Lunedì 15 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Lo spazio bianco PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Monica Prisco   
mercoledì 18 novembre 2009

Lo spazio bianco
Titolo originale: Lo spazio bianco
Italia: 2009 Regia di: Francesca Comencini Genere: Drammatico Durata: 96'
Interpreti: Margherita Buy, Gaetano Bruno, Giovanni Ludeno, Antonia Truppo, Guido Caprino, Salvatore Cantalupo, Maria Pajato
Sito web: 
Nelle sale dal: 16/10/2009
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Monica Prisco
L'aggettivo ideale: Possente

Lo spazio biancoA chi capiterà di imbattersi nell’ultimo film di Francesca Comencini, “Lo spazio bianco”, sarà sorpreso di trovare una perla di Cinema, con la C maiuscola. La pellicola è girata magistralmente, con una cognizione dello specifico del mezzo cinematografico.
Un cinema fatto non solo di parole e storie, di attori e interpreti; un cinema fatto di luci e ombre, di finestre velate, di continui salti temporali, di suoni e silenzi.
Un cinema che racconta la vita dal di dentro, utilizzando i mezzi propri della tecnica cinematografica: la luce anzitutto, curata dall’occhio di Luca Bigazzi, sempre attentissimo ai contrasti cromatici e ai giochi di luce. In questo film la funzione della fotografia è centrale, non solo nella predominanza del bianco lattiginoso che avvolge l’intera città di Napoli, quasi fosse una corrente visiva che spira dal mare e/o dai due monoliti del monte Somma e del Vesuvio, confini di un mondo circoscritto, metafora del ventre materno, che accoglie e rigetta la vita, immergendo la brulicante umanità partenopea in un limbo di attesa che ferma il tempo in un eterno presente.

La fotografia consente così alla cinepresa di isolare e connotare lo spazio in cui i personaggi si muovono, ognuno nel proprio limbo, ognuno nel proprio privato spazio d’attesa: il magistrato e la sua scorta, in costante attesa di un plausibile attentato; le madri, in attesa di una evoluzione o involuzione della fragile esistenza dei propri figli; gli studenti di Maria, in attesa dell’esame; la donna che lascia la scuola serale, in attesa di tempi migliori, in cui potrà riprendere i suoi studi.
La vita è una successione di attimi d’attesa, rivelati dai gesti nervosi di Margherita Buy o dagli occhi assonnati dell’ex compagno di Maria o da quelli cerchiati di dolore delle madri dell’ospedale, dalle sigarette rubate in terrazza dal magistrato.
L’attesa è uno spazio di solitudine profonda e intensa che la protagonista riesce però a condividere con le altre madri, pur così diverse da lei ma accomunate dalla condivisione di un tempo sospeso nel vuoto
La maternità estroversa, l’utero rivelato, rigirato all’esterno diventa una fredda macchina, con un cuoricino pulsante, oracolo a cui le madri tendono tutte se stesse, nella speranza di leggerci una qualche novità, una modifica che possa spezzare l’incubo dell’attesa. 
La narrazione visiva segue il filo logico delle priorità estemporanee di Maria e gli episodi di vita vissuta diventano così immagini prive di sonoro, rallentate o inondate di segni che sottolineano inequivocabilmente la distanza tra la protagonista e gli altri, specialmente nel caso dell’abbandono da parte di Pietro, l’amante.
Gli spazi in cui gli attori si muovono non sono però mai compressi e chiusi ma lasciano sempre una possibilità alle persone di muoversi e di operare scelte.  Maria esterna le sue paure e la sua sofferenza con l’amico Fabrizio, che l’accoglie e la sprona a non mollare.

La musica completa le suggestioni visive con un contrappunto puntuale e vario che va dalla disco alla  canzone d’autore, cantata con emozione e rigore da Margherite Buy..
Era tanto che non si vedeva un film così: non solo sincero ed onesto ma un film che, partendo da un discorso sul femminile e sulla sua massima realizzazione, sulla maternità, tocca, con una leggerezza e insieme con una grande serietà, un ventaglio di temi, cominciando dal rapporto di coppia e dall’interrogarsi semplice  ma profondo, sull’oppurtunità di misurarsi con esso o di rigettarlo in quanto fonte di difficoltà e di delusioni, passando per un dibattersi in una solitudine  che sa di gabbia dorata, in cui la protagonista si rifugia, proteggendosi quasi dal mondo esterno, per abbandonarsi alle sue passioni private di cinefila e di instancabile lettrice;  e non tralasciando però di ricordare le difficoltà sociali e politiche della città in cui Maria vive, non dimenticando dunque il clima di guerra che attanaglia non solo la vita del magistrato ma anche quella di tutti i suoi abitanti.
E Maria non si nega al suo dolore, abbraccia la vita e  il tempo dell’attesa con la dignità di chi sa di avere un’identità precisa, di essere madre. E chiede che il suo dolore e la sua attesa siano rispettati e dunque non inquinati da riferimenti decontestualizzanti che richiamano ai concetti cattolici di speranza e rassegnazione.
L’attesa è un tempo pieno, ingombrante, teso, mai vuoto:il ventre materno è stato svuotato del suo contenuto e l’attesa si è esteriorizzata in tutta la sua brutale evidenza  nella fragilità dell’esistenza umana, colta nel suo punto più alto, la riproduzione.
Il romanzo di Valeria Parrella a cui il film si ispira diventa così quasi un pretesto per raccontare una porzione d’umanità dolente ma  comunque impegnata in una strenua lotta per la sua stessa sopravvivenza.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere