HOME arrow Fantascienza arrow Professione: reporter
Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Professione: reporter PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Samuele Pasquino   
venerdì 20 marzo 2009

Professione: reporter
Titolo originale: Professione: reporter
Italia: 1975. Regia di: Michelangelo Antonioni Genere: Drammatico Durata: 126'
Interpreti: Jack Nicholson, Maria Schneider, Ian Hendry, Jenny Runacre, Angel Del Pozo, James Campbell, José María Caffarel, Stephen Berkoff, Ambrose Bia, Manfred Spies, Eva Maria Schneider, Steven Berkoff, Jean-Baptiste Tiemele, Gustavo Re, Charles Mulvehill, Narciso Pula, Miquel Bordoy, Jaime Doria, Joan Gaspart
Sito web:
Nelle sale dal: 1975
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Samuele Pasquino

professionereporter_leggero.jpegIl reporter David Locke (Jack Nicholson) viene inviato in Africa per un servizio giornalistico. Quando David Robertson, un uomo d’affari conosciuto sul luogo, muore nella sua stanza d’albergo, decide di assumerne l’identità.
Tale scelta porterà l’uomo ad essere inseguito dalla polizia, tuttavia una ragazza (Maria Schneider) gli starà accanto.

Uno dei registi italiani più impegnati ed affermati rende omaggio a Pirandello portando sulla scena cinematografica il celebre “Il fu Mattia Pascal”, anche se non ci sono precisi riferimenti al romanzo dello scrittore teatrale. “Professione reporter” è un film che nasce con pretese filosofiche ed introspezioni psicologiche, ma il tema da trattare appare estremamente difficile perfino per un grande maestro del nostro cinema.
Antonioni carica la struttura narrativa di elementi talvolta tangibili ma molto spesso evanescenti, da intuire e cogliere all’interno di una vicenda dalle sottili quanto vaghe sfumature. Partendo dalla scenografia, assistiamo alle lunghe ed estenuanti peregrinazioni di David Locke prima in Africa, dove affronta la calura del deserto, e poi in Europa, precisamente in Spagna.
Proprio la prima parte risulta maggiormente interessante, Antonioni si sofferma su descrizioni paesaggistiche su cui non tornerà più nel corso del film, per dare spazio unicamente ad un ritratto psicologico complesso che stenta a rivelarsi. I personaggi che compongono la storia non sono mai decisivi, nonostante la loro funzione indichi uno sviluppo narrativo molto meditato e teso in alcune fasi. Dal momento che David Locke diviene David Robertson, la sua prospettiva del tempo e dello spazio muta inevitabilmente, ne risentono soprattutto i rapporti con persone, luoghi e situazioni che gli si propongono. Convinto di trarre giovamento dalla nuova identità, l’uomo precipita invece in una solitudine subdola che finisce per disorientarlo, come se dovesse reggere il peso di una vita a lui estranea, cosa che di fatto accade.

Presto egli acquisisce consapevolezza della sua scelta socialmente discutibile, ma il meccanismo si è ormai messo in moto. Jack Nicholson sembra eccessivamente timido in questo ruolo, finendo per subire il suo complicato personaggio, cerca di dargli espressioni e movenze consone alle sue problematiche, tuttavia non sempre ci riesce.
Antonioni costruisce inoltre una regia che non si addice ad un film commerciale ma piuttosto ad un lavoro cinematografico culturalmente collocato: ogni scena viene appesantita dalla staticità delle inquadrature e il ritmo stanca la narrazione a causa dei frequenti movimenti di macchina lenti e riflessivi, tali da prolungare troppo una sequenza la cui prolissità talvolta risulta scenicamente valida ma contenutisticamente immotivata.
Il cineasta italiano si avvale quindi poco del montaggio, preferendo uno stile più aderente alla concezione del deus ex machina che privilegia l’osservazione ossessiva e l’indagine attenta. La storia proposta da Antonioni è un amaro trattato sull’insoddisfazione esistenziale e la volontà di mettersi in gioco esplorando le possibilità di una diversa collocazione sociale.
La sceneggiatura è formalmente pregevole ma complessa sul piano contenutistico, tale da lasciare insolute alcune questioni di fondamentale importanza, inoltre si approda ad un finale misterioso che richiede allo spettatore una personale interpretazione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere