HOME arrow RECENSIONI: arrow Still Life
Venerdì 28 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Still Life PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Elisa Giulidori   
domenica 25 marzo 2007

Still Life
Cina: 2006. Regia di: Jia Zhang-Ke Genere: Drammatico Durata: 108'
Interpreti: Sanming Han, Hong Wei Wang, Tao Zhao
Recensione di: Elisa Giulidori

stilllifeleggero.jpg"Sanxia Haoren (Still Life)" di Jia Zhangke è l'atteso film a sorpresa di quest'anno.
Forse perché Marco Muller ci aveva abituati troppo bene prima, questa volta la sorpresa ha deluso. Sorprende anche il fatto che lo stesso regista sia già presente alla Mostra, nella sessione "Orizzonti", con un'altra pellicola, il film documentario "Dong". I due film sono profondamente legati, entrambi ambientati nella zona delle Tre Gole, interessati a raccontare le vite degli operai e delle loro famiglie.
Jia Zhangke, sia nel documentario, che il questo film di "finzione", è interessato a mostrare la Cina moderna: i suoi cambiamenti, la sua povertà, lo sviluppo economico che ha toccato solo marginalmente le classi più povere, per esempio tutti ora hanno il cellulare, ma non tutti possono permettersi una vita dignitosa, i loro corpi abbrutiti dalla fatica e dalle privazioni. La storia di Han Sanming, un minatore dello Shanxi, che si reca a Fengjie in cerca del ex moglie che non vede da 16 anni e dell'infermiera Shen Hong, alla ricerca del marito che non torna a casa da due anni, servono ad analizzare l'impatto che la costruzione della diga delle Tre Gole ha avuto sulla popolazione del vecchio villaggio di Fengjie, in parte già sommerso, anche se entrambi sono alla ricerca di una persona cara, le loro vite e la loro ricerca sono profondamente diverse.
Gli oggetti inanimati (still life), che caratterizzano i capitoli in cui è diviso il film, simboleggiano la possibilità di socializzazione con le altre persone; evidenziano come Han Sanming, povero straniero, venga emarginato e rifiutati i liquori e le sigarette che lui offre, mentre Shen Hong, non offre nulla agli altri, ma tiene per sé il the che ha trovato.
L'integrazione di Han viene attraverso il dono di una caramella e da quel momento troverà una grande solidarietà tra i suoi compagni di lavoro, tanto che andrà via con loro, mentre Sheng andrà via sola. I due protagonisti rappresentano, anche, i due aspetti della nuova Cina: quella che rimane ancorata al passato, che sarà sommersa come lo è stata la città, rappresentata da Han ("Come si può dimenticare la nostra storia?") e Shen che invece si lascia tutto alle spalle, compreso il marito.
Spiazzano, in un film così ancorato alla realtà, quasi uno studio etnografico, gli elementi extraterrestri che il regista ha voluto inserire.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere