HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Drammatico arrow Searching for the Elephant
Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Searching for the Elephant PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 25 marzo 2010

Searching for the Elephant
Titolo originale: Pen-teu-ha-woo-seu Ko-kki-ri
Corea: 2009  Regia di: Jeong Seung-goo Genere: Drammatico Durata: 146'
Interpreti: Jang Hyeok, Jo Dong-hyeok, Lee Sang-woo, Lee Min-jeong, Jang Ja-yeon, Hwang Woo-hye
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Pachidermico

Searching for the Elephant“Searching for the Elephant” esplora vita e comportamenti di alcuni professionisti trentenni nell’odierna Seoul. Protagonisti tre amici d’infanzia: Hyun-woo, fotografo ciclotimico che è appena stato abbandonato dalla fidanzata; Min-suk, chirurgo estetico di successo che soffre di sex- addiction; Jin-hyuk, consulente finanziario coinvolto in affari poco puliti.
Ognuno di loro è invischiato nei propri problemi personali e nelle proprie dipendenze, mentre le relazioni con l’universo femminile, contraddittorie e provvisorie, complicano un quadro complessivo già compromesso. Quando Soo-yeon, sorella di Hyun-woo e moglie di Min-suk, intreccerà una relazione con Jin-hyuk, il quale era stato una sua vecchia fiamma prima del matrimonio, le reciproche ipocrisie, menzogne e infedeltà si avviteranno in una spirale fuori controllo.

Negli ultimi due anni abbiamo assistito a una certa normalizzazione dei contenuti all’interno del cinema coreano, fatti salvi i grandi autori e qualche rivelazione. Commedie, horror, thriller e film drammatici facevano mostra di una serie di ingredienti accuratamente dosati, anche giustapposti e eterogenei ma lontani dal sorprendere. Ben venga allora un’opera di estrema libertà espressiva come “Searching for the Elephant”, esordio di Jeong Seung-goo, che dimostra come il fenomeno dell’“hanryu”, la new wave sudcoreana, sia lontano dall’esaurirsi.
I mali della società dipinta da Jeong non sono certo patrimonio esclusivo della Corea: cinismo, materialismo e angoscia esistenziale ci riguardano da vicino, anche se il nostro cinema preferisce declinarli nelle forme agonizzanti e piuttosto infantili della commedia all’italiana. In questo caso, invece, non esistono comode scappatoie autoassolutorie, anche se la crudezza delle tematiche è stemperata dallo stile sfavillante e da un humour autenticamente sovversivo.
Il regista si prende molto tempo per delineare i suoi personaggi e per approfondirne le motivazioni, mettendo bene in chiaro come l’unica reazione consentita a questo tipo di società sia quella di escogitare una qualche forma d’evasione. Min-suk trova una via di fuga consumando sesso compulsivamente con qualsiasi donna gli capiti a tiro, il soave e ostinato Jin-hyuk si illude di poter ricominciare una nuova vita con Soo-yeon,  Hyun-woo, il più spaesato del gruppo, si rifugia invece nella droga.
Ma anche questa soluzione si rivela esile e illusoria, destinata a sfaldarsi a meno di non “cercare l’elefante”, come insiste a dire Hyun-woo, l’unico che conservi memoria dell’episodio, accaduto molti anni prima allo zoo di Seoul: i tre bambini erano stati esortati, nel caso si fossero persi, a cercare la gabbia con l’elefante.
Adesso che sono persi davvero, nessuno di loro riesce a trovarlo tranne Hyun-woo che, sotto l’effetto dell’erba, lo vede prendere forma dalle sue fotografie o materializzarsi tra le nuvole. Non a caso sarà proprio lui a chiudere il film su una relativa nota di speranza lasciando la città al fianco di Min-jung, una psicotica convinta di venire dall’anno 2088.
Del resto, in un universo in cui le tigri siberiane prendono il Viagra e vengono costrette a visionare “film porno con tigri”, la cosa appare tutt’altro che insolita.

A parte la metafora, Jeong orchestra brillantemente generi diversi concedendosi molte digressioni, alternativamente comico-grottesche (Hyun-woo che si trancia le dita, il cecchino che spara sulla folla) o surreali (l’elefante) e qualche fulminante parentesi di stampo fantascientifico (il delirio di Min-jung), come ad attenuare la crudezza di alcune scene (il sesso, la reazione di Min-suk al suicidio di una sua amante). La preoccupazione del regista-sceneggiatore non è certo quella di trinciare giudizi, ma di aggredire una materia di per sé non esaltante, quella dell’affresco generazionale, con un taglio inedito, giocato su costanti cambi di ritmo. Dark e con una forte vena antiamericana (“Conoscono il prezzo di tutto e il valore di niente”, dirà Hyun-woo in uno dei suoi monologhi), “Searching for the Elephant” è ottimamente servito da tre attori in stato di grazia, Jang Hyeok, Jo Dong-hyeok e Lee Sang-woo, i quali, assieme alle insane evoluzioni della macchina da presa di Jeong e agli ottimi effetti CGI, non fanno avvertire la sproporzionata lunghezza di 146 minuti.
Nota macabra, l’attrice Jang Ja-yeon, che nel film si suicida nella vasca da bagno, si è effettivamente tolta la vita qualche mese dopo la fine delle riprese.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere