Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Marpiccolo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
mercoledì 11 novembre 2009

Marpiccolo
Titolo originale: Marpiccolo
Italia: 2009 Regia di: Alessandro Di Robilant Genere: Drammatico Durata: 93'
Interpreti: Giulio Beranek, Anna Ferruzzo, Selenia Orzella, Michele Riondino, Roberto Bovenga, Nicola Rignanese, Giorgio Colangeli, Valentina Carnelutti
Sito web: 
Nelle sale dal: 06/11/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli
L'aggettivo ideale: Sferzante

marpiccolo_leggero.jpg Dopo l’attacco frontale de ''Il giudice ragazzino'', Alessandro di Robilant arriva a toccare i cuori ed i palati dei fruitori, grazie ad una pellicola di grande spessore sociale.
Il regista riporta con taglio documentaristico, l’utopia della fuga di un ragazzo pugliese (Tiziano).
Questi sa amare il padre indebitato, la madre martire, la fidanzata innamorata e la sorellina inconsciamente immersa nella sporcizia del proprio presente.
La fabula di questo Cinéma vérité  è stretta tra un inizio simbolico e due finali possibili.

La pellicola si apre con l’immagine di una vacca esanime che galleggia sul mare, quale carcassa onirica, memore del surrealista L'âge d'or di Bunuel.
Le successive panoramiche dall’alto veicolano il nostro sguardo tra l’inquinamento delle fabbriche e lo squallore delle architetture locali.
Di Robilant enfatizza la prossimità con il protagonista della storia, attraverso l’uso insistito di macchina a mano e jump cut, che fondono alla perfezione la realtà dei fatti con la finzione del cinematografo.
Il figlio è costretto a pagare per gli errori commessi dal padre giocatore di video poker, rubando continuamente per estinguere i debiti dello sconsiderato genitore .Il regista espleta la colpa del papà che pesa sul figliolo, attraverso un montaggio alternato che accosta il pestaggio del primo, con le medesime vessazioni inflitte al secondo.
Eppure il volto sanguinante e duro di Tiziano, trascende la violenza esteriore, per scoprirsi  tenero e disponibile, in ambito domestico, con la sorellina e la madre. Questa sua dicotomia caratteriale viene rafforzata dai suoi incontri sentimentali con Stella, che gli fanno assaporare il sesso e la compassione.

Di Robilant costruisce un racconto ricco di figure maschili perdenti e costellato da donne forti e freudianamente mascolinizzate. Le mamme degli scolari manifestano contro l’installazione di antenne pericolose, limitrofe allo spazio scolastico; la professoressa cerca di svelare a Tiziano la magia della lettura di Conrad; Stella tenta di far comprendere all’amato che mentre ella studia e lavora tutti i giorni, Tiziano ruba e picchia per sopravvivere. Il destino finale di Tiziano è segnato fin dal principio: egli deruba il boss, ma la merce viene riconsegnata dal padre; uccide un macellaio per ordine del capo e finisce nella prigione minorile. Alla professoressa che lo invita a rintracciare la dimensione  oscura in “Cuore di tenebra”, egli risponde:” io il buio lo conosco bene, voglio trovare la luce”.
Anche in prigione continua a pagare per l’omicidio commesso, poiché viene frustato a sangue dagli adepti della vittima.
Il regista continua ad alternare le immagini della lotta ancestrale tra il protagonista ed un compagno di cella, con quella del padre che litiga in un bar.
Tiziano riesce ad evadere dalla prigione solo attraverso le parole di Conrad, che ricorrono in voice over in varie parti dell’opera; ma la tragedia del nostro eroe non si esime dal presentarsi gaudente anche all’uscita dal penitenziario, allorché trova una bella dimora, pagata con i soldi sporchi del boss che ha assoggettato il padre.
Tiziano non ci sta e progetta una fuga a Bologna con la sua ragazza. Di Robilant chiude la pellicola in modo surreale (come l’aveva iniziata) presentando la morte dell’eroe e la sua utopica e possibile fuga verso un destino migliore.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere