HOME arrow Fantascienza arrow The Warrior and the Wolf
Mercoledì 28 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The Warrior and the Wolf PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
venerdì 23 ottobre 2009

The Warrior and the Wolf
Titolo originale: Lang zai ji
Cina: 2009 Regia di: Tian Zhuangzhuang Genere: Drammatico Durata: 104'
Interpreti: Maggie Q, Jò Odagiri, Chung Hua Tou
Sito web: 
Nelle sale dal: Roma 2009
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli
L'aggettivo ideale: Accattivante

the_warrior_and_the_wolf_leggero.jpgTian Zhuangzhuang, dopo l’apprezzato "The Go Master", approda al festival di Roma con una storia essenzialmente visiva ed accattivante.
Siamo catapultati per l’ennesima volta nella guerra tra l'Imperatore e le popolazioni ribelli; ma il regista trascende tutte le regole spettacolari di marca orientale, a favore di un racconto per suggestioni visuali alquanto singolare. Ciò che conta sono i paesaggi che mutano, il rapporto tra il pastore Lu e le sue pecore, l’amore di quest’ultimo per un cucciolo di lupo.
Mentre impera la guerra, il regista si sofferma sul pastore, arruolato per volere del generale, che esita ad uccidere un nemico. Inoltre c’è un racconto nel racconto sezionato in flashback, che narra il profondo amore vigente tra il padrone ed il suo cucciolo di lupo.

Zhuangzhuang quindi si avvicina di più alla riflessività di Kitano e Ki Duk, piuttosto che ai duelli di Ang Lee e Ymou.  Inoltre la pellicola è divisa in due registri narrativi molto diversi: mentre la prima parte è temporalmente frammentata, la seconda è più lineare. Infatti le truppe imperiali sono costrette a rifugiarsi nello spettrale villaggio della tribù degli Harrans. Qui subentra la dimensione fiabesca della trasformazione dell’uomo in lupo, causato dal contatto con un membro del popolo selvaggio. Dopo aver amato ossessivamente il suo gregge ed il suo cucciolo, Lu possiede, con la foga di una fiera, la donna che scova in una baracca. E’ proprio attraverso questo rapporto animalesco,  che si instaura tra i due un reciproco sentimento di amore.
Il film prosegue con la fatidica trasformazione in lupi da parte degli amanti e si risolverà in un finale alquanto paradossale ed eccessivamente ermetico.

Questo film, nonostante sia fotograficamente un capolavoro, non si erge ad opera d’arte, poiché trascura totalmente la sceneggiatura. Infatti le tante immagini non riescono a far dimenticare dei dialoghi alquanto futili ed un soggetto che tenta di decollare solo attraverso elementi fantastici. Anche la struttura fin troppo ellittica e frazionata della prima parte, va a scontrarsi con l’eccesso laccato delle scene erotiche, che ne costellano la seconda.
Zhuangzhuang si è prodigato talmente tanto nel tentativo di fare un grande film d’autore, che ha dimenticato la semplicità della quale sono fatti i capolavori.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere