Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Milk PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 20
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
giovedì 18 dicembre 2008

Milk
Titolo originale: Milk
USA: 2008. Regia di: Gus Van Sant Genere: Drammatico Durata: 128'
Interpreti: Sean Penn, Emile Hirsch, Josh Brolin, Diego Luna, James Franco, Alison Pill,Victor Garber, Denis O'Hare, Joseph Cross, Stephen Spinella, Lucas Grabeel, , Brandon Boyce, Howard Rosenman, Kelvin Yu, Jeff Koons
Sito USA: www.filminfocus.com
Sito UK: www.milkmovie.co.uk
Nelle sale dal: 23/01/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella

La vera storia di Harvey Milk, consigliere comunale a San Francisco negli anni settanta e militante per i diritti civili degli omosessuali, ucciso da un rivale politico insieme al sindaco della città.

milk_leggero.jpegHarvey Milk è stato il primo uomo politico americano a dichiarare la propria omosessualità e a lottare per i diritti civili del gay. Questo nei lontani anni settanta, quando bandiere e cortei erano all'ordine del giorno e quando gli idealisti potevano ancora sognare, finchè qualcuno non ha cominciato a svegliare tutti a colpi di arma da fuoco.
In America, si sa, le armi da fuoco sono un diritto garantito dalla costituzione, e quindi chiunque ne può possedere una. Ma quello che chiunque non dovrebbe poter fare è, invece, usarle contro chi non la pensa come lui.
Ma questo in America non pare garantito, in realtà, da nessuno.
Così Van Sant ci porta per mano in un'epoca storica in cui i pionieri spesso finivano martirizzati sull'altare di una normalità invocata a gran voce dal popolo americano o dai custodi della sua morale, e ci racconta una delle mille storie di cui l'America è piena: quella di un altro idealista ucciso da un bigotto reazionario. Vi dice nulla? Come dite? Addirittura adesso in America i bigotti reazionari sono al governo e tirano bombe in nome della democrazia? Dev'essere una deriva recente, perchè negli anni settanta si limitavano ad ammazzare prevalentemente tra le pareti di casa e in genere uccidevano tutti quelli che si prendevano la briga di avviare il motore di un quasiasi cambiamento.

Abbiamo così molte storie di persone ammazzate per aver difeso i diritti dei neri, o quelli uccisi per aver tentato di dare dignità ai gay, alle donne, e via così. Ci sarebbe materiale per girare milioni di film. Ed è infatti un altro di questi milioni di racconti che Van Sant ci regala con il suo stile inconfondibile e la sua estetica superiore.
L'atmosfera che si respira è quella possibilista del momento storico, e le bandiere e i piccoli cortei danno un tocco nostalgico al racconto.
I protagonisti sono terribilmente credibili e poeticamente presi dal loro contagioso fervore. E mentre assistiamo all'ascesa politica, raccontata da Milk al suo registratore, vediamo coi suoi occhi tutte le possibilità a disposizione di chi è desideroso di affermare i propri diritti in una nazione che, almeno a parole, si dichiara libera.
Harvey vive sulla propria pelle tutte le contraddizioni di questo spacco tra la realtà e la sua definizione da parte dei media. E se tutto gli sarà sembrato possibile, è certo che la follia, di cui egli trascura i segnali, era appostata sulla sua strada fin dall'inizio.

La sua storia è raccontata in maniera semplice, senza neanche un'ombra del compiacimento guardone che si suppone debba accompagnare certe tematiche.
Quella che vediamo è un'altra storia di persone sacrificate sull'altare di una normalità imposta al punto tale che finisce per soffocare ogni afflato di diversità. E se in alcuni passaggi il racconto appare un tantino didascalico, come ad esempio nelle scene finali e nell'accostamento tra Harvey e il sacrificio di Tosca, che si getta dagli spalti di Castel Sant'Angelo nella rappresentazione teatrale che fa da sottofondo agli ultimi minuti, è solo perchè di certo un'esteta come Van Sant non può non cedere al fascino di un'accostamento sacrilego, anche se leggermente scontato.

Sean Penn si conferma attore di razza, e regala al suo personaggio un'ingenuità velata di quell'idealismo che spesso è il motore dei cambiamenti, i quali spinti a velocità supersonica dal momento storico, vengono a volte arrestati di colpo dalla paura di un singolo.
Mentre Josh Brolin recita con misurata ambiguità la follia che si nasconde dietro la facciata di normalità perbenista e puritana. Ed è in effetti insieme la nemesi di Milk e la rappresentazione del conflitto che anima tuttora l'America, una nazione che prima impone ai suoi figli chi e in che modo amare e poi si spinge fino a prescrivere ad ogni cittadino chi dovrà odiare.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere