondisce, evidenziando gli aspetti caratteriali del protagonista, inserito in un ambiente ostile e minaccioso e trattando la misura della sua intima realtà di uomo nella sfera degli accadimenti che lo coinvolgono.
Herzog ritorna al tema che contraddistingue la creatività della sua carriera dietro la macchina da presa: la ferma determinazione di un uomo - non - eroe, il cui obiettivo inderogabile è quello di concretizzare il proprio sogno, nel pieno contrasto con la ferocia e crudele indifferenza dell'ambiente che soffoca il suo profondo desiderio.
Come l'ossessione che disegna i tratti di "Fitzcarraldo" e di "Aguirre, furore di Dio", la caparbia ostinazione di Dieter lo guida nella sua ricerca di salvezza, spingendolo agli estremi delle potenzialità umane e sfiorando i lembi di una follia compressa.
La scena della fuga dall'aereo abbattuto, in territorio nemico, condensa angosciosa inquietudine e paura ed evoca la sensazione di smarrimento in una solitudine di un uomo abbandonato ad un destino che presagisce echi di morte.
Herzog intesse e presenta gli eventi di questa prima porzione di pellicola lavorando con taglio documentaristico e configurando uno scarno resoconto di fatti essenziali ed impoveriti da tutto ciò che possa distogliere l'attenzione da quella che è la situazione nella quale il protagonista è inserito.
Quello che caratterizza le sequenze dei primi 30 minuti di film è riconducibile alla condizione di tragica ed isolata solitudine e la precarietà che grava sul destino di Dieter,come la minaccia di un'ombra che possa togliere ogni possibilità di salvezza al protagonista che scivola da una situazione di soldato attivo in missione, alla successiva configurazione di prigioniero alla mercè del nemico.
Ma in questo contesto,colpisce l'atteggiamento di Bale, che regala al suo personaggio un atteggiamento di serafica arrendevolezza,quasi un infantile stupore di fronte ad eventi dei quali non realizza la reale gravità.
Dieter attinge dalla sua naturale purezza, nell'interrogatorio con l'ufficiale laotiano, che con una perfetta padronanza della lingua inglese, (più credibile nelle leggère inflessioni dell'originale), induce il prigioniero a firmare un documento che attesta e condanna l'aggressione del sistema imperialistico americano e la corrotta e traviata politica intrapresa ai danni delle pacifiche classi lavorative.
Ma Dieter manifesta un comportamento di sconcertante tranquillità reagendo all'imposizione con disincarnata purezza ed una disposizione d'animo che sfiora l'incoscienza.
Interrogato sul perchè lui, personalmente, fosse in guerra contro il Laos, Dieter risponde con disarmante serenità che "lui non voleva andare in guerra, ne aveva vista abbastanza ,quand'era bambino.
Lui voleva soltanto volare!"
Dieter aggiunge che ama l'America, che gli "ha dato le ali ! "
Qui si intrecciano due aspetti primari della persona, che presenta la sua intima essenza.
Per due volte sucessive, nel contesto di pochi secondi, Dieter parla di ali e di volare, quasi fosse lo scopo ultimo del suo agire, il gioco più prezioso in suo possesso ed il regista richiama il suo precedente lavoro del '97,dove Dieter, piccolo, voleva volare (ha bisogno, di volare, nell'originale inglese).
Ma il soldato parla anche dell'America, del suo Paese, che ama, pur non essendovi nato.
Sono due aspetti complementari ed esaurienti di una stessa persona, che li mette in evidenza con la leggerezza quasi incosciente di un bimbo non consapevole della sua situazione, ma fermo e deciso nella sua volontà.

L'incontro con i compagni di prigionia procede sulla stessa linea,con il ritmo lieve di una candida ingenuità che aggrazia uno scenario di una prevedibile certezza: la speranza come dato di fatto.
Herzog non mira al racconto di un uomo -mito ed erigerlo a paladino di una eroica giustizia.
La sua intenzione in "L'alba della libertà", è quella di mettere insieme tre personaggi, riuniti in una situazione estrema,ed osservare il loro comportamento.
Ne risulta, che il film è uno studio sull'atteggiamento umano, un attento esame sulle particolarità che portano ad un interazione fra diverse personalità.
Gene, Dietere Davies, giocano il loro ruolo, creando un dramma di un microcosmo saturato di una condizione di pericolo,con un differente approccio reattivo alla dimensione nella quale sono inseriti.
Gene è una persona docile e remissiva, convinta dell'approssimarsi della salvezza, che verrà, in ogni caso.
Fiducioso dell'intervento dell'esercito, che li salverà, resta ai margini di Dieter e nutre sospetto verso i suoi progetti di fuga, che ritiene superflui e pericolosi.
Al contrario, Duane si allea con Dieter e lo segue fiducioso, riponendo in lui le sue speranze di sopravvivere.
Nel procedere della vicenda Dieter e Duane restano uniti e protesi verso una meta che li unisce e li accomune,formando un binomio di due personaità opposte ma inscindibili.
Dieter si apre all'amico e gli racconta di come, da bambino s'innamorò del volo, quando,durante un bombardamento, un caccia volò così vicino a lui, da permettergli di vedere gli occhi del pilota.
Questa esperienza segnò così profondamente l'animo del ragazzo,che ne restò condizionato per tutta la vita.
E così, in un momento di confessione liberatoria, Dieter, raccontando di sè stesso, confida all'amico che"...da quel momento in poi,il piccolo Dieter ha deciso di volare..."
L'enfasi con la quale Dieter racconta il suo episodio di fanciullo,che lo mise per la prima volta di fronte ad una condizione di morte imminente,aiuta a comprendere la visione infantile che un bimbo ha del proprio futuro,che d'ora in poi lo porterà a vedere la propria vita sulle ali di un aeroplano sul quale volerà in una vita fantastica,vissuta nella gioiosa atmosfera di un sogno illusorio.
E,peraltro,è bellissima la risposta di Gene,che replica:"Sei uno strano uccello,Dieter.Quello cerca di uccidertie tu vuoi rubargli il lavoro!"
All'ostinata decisione di Dieter di fuggire, fa riscontro la tenace convinzione di Gene che la liberazione è prossima,vicina e non per loro merito.
E' vano per Gene,ogni tentativo di procurarsi la libertà con i propri mezzi,perchè la scarcerazione verrà, in ogni caso, per l'intervento esterno dell'esercito, che egli rifiuta pensare possa averli dimenticati.
Il regista  insiste ossessivamente sulle estreme condizioni di vita dei prigionieri,sia nella fase di reclusione nel campo, che durante la fuga nella giungla e fissa ostinatamente l'attenzione sull'interazione fra i personaggi e sul reciproco rapporto che si instaura nelle diverse situazioni, evidenziando i tratti dei rispettivi caratteri e le natura del temperamento che li contraddistingue.
La forza della determinazione di Dieter si rivela sorprendentemente risoluta,nell'episodio dell'organizzazione della fuga,quando il protagonista manifesta il suo rabbioso anelito alla libertà,confermando la sua posizione di leader all'interno della compagnia.
Herzog sottolinea che la sopravvivenza richiede una attenta combinazione di attenzione ai dettagli e di vigilanza,non disgiunta da una pronta immaginazione,abilità e fede e Dieter sembra essere un maestro di questa arte.

Il suo atteggiamento vaporoso e stupito di uomo che stenta a coniugare la propria fantasia con la realtà che sta vivendo, viene scalzata con risoluta veemenza da una ferrea volontà protesa al raggiungimento del fine ultimo: eliminare i ceppi che gli impediscono di volare nel cielo liberamente,come un uccello o un aeroplano.
Scritto e diretto da Herzog, come suo primo lavoro a Hollywood, prodotto a basso costo, nonostante il buon cast,"L'alba della libertà", è passato inosservato in Italia e non ha mai conosciuto il grande schermo, uscendo solo in versione DVD.
Accolto, invece in USA da una critica favorevole e ben disposta a riconoscerne i valori, la pellicola reclama a pieni polmoni il suo diritto all'elogio al valore militare americano, in un'ottica patriotica divergente da una visione interventistica che decretò allora ed oggi un'immagine triste di un Paese coinvolto in una sconfitta politica a livello planetario.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere