Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Lourdes PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 19 febbraio 2010

Lourdes
Titolo originale: Lourdes 
Austria, Francia, Germania: 2009  Regia di: Jessica Hausner  Genere: Drammatico  Durata: 99'
Interpreti: Sylvie Testud, Léa Seydoux, Bruno Todeschini, Elina Löwensohn, Elina Lowensohn, Katharina Flicker, Linde Prelog, Heidi Baratta, Jacky Pratoussy, Walter Benn, Hubert Kramar, Helga Illich, Thomas Uhlir, Irma Wagner, Gilette Barbier, Gerhard Liebmann
Sito web: www.lourdesilfilm.it
Nelle sale dal: 11/02/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Ascetico

LourdesLourdes è uno di quei buoni film passati all'ultimo Festival di Venezia, ha ottenuto il Premio Fipresci come miglior film, il premio Signis e altri premi collaterali.
E' un racconto sempre in bilico tra fideismo e blasfemia, realizzato con tono apparentemente asettico e freddo. Così ascetico per certi versi che riesce a coniugare senza sortire fratture la musica di Schubert e Bach con quella di Albano e Romina e Fred Bongusto; mostra dei Pellegrini tanto credenti quanto pusillanimi e modesti spiritualmente, fa chiedere domande spirituali importanti a pellegrini ( " Padre, Dio è buono o è onnipotente ? E se è buono perché non salva tutti ? ) e gendarmi dell'Ordine di Malta e fa dare risposte dal prete-accompagnatore che risultano esauste ed evasive ( " Non possiamo sondare la volontà di nostro Signore " ); fa dire a un medico che visita una miracolata: forse non dura, comunque stia il più possibile all'aria aperta. E chi è la miracolata ? Una signorina sfortunata che non sembra nemmeno tanto credente ma solo una gentile e dolce ragazza con una gran voglia di vivere.

Forse proprio per questo stile sottilmente irridente ci potrebbe far dire che è un cinema che ci ricorda Bunuel: ma in questo caso, siamo noi forse a essere blasfemi nel paragone. Nel Maestro Bunuel c'era una carica sovversiva e provocatoria degna dei suoi tempi, tempi molto differenti e imparagonabili. Probabilmente in alcuni passaggi ci ricorda più da vicino il primo Walerian Borowczyk e segue lo scetticismo di Kaurismäki. Il film è girato con stile documentaristico, inquadrature fisse e lunghe ( ogni azione è inserita sapientemente in un'armonia di geometrie ) e interni iper-oggettivi e asettici.
Ogni scena corrisponde a un quadro fisso ( da segnalare, la sequenza iniziale della silenziosa e apatica preparazione della sala da pranzo per i malati ). E i dialoghi sono così essenziali che non riusciamo a sentire la voce della madre-accompagnatrice della protagonista. La giovane donna si chiama Christine, è da anni bloccata su di una sedia a rotelle dalla sclerosi multipla. Rassegnata ma non doma della sua condizione di paralizzata, decide un pellegrinaggio a Lourdes, come tutti spera in un miracolo o almeno in un miglioramento della sua condizione.
Ma la sua speranza non sembra legata alla fede ma solo alla voglia di vivere. Voglia di vivere che si manifesta nello stare con gli altri malati e accompagnatori, nel cercare la conversazione con i giovani volontari dell'organizzazione, nel gustare un pasto o un dessert e mostra la sua allegria sorridendo serena e felice. Al viaggio a Lourdes partecipano malati nel fisico e nella mente, tutti parte di un micro mondo abituato alla sofferenza, all'accettazione della solitudine e rinchiusi nel male di vivere.

D'un tratto accade il miracolo: Christine, una notte riacquista sensibilità alle dita, poi alle braccia e alle gambe, scende dal letto e va in bagno a pettinarsi.
La guarigione improvvisa sorprende tutti e fa scattare negli altri invidie perfide e crudeli. Christine dolcemente allegra si gode il piccolo momento di felicità, sotto lo sguardo invidioso e accusatorio di molti che quando la vedono di nuovo in difficoltà sembrano sollevati " dall'ingiustizia ".
I personaggi del film sono molti ma le protagoniste sono due. Christine, giovane donna dolce e curiosa, delicata e riservata. Sembra quasi "perfetta " ma ha un momento in cui sfoga tutto il suo dolore e il suo male di vivere che in effetti la divora, nel confessionale si dichiara colpevole di invidia per le  persone sane e 'normali'.

L'altra protagonista è Lourdes, un luogo di dolori estremi, di disfacimento fisico, morale e spirituale, dove l'aspetto del business turistico e la mercificazione del luogo di culto, con le sue bacheche di souvenirs e l'organizzazione maniacale, da tour operator la rendono degna del golgota: tuttavia la regista ( " Lovely Rita ", il suo primo lungometraggio, " Hotel ", il suo secondo del 2005 ) si muove in questi meandri con leggerezza e freddezza, mostrandoci tutte le dinamiche che scaturiscono quando si parla dei "massimi sistemi " sull'essere umano, il suo dolore, la sua sofferenza e il suo bisogno di sacro.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere