HOME arrow Fantascienza arrow Lettera da una sconosciuta
Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Lettera da una sconosciuta PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
sabato 01 agosto 2009

Lettera da una sconosciuta
Titolo originale: Letter from an Unknown Woman
USA: 1948 Regia di: Max Ophüls Genere: Drammatico Durata: 90'
Interpreti: Joan Fontaine, Louis Jourdan, Mady Christians, Marcel Journet, Art Smith
Sito web:
Nelle sale dal: 1948
Voto: 9
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli

lLettera da una sconosciutaIl grande regista tedesco Max Ophuls, dopo il discreto successo di “ Re in esilio”, torna dietro la macchina da presa con il suo capolavoro “ Lettera da una sconosciuta”.
Il film in questione costituisce l’acme del genere melodrammatico per forza visiva, abilità testuale ed interpretazione artistica. In una Vienna fredda e spettrale di inizio Novecento, il pianista playboy Stefan non comprende l’amore della giovane Lisa e finisce per metterla in cinta, per poi dileguarsi nel nulla.
Il film si apre con il principio del finale, attraverso un invito a duello ed una lettera che giunge al protagonista da parte di una donna “sconosciuta”.
La lettera incarna la cessazione del lungo silenzio, nel quale la bella Lisa si era dissolta per molti anni; vi era tutto il suo dolore,la sua nostalgia,la sua storia raccontata da una donna innamorata e smarrita.
Attraverso la lettura di Stefan veniamo trainati da un lungo flashback attraverso tutte le tappe della loro storia: dal corteggiamento della fanciulla, alla scomparsa dell’uomo, fino al decesso del figlio per tifo.
Ci identifichiamo dal primo istante con l’amore sconfinato della donna e più tardi con il suo ineluttabile dolore. A distanza di anni i due si rincontrano in un teatro: lei lo rivede e rifugge dai consigli del marito per poterlo ritrovare.
Giunta nella sua casa, viene riconosciuta solo dal servo sordo, ma non certo da lui.
La musica, assordante e spasmodica in tutto il film, irrompe nuovamente nel presente con una gravità assoluta; a pochi minuti dal duello che vedrà contrapposto il protagonista con il marito offeso della donna. Stefan che all’inizio della pellicola voleva sottrarsi alla regolazione dei conti, ora decide di voler combattere: la lettera,la donna e la sua vita si mescolano senza soluzione di continuità.
Questa volta decide di prendersi la responsabilità più grande: quella di morire da uomo, dopo aver vissuto da inetto. La scena finale è di un impatto emotivo inenarrabile, attraverso la sua allucinazione della fanciulla che un dì lo colpì più di ogni altra.
Per il protagonista le donne sono solo un oggetto,un mero vettore per la sua soddisfazione narcisistica. Max Ophuls dipinge con delle tinte chiare ma espressionistiche, il ritratto di due fallimenti: quello amoroso della donna e quello esistenziale dell’uomo.
E’ la storia di una donna, attraverso la catarsi di un uomo.
La recitazione di Joan Fontaine duetta alla perfezione con la figura di Louis Jourdan, che ondeggia sempre tra verità e peccato.
Il melodramma di Ophuls non ha un lieto inizio,non possiede un lieto finale,né tantomeno un plot lieto; è un melodramma che trae la propria forza dalla sua intensità.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere