HOME arrow Fantascienza arrow The Reader
Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The Reader PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 13 febbraio 2009

The Reader
Titolo originale: The Reader
USA, Germania: 2008 Regia di: Stephen Daldry Genere: Drammatico Durata: 123'
Interpreti: Ralph Fiennes, Kate Winslet, Bruno Ganz, Ludwig Blochberger, Jeanette Hain, Volker Bruch, Linda Bassett, Claudia Michelsen
Sito web: www.thereader-movie.com
Nelle sale dal: 20/02/2009
Voto: 5,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi

thereader_leggero.jpegA Neustadt, nella Germania post bellica, il quindicenne Michael Berg intreccia una relazione con Hanna Schmitz, una trentenne dal passato misterioso.
Un giorno la donna scompare, lasciandolo nella disperazione.
Alla fine degli anni ’60, giovane studente di legge,  Michael assisterà ad un processo contro un gruppo di sorveglianti delle SS, accusate della morte di centinaia di prigionieri ebrei, e, con sua grande sorpresa, la riconoscerà tra gli imputati.
Nell’adattare il romanzo “A voce alta” di Bernard Schlink, Stephen Daldry sceglie la strada meno impervia, quella dell’opaco mélo adatto a solleticare le platee di bocca buona.
Se è vero, come affermava Hitchcock, che gli attori sono bestiame, allora Daldry è provetto tassidermista, abilissimo a togliere aria e luce ai suoi  personaggi, asfissiandoli letteralmente e trasformandoli in appannate marionette.
Quest’educazione sentimentale all’ombra di Auschwitz pecca di frigido accademismo, sia nella descrizione dei turbamenti adolescenziali di Michael e del suo rapporto con Hanna che nella fase post processuale, quando i due protagonisti devono affrontare la difficoltà di confrontarsi con la colpa e con l’orrore dell’Olocausto.
L’eros, impaginato dall’estetizzante fotografia di Chris Menges e Roger Deakins, è inerte e calligrafico,  nonostante il sesso tra Hannah e Michael sia evidente metafora dell’ineluttabile complicità insita nel rapporto tra due generazioni contigue, quella che ha abbracciato il nazismo e quella del dopoguerra, che avverte con forza l’imperativo morale di processare i padri.
Durante gli interludi amorosi, il giovane Michael legge ad Hanna brani da “L’Odissea”, “Huckleberry Finn”, “La signora con il cagnolino” di Cechov e, con suo grande scandalo, “L’amante di Lady Chatterley” ma l’idea, lungi dall’assecondare un libertinaggio cerebrale alla Michel Deville (vedi “La Lettrice”), serve solo a dare risalto all’analfabetismo di Hanna, che simboleggia in maniera alquanto assolutoria la cecità della nazione tedesca. Quella che viene sottolineata è infatti la sua mancanza di strumenti per comprendere l’abiezione di cui si è resa corresponsabile e quindi, in un certo senso, il suo essere a sua volta una vittima.
I nastri incisi da Michael adulto (un depresso Ralph Fiennes) e spediti ad Hanna sono, più che un atto d’amore, un invito alla crescita personale e alla rielaborazione del trauma della colpa, ma anche qui Daldry preferisce trasformare una tragedia collettiva in storia individuale, magari sperando nella furtiva lacrima delle signore in sala: sul doloroso raggiungimento della consapevolezza da parte di Hanna durante la sua detenzione, il film  glissa elegantemente e, se nel romanzo originale la donna leggeva Primo Levi, Elie Wiesel e Hannah Arendt, qui ci si limita a Cechov e a “La signora con il cagnolino”, in memoria, come scrive spiritosamente Todd McCarthy, di un “Ultimo Tango a Neustadt”.

Nonostante la sceneggiatura del commediografo David Hare scompagini inutilmente la cronologia, intersecando le linee temporali senza costrutto, e malgrado la fatua regia di Stephen Daldry (già autore dello stucchevole “Billy Elliot” e dell’irritante “The Hours”), il film ha meritato alla meravigliosa Winslet un premio ai BAFTA, un Golden Globe e una candidatura all’Oscar, eventi davvero singolari considerato che la sua interpretazione in “Revolutionary Road” appare assai più convincente.
Fulminante apparizione di Bruno Ganz nel ruolo del Professor Rohl e buona prova di David Kross, che interpreta il giovane Michael, mentre Ralph Fiennes è sottoutilizzato, spento e un po’ sprecato.
“The Reader” è stato ferocemente stroncato dalla critica americana, che lo ha accusato di fare exploitation sull’Olocausto, di usarlo come pretesto per gratificarci delle grazie della Winslet e di costringere lo spettatore a provare empatia per chi stava dalla parte dei carnefici, ma in realtà i difetti stanno altrove, ovvero nella sterile superficialità dell’approccio ad una storia che avrebbe avuto bisogno di una mano meno ansiosa di compiacere il pubblico per diventare davvero significativa.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere