Lunedì 3 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The Innocent PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
giovedì 25 febbraio 2010

The Innocent
Titolo originale: The Innocent
Gran Bretagna, Germania: 1993  Regia di: John Schlesinger Genere: Drammatico  Durata: 110'
Interpreti: Campbell Scott, Isabella Rossellini, Anthony Hopkins, Hart Bochner, Ronald Nitschke, Jeremy Sinden, James Grant
Sito web:
Nelle sale dal: 1993
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Biagio Giordano
L'aggettivo ideale: Realistico

The InnocentThe Innocent uscito nel 1993,  è  uno dei più riusciti film drammatici di Schlesinger,  che si conferma con questa pellicola un autore cinematografico di tutto rispetto, un regista di grande sensibilità artistica, originale e fortemente comunicativo soprattutto sul piano dello sviluppo per immagini delle maggiori passioni umane.
Schlesinger è famoso per opere indimenticabili come Un uomo da marciapiede (1969), Domenica, maledetta domenica (1971),  Il maratoneta (1976),  Uno sconosciuto alla porta (1990).
Questo film rappresenta  una  riuscita “spy story” a sfondo horror-famigliare dominata  da una storia d’amore drammatica e passionale, che si svolge in un contesto storico di grandi tensioni  politiche legate alla guerra fredda, un’atmosfera dalle  relazioni difficili, dai toni particolarmente angosciosi,  accesi di odio, associati però  misteriosamente  a speranze ed attese di vita nuove.

Il film sfocia  verso un finale di alto valore simbolico, molto originale, che sembra voler lenire, senza alcun monito etico le ferite e le colpe più laceranti prodotte dalle  passioni umane.
Il racconto si svolge in due momenti storici precisi: nel 1955  a Berlino in piena guerra fredda  e nel Novembre 1989  sempre nella città tedesca, durante  l’abbattimento  del muro, un evento quest’ultimo che porrà fine alla supremazia dei due principali blocchi politici nel mondo, creando le condizioni favorevoli per lo scioglimento della guerra fredda e lo sviluppo più articolato di nuove alleanze tra le nazioni.
Il film è tratto dal romanzo Lettere a Berlino di Ian Mc Ewan, uscito nel 1990 ma non ne rispecchia fedelmente l’andamento narrativo, tralasciando alcuni importanti episodi, tanto che il film finisce  per diventare una ricostruzione narrativa nuova, strettamente legata ai codici visivi più funzionali al cinema, quelli meglio collaudati dall’esperienza,  con profili dei personaggi molto semplificati rispetto al libro, quasi essenziali, sfrondati di ogni orpello descrittivo anche se qua e là compaiono scene ricche di complesse figurazioni metaforiche che fanno pensare a un tentativo di comunicazione di un pensiero.
Leonard ( Campbell  Scott) giovane tecnico inglese esperto in telefonia, single, alle prime armi con le donne, arriva  nel 1955 nella Berlino occidentale divisa dal muro, per un importante incarico spionistico; deve effettuare dei collegamenti  spia a dei cavi telefonici situati in un bunker opportunamente costruito che collega il territorio tedesco con la zona russa,  un lungo tunnel, invisibile, scavato in fretta e furia sotto le principali linee telefoniche, quelle cosi dette riservate, per rubare preziose informazioni ai sovietici. Il tunnel è realmente esistito, è stato scavato con la collaborazione della CIA e del M16.

Il lavoro di  Leonard consiste nell’amplificare un debole segnale eco rilasciato nei cavi dalla conversazione originaria, prima che questa subisca  automaticamente la conversione in un codice segreto.
L’operazione viene denominata Gold e sembra essere di estrema importanza per capire le mosse tattiche più importanti dei sovietici contro l’occidente.
Leonard insofferente alle severe regole militari e dello spionaggio lavora sotto il rigoroso controllo dell’ufficiale americano Bob Glass (Antony Hopkins) molto attento alla riservatezza che la situazione richiede,  ligio al dovere e alle procedure di servizio più delicate.
Leonard in un locale mondano si innamora, corrisposto, di Maria (Isabella Rossellini) una donna apparentemente single, molto bella che ogni tanto riceve inaspettatamente la visita  del marito violento, Otto, un energumeno, ex eroe di guerra.
Il marito scopre la moglie con Leonard nel locale mondano mentre ballano stretti; l’uomo si insospettisce e si intromette nella  vita della donna occupandone segretamente l’appartamento. Quando la donna e Leonard si trovano davanti l’uomo, la tensione sale, Otto  che esce a fatica da una pesante sbornia propone loro un grossolano baratto: la concessione del divorzio a Maria dietro il pagamento di una ingente somma di denaro e la conoscenza di alcune preziose informazioni spionistiche sull’operazione Gold.
La donna naturalmente rifiuta, ma le tensioni salgono alle stelle perché Otto non digerisce la cosa; scoppia  una  violenta lite, un corpo a corpo brutale che finisce per coinvolgere anche Leonard, il quale  a un certo punto ha la peggio sul gigantesco marito;  ma proprio quando Otto sta per soffocare Leonard, Maria  salva l’amato  colpendo mortalmente alla testa il marito con un piede di ferro.
Il cadavere viene segato e messo in due grosse valige usate dal personale del bunker per il trasporto del  materiale telefonico. Leonard non riesce però a sbarazzarsi del cadavere a causa dei rigidi controlli nella zona, che quindi rimane rinchiuso  nelle due valige all’interno del  bunker spionistico.
Leonard molto incauto nelle conversazioni con i vicini finisce per far trapelare alcune informazioni importanti sull’operazione Gold all’intrigante inquilino dell’appartamento  di sotto, il quale altro non è che una spia sovietica ben mascherata.
Il tunnel viene immediatamente scoperto dai sovietici a seguito di una telefonata del vicino di Leonard al suo comando operativo, i soldati rossi quando intervengono trovano anche le due valige con il cadavere di Otto. Leonard è nei guai, difficilmente verrà creduto dalla giustizia tedesca o sovietica, perché l’uomo inglese era l’amante di Maria, quindi interessato alla eliminazione di Otto.
Maria d’istinto, per salvare l’uomo che ama da  una giustizia in cui non crede più apre una relazione sentimentale con Glass, anche lui molto interessato, da tempo, alla sua bellezza,  l’americano su richiesta di Maria architetta insieme alla donna un piano per salvare Leonard.
Leonard viene convinto  da Glass a ritornare in Inghilterra,  ma solo dopo aver ricevuto ampia assicurazione dall’ufficiale americano che all’aeroporto di Berlino, al momento della partenza, ci sarebbe stata anche Maria.
Quando Leonard nei pressi dell’aereo che lo avrebbe portato a Londra termina la conversazione con Maria e si avvia sulla passerella di imbarco la donna rinuncia a seguirlo svelandogli la sua nuova situazione sentimentale con Glass.
I due si rivedranno 34 anni dopo a Berlino proprio durante il periodo della festosa caduta del muro, grazie a  una lettera di Maria a Leonard dai contenuti molto ricercati, ma veri e cordiali che evocano nell’uomo uno struggente ricordo del loro grande amore, distrutto da circostanze così sfavorevoli.
Da sottolineare nel film  la scena nell’aeroporto di Berlino, nei pressi dell’aereo in partenza, quando Maria svela a Leonard di voler stare con Glass e rinuncia a salire sull’aereo con Leonard, una scena che ricorda il famosissimo finale del film  Casablanca   in cui Ilsa (Ingrid Bergman madre di Isabella Rossellini) protagonista del film, costretta dalle circostanze, sale  all’ultimo momento sull’aereo con l’uomo che non ama rinunciando all’amore per  Rick (H. Bogart) che rimane a terra per risolvere il complotto.

The Innocent ha un po’ deluso la critica ma ha ottenuto un buon successo di pubblico al botteghino.
Viene rimproverato a Schlesinger di aver  scelto male gli interpreti, dando ad un attore così raffinato come Hopkins una personaggio  difficile da sostenere perché caratterizzato  da modi comportamentali rozzi e autoritari, un po’ tipici degli ufficiali americani di allora. Di Isabella Rossellini viene apprezzata dai critici solo la bellezza,  il suo modo di recitare viene ritenuto infatti troppo forzato, inadatto a un film dove la  passione si alterna vertiginosamente alla lucidità delle decisioni da prendere costringendo a cambi recitativi improvvisi e di difficile attuazione.
La Rossellini in questo film effettivamente appare lontana dalle sue  migliori recitazioni, quelle espresse con David Linch in film come Cuore selvaggio, Velluto bleu,  evidentemente l’attrice riesce a dare prestazioni adeguate o superiori  alle attese solo nelle parti filmiche più poetiche .
Il film lascia un messaggio di freddo realismo dopo aver mostrato a lungo gli effetti  più stravolgenti di un amore disperato ma vivo,  immortale, sempre tenuto in piedi dalla forza del ricordo dei sentimenti provati.
Dopo 34 anni Maria e Leonard si amano ancora ma riprendono a frequentarsi solo perché è cambiata una situazione esistenziale, perché Maria è diventata vedova di Blass e quindi si è sciolto il voto di riconoscenza che aveva verso di lui.
Il film ha un filo narrativo un po’ debole, nel senso che non riesce a decollare verso una linearità espressiva progressiva, caratterizzata cioè da una crescente tensione, ondeggia incerto tra episodi cruenti e il culto psicologicamente rassicurante che rilascia la vita  militare, tra l’amore che sembra aver origine quasi direttamente dall’attrazione sessuale e il senso di colpa per aver provato  piaceri che  allontanano da una idealità di donna più ricercata e sublimata, tra l’orgoglio per una importante missione da compiere e la forza distruttiva dei sensi che la coinvolge facendola fallire.
The Innocent ha delle ottime scene drammatiche, ben tornite dal meccanismo del suspense  puntuale in ogni situazione che accenna a divenire tesa. Difetta forse di poca coesione d’insieme, soprattutto sul piano della costruzione del messaggio etico, del pensiero più filosofico che sembra voler far breccia sullo sfondo scenico ma non riesce a formularsi correttamente, lasciando senza vita, lungo un girovagare confuso tra le pieghe del linguaggio filmico, quei blocchi di immagini maggiormente elaborati che aspiravano a divenire concetti cinematografici di pensiero.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere