HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico arrow Rosso come il cielo
Venerdì 28 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Rosso come il cielo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 17
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Lomuscio   
venerdì 09 marzo 2007

Rosso come il cielo
Titolo originale: Rosso come il cielo
Italia: 2005. Regia di: Luis Prieto Genere: Drammatico Durata: 96'
Interpreti: Luca Capriotti, Simone Gullì, Andrea Gussoni, Alessandro Fiori, Michele Iorio, Francesco Campobasso, Paolo Sassanelli, Marco Cocci, Rosanna Gentile
Sito web:
Nelle sale dal: 09/03/2007
Voto: 7
Recensione di: Francesco Lomuscio

rossocomeilcielo.jpgSolitamente, quando ci si trova davanti alla biografia su celluloide relativa a personaggi legati al mondo dello spettacolo, ci si aspetta sempre di assistere al resoconto della vita vissuta da un musicista, un attore o, al massimo, un regista. Cristiano Bortone, fondatore nel 1998, insieme a Daniele Mazzocca, della Orisa Produzioni, con la quale hanno finanziato, tra l'altro, l'apprezzatissimo "Saimir" (2004) di Francesco Munzi, ha pensato bene di tornare dietro la macchina da presa, a tre anni dal documentario "L'erba proibita" (2002), per dedicarsi a "Rosso come il cielo", ispirato alla figura di Mirco Mencacci, oggi uno dei più riconosciuti montatori del suono del cinema tricolore.
Non ci troviamo, però, dinanzi al tipico racconto per immagini incentrato sui successi e sulla fase calante di un artista nostrano, in quanto lo script concepito dallo stesso regista insieme a Monica Zapelli ("I cento passi") ed all'attore Paolo Sassanelli ("Ma che ci faccio qui!"), che nel film veste i panni di Don Giulio, basato sul percorso umano e professionale dell'uomo, inizia in un piccolo paese della Toscana nel 1971, quando il piccolo Mirco, appassionato di cinema e figlio di un inguaribile idealista che svolge la professione di camionista, perde la vista a causa di un colpo partito inavvertitamente da un vecchio fucile con cui sta giocando.
A partire da questo momento, quindi, nel classico clima neorealista d'inizio millennio, assistiamo ad una vicenda ambientata in un periodo in cui la legge italiana considerava i non vedenti come individui senza speranza e per questo impossibilitati a frequentare la scuola pubblica; infatti Mirco si ritrova presso il "David Chiossone" di Genova, un cosiddetto "istituto per ciechi" dove, sebbene l'istituzione religiosa viva con la convinzione che un non vedente non sia altro che un handicappato al quale è meglio non creare illusioni, riesce nell'impresa di realizzare, per mezzo di un vecchio registratore a bobine, delle vere e proprie storie sonore.
Ed è proprio questo, al di là del lato politico che abbraccia il periodo delle proteste studentesche in piazza e che finisce per vedere coinvolta anche la situazione dei ciechi, l'elemento che più affascina dell'intera pellicola, la cui frase di lancio recita giustamente: "Il coraggio può essere una favola ad occhi chiusi". Quella stessa favola che Bortone, attraverso una regia piuttosto classica ed una particolare ricerca creativa e tecnica del suono - cui ha collaborato il vero Mencacci, anche curatore dell'edizione sonora di "Altri occhi", documentario realizzato dalla stessa Orisa Produzioni contemporaneamente al lungometraggio - ci consente di studiare dall'esterno, tramite una delle sequenze più belle dell'operazione, nella quale vediamo i genitori dei piccoli protagonisti (tutti realmente non vedenti ad eccezione di Luca Capriotti), con le bende agli occhi, ascoltare la recita di fine anno dei propri figli, ormai validi collaboratori artistici del talentuoso Mirco. Perché, grazie anche alla bella fotografia di Vladan Radovic (Mater natura) ed all'ottimo cast di esordienti, la caratteristica che davvero non manca in Rosso come il cielo è la poesia, riscontrabile in diversi momenti, tra i quali meritano la citazione quello in cui Mirco descrive i colori all'amico Felice, privo di vista fin dalla nascita, e quello dolce - amaro in cui i ragazzi del collegio, trascinati dallo stesso a vedere "Il clan dei 2 borsalini", ridono mentre le immagini scorrono sullo schermo, potendo apprezzare soltanto le battute di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia.
Bastano quindi queste poche osservazioni per trasmettere la polivalenza dell'opera di Bortone, apologo realistico sulla diversità che, senza mai scadere nel patetico, considerando l'argomento trattato, non appare come una semplice biografia, in quanto, oltre a ripercorrere la storia dell'abolizione dei collegi per non vedenti, si mostra capace di lasciar emergere quanto sia importante il sonoro all'interno di una forma d'arte come il cinema.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere