Domenica 27 Novembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Triage PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 02 dicembre 2009

Triage
Titolo originale: Triage
Francia, Irlanda, Spagna: 2009 Regia di: Danis Tanovic Genere: Drammatico Durata: 96'
Interpreti: Colin Farrell, Paz Vega, Christopher Lee, Kelly Reilly, Jamie Sives, Branko Djuric, Sandra Ni Bhroin, Juliet Stevenson, Reece Ritchie, Nick Dunning, Myia Elliott, Eileen Walsh
Sito web: 
Nelle sale dal: 27/11/2009
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Sincopato

TriageLa parola Triage è un termine medico francese che indica la cernita, un sistema utilizzato nel Pronto Soccorso per selezionare i soggetti coinvolti in infortuni; le cure avvengono sulla gravità delle condizioni e non sull'arrivo, un codice colore assegna la gravità del malato.
Nel film i pazienti sono soldati curdi feriti in combattimento e di cui un medico privo di medicine stabilisce se farli vivere o smettere di soffrire.
Li si distingue da una striscetta colorata buttata sui corpi e che ne stabilisce la vita e la morte.
E' un film di grande spessore 'morale', tratto dal libro omonimo di Scott Anderson, ex corrispondente estero che ha seguito le guerre civili in Uganda, a Beirut, in Cecenia e in Bosnia.

Nonostante il regista sia un Premio Oscar, Il film sta passando in Europa un po' in sordina ed è stato presentato in concorso solo al Festival Internazionale del Film di Roma 2009. Benchè non sia un film effettivamente coinvolgente e completamente riuscito non si capisce l'indifferenza della critica e del pubblico, non comprendiamo perché debba uscire in una saletta da sessanta posti a Roma ed essere proiettato per una sola settimana. Questo fatto ci dice molto dello stato delle cose di questo Continente.

La storia è ambientata tra Londra e la terra Curda, lato Iraq e Turchia, nel 1988, ai tempi di Saddam. Mark Walsh ( l'attore Colin Farrell ), fotografo di guerra da dodici anni ma ancora privo della " foto storica " che lo distingua dai colleghi, ritorna in Kurdistan col suo collega e amico per l'ennesimo reportage.
Lo stress della permanenza sulle montagne, l'assistere a sofferenze indicibili e a morti quotidiane porta i due fraterni amici a
litigare. Stacco, Seconda parte. Mark torna a casa da solo dopo essere stato ferito e aver rischiato una striscia dal colore viola. In stato di shock, a Londra, Mark glissa con la sua compagna e i suoi colleghi sulla sua esperienza ed anche psicologicamente questo silenzio ha pesanti conseguenze sul suo fisico e sulla sua vita.
La prima persona a notare il suo cambiamento è la fidanzata Elena ( l'attrice spagnola Paz Vega ), allarmata oltre che dallo stress del suo uomo anche dalla scomparsa del collega, compagno della sua migliore amiche che è per giunta incinta al nono mese. Ricompare nella loro vita Joaquìn ( Christopher Lee ), nonno della ragazza, un tempo quasi psicologo dei gerarchi franchisti e quindi giudicato dalla nipote " uno sporco fascista ".
Il vecchio invece con saggezza e pazienza si rivela l'unico capace di capire Mark, di far svelare il segreto inconfessabile al reporter e a sviluppare una relazione che cambierà la vita di entrambi.
Il film si sviluppa un po' a singhiozzo, è sincopato; diviso in due parti separate: un primo tempo (quaranta minuti) ambientato in Kurdistan, un secondo tempo (Un'ora) a Londra e con qualche flash back di guerra.
Sembra quasi che il film fosse più lungo e che per problemi di distribuzione sia stato tagliato e così facendo ne risente di armonia narrativa. Il cast non è completamente convincente, sembra quasi una mediazione di coproduzione belga-spagnola-statunitense. Colin Farrell è bravo ma rende il film un ibrido tra cinema d'autore e Hollyvood, Paz Vega - quasi irriconoscibile - non convince nel ruolo, il mito Christopher Lee non ha né il fisico né l'aplomb di un spagnolo franchista.

Il regista Danis Tanovic. è un autore interessante, (documentarista di guerra, nel 2001 debutta con il film drammatico No Man's Land - Terra di nessuno, con cui vince l'Oscar e la Palma d'ro a Cannes per la sceneggiatura; nel 2005 dirige il più intimistico L'enfer, basato su una sceneggiatura del compianto Kieslowski), prova a coniugare il cinema statunitense di pellicole belliche con l'introspezione e l'analisi umana di Kieslowski, ha una tecnica registica che contempla immagini importanti ( la prima inquadratura del film ricorda Welles e un suo estimatore De Palma ), segnala chiari simboli di destini inevitabili, complessità dei sentimenti e svelamento di verità difficili e complesse. Ma in questo film non ci è riuscito, se non in parte.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere