HOME arrow Fantascienza arrow Oltre le regole - The Messenger
Venerdì 27 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Oltre le regole - The Messenger PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 16
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
mercoledì 05 maggio 2010

Oltre le regole - The Messenger
Titolo originale: The Messenger
USA: 2009. Regia di: Oren Moverman Genere: Drammatico Durata: 105'
Interpreti: Ben Foster, Woody Harrelson, Samantha Morton, Jena Malone, Steve Buscemi, Eamonn Walker, Merritt Wever, Yaya DaCosta, Brendan Sexton III, Portia, Lisa Joyce, Jahmir Duran-Abreau, Brian Adam DeJesus, Lindsay Michelle Nader, Armand Schultz, Adam Trese, J. Salome Martinez, Peter Friedman, Kevin Hagan, Peter Francis James, Jenny Kirlin, Sam Kitchin, Steve Antonucci, Angel Caban, Gaius Charles, Michael Chernus, J.D. Daniels, Paul Diomede, Fiona Dourif, Lisa Emery, Halley Feiffer
Sito web: www.themessengermovie.com
Nelle sale dal: 16/04/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Tosto
Scarica il Pressbook del film

Oltre le regole - The MessengerL'invasione dell'Iraq di Saddam Hussein da parte degli Stati Uniti nel 2003,ha formulato un'equazione politica sul piano mondiale,retta da quei princìpi di irrequietezza sociale che ancora oggi riportano le posizioni internazionali indietro di più di quattro decenni.
A distanza di quarant'anni l'America non si è lasciata alle spalle il clima di un sud est asiatico lacerato da una guerra interna che ha portato come conseguenza una delle più dolorose ferite nel fianco del Paese preposto ad essere curatore delle sorti dell'equilibrio planetario.

L'Iraq del terzio millennio piange nel cinema quelle stesse eco e rievoca il tormento di una situazione bellica reinnescata,a conferma di un profilo politico imposto da una superpotenza per la quale l'interesse diretto alla condizione sociale appare subordinato rispetto all'economia del profitto nazionale.
L'anima del lavoro del regista israeliano Oren Moverman - veterano nelle fila dell'esercito del suo Paese - e dell'italiano Alessandro Camon,autore della sceneggiatura,porta sugli schermi la pena della guerra e il sussurro mortale dei morti in battaglia recato ai famigliari delle vittime.
Il sergente William Montgmomery (Ben Foster) tornato a casa dalla missione in Iraq,porta con sè le ferite di un conflitto che sente estraneo,un fardello pesante nel corpo e nell'anima trafitta da atroci esperienze.
In patria,William viene assegnato al reparto notificazione vittime e il suo nuovo incarico è quello di comunicare ai parenti dei soldati uccisi la notizia della fine dei loro cari,prima che l'onda dei media o le informazioni di internet possano entrare nelle loro case. Al suo fianco c'è l'inflessibile capitano Tony Stone (Woody Harrelson),legato ad una ferrea disciplina comportamentale,che porterà i due uomini ad un conflitto caratteriale ma anche ad una successiva profonda conoscenza di sè e dell'altro.
I due messaggeri - il titolo originale è "The Messenger" - hanno un preciso protocollo da seguire che non prevede alcuna manifestazione di affetto o partecipazione al dolore che li accompagna.
La divisa che li veste è rigida come il loro atteggiamento di fronte alle diverse reazioni dei destinatari dei loro annunzi,disperazione,rabbia,incredulità,disprezzo.
Il loro discorso è stretto nelle righe di un freddo comunicato standard e nulla può e deve condizionare la loro procedura esecutiva.

"The Messenger" è un film di guerra senza guerra,un dramma che riempie di strazio le parole pronunciate ed ascoltate,un grido alla pena dell'uomo che parla e dell'uomo che ascolta.
I due soldati impegnati in un reciproco confronto esistenziale e professionale,hanno tratti caratteriali opposti,ma ad entrambi viene assegnato il medesimo compito di portare lo stesso contenuto di dolore al prossimo.
Ma l'urgenza del film,più che nella manifestazione verbale,va cercata nei silenzi e nei momenti di taciturna condivisione di una sorte che,nonostante le controversie,accomuna i due protagonisti.
Entrambi si portano addosso le conseguenze di una guerra che non li lascia liberi.
Montgomery è preda di un inferno da cui è uscito vivo ma non indenne;l'uomo è tenuto prigioniero di una intima desolazione e di un senso di smarrimento che gli fa temere di non riuscire a ritrovare più sè stesso lasciandolo fluttuare in un limbo che lo separa dal suo passato ma lo tiene estraneo alla sua nuova vita,trafitta dal senso di colpa per essere sopravissuto,la sindrome di stress post traumatico che richiama alle sequenze del "Cacciatore" di Cimino.

Attorno alle reazioni emotive dei due protagonisti,i laconici silenzi,le parole negli sguardi e i tormentati contegni,il film mostra in filigrana i sintomi del malessere di un Paese non affrancato dal peso di una coscienza politica messa al bando da una ingerenza estesa a tutto il piano internazionale.
"The Messenger",con all'attivo due meritate nominations all’Academy Awards,cui sorprendentemente non fece seguito alcun riconoscimento,non porta in sè alcun segno di retorica,bandisce ogni aspetto accademico e divide con "The Hurt Locker" il sanguinoso risultato di un conflitto politico innervato in una società afflitta e privata dell'innocenza e della pace,ponendosi in un parallelo storico vecchio di quarant'anni e mai dimenticato.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere