HOME arrow Fantascienza arrow Vincere
Venerdì 2 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Vincere PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
mercoledì 03 giugno 2009

Vincere
Titolo originale: Vincere
Italia: 2009. Regia di: Marco Bellocchio Genere: Drammatico Durata: 128'
Interpreti: Giovanna Mezzogiorno, Filippo Timi, Corrado Invernizzi, Michela Cescon, Matteo Mussoni, Elena Presti, Fausto Russo Alesi, Paolo Pierobon
Sito web: www.it.movies.yahoo.com/speciali/vincere
Nelle sale dal: 20/05/2009
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Biagio Giordano

Scarica ora Vincere con eMule Official - per velocizzare il download usa Speed Downloading!  

vincere_leggero.jpgVincere è un film convincente e riuscito anche se probabilmente, come molti film sulla nostra storia, finirà presto nel dimenticatoio,  snobbato  dagli italiani delle ultime generazioni che amano solo le problematiche del presente recidendone inspiegabilmente le radici e le cause che affondano nel passato.
Marco Bellocchio interpreta a suo modo, da artista di razza, ma avvalendosi anche di una ricca documentazione, la storia della relazione tra Benito Mussolini e Ida Dalser, il cui rapporto ha portato alla nascita del figlio Albino, in un primo momento riconosciuto dal padre e poi dallo stesso per sempre negato.

Questo film è stato selezionato dalla giuria di Cannes e invitato in concorso all’ultimo  festival, dove non ha per niente sfigurato, sfiorando anzi la rosa dei palmares.
Nelle fasi iniziali  della pellicola Bellocchio ci immerge  in atmosfere enfatiche, dai forti tratti futuristi, rumoreggianti di  ideologie popolari, efficaci nel dare trasparenza di un’epoca con il linguaggio più pittorico della pellicola, in cui sono presenti chiari scuri e  mezzi toni sempre ben modulati tra colori più contrastati indici di una viva speranza. Una pagina di storia molto suggestiva, dai contenuti metonimici e metaforici ricchi, mai disposti casualmente, composti sempre con estrema cura, capaci di rilasciare informazioni di pregio su un passato memorabile.

Il racconto filmico entra subito nel vivo con una lunga ripresa di ambientazione prevalentemente politica, tra la sede del partito socialista e la redazione del suo quotidiano, siamo nel 1914, alla vigilia della prima  guerra mondiale, Mussolini è direttore dell’Avanti giornale che raccoglie nelle masse popolari molte speranze progressiste e riformiste, ben sostenute da un partito socialista di grande autorevolezza etica.
Nel film Ida Dalser è una delle tante donne militanti nel partito socialista, trova in Benito Mussolini, aspirante leader politico dai tratti fortemente autoritari, l’uomo della sua vita, corrispondente ai suoi ideali più spirituali e al bisogno inconscio di vivere una passione erotica a lungo agognata.
Mussolini è un militante socialista con un forte carisma ideologico, la sua grinta piace alle donne, e in ogni relazione sociale e politica, giornalistica e accademica, lascia un segno indelebile che si traduce subito in un pensiero innovativo o in un progetto politico nuovo.
Ida  fa di tutto per farsi notare da lui, giungendo infine, con successo, a proporgli una storia d’amore, una relazione completa, assoluta, che risulterà anche fortemente erotizzata. I due diventano amanti solitari,  privi di ogni equilibrio emotivo, tormentati dalla  passione politica, atei, ossessionati da un grande obiettivo sociale e istituzionale da raggiungere in breve tempo, essi sono fortemente uniti  da un’idea politica certa, totalitaria.
Il racconto filmico si sofferma anche sulle inquietudini di Mussolini, su alcuni suoi gesti simbolici svelatrici di parti oscure della sua personalità, come quando  sfida Dio in pubblico, invitandolo a ucciderlo entro 5 minuti pena il disconoscimento obiettivo della sua esistenza.
Benito appare nel film come nella vita reale, sempre esuberante, eccessivo, fortemente condizionato dalle proprie bellicose pulsioni, e dalla poco lucida ambizione politica.
Il direttore dell’Avanti decide  a un certo punto di andare contro le delibere prese dal Partito socialista sulla guerra, provvedimenti alla cui formazione lui stesso aveva contribuito appoggiando il documento politico del partito, diventando un convinto interventista, con la motivazione che secondo lui la guerra del 1915 sarebbe stata l’ultima in Europa, perché risolutiva, risanatrice dei mali più strutturali delle società, una guerra in un certo senso rivoluzionaria perché in grado di portare in ogni nazione, pur nell’ambito di un sistema economico liberale, il popolo al potere, unico soggetto politico in grado di imporre e mantenere con autorevolezza quei valori spirituali più legati all’amor di  patria e alla giustizia sociale.
Mussolini in pieno disaccordo con i socialisti esce quindi dall’Avanti e fonda un nuovo giornale dal titolo Il popolo d’Italia, preparando un progetto politico nuovo che avrà in seguito,  in ogni parte d’Italia, vasti consensi, giungendo addirittura a risultati insperati che hanno dell’incredibile perché segneranno per lungo tempo la storia d’Italia.

Ida Dalser contribuisce al costoso progetto politico e editoriale di Benito senza alcuna riserva, vendendo i suoi beni e dimostrandogli una solidarietà affettiva straordinaria che forse è stata decisiva per la felice messa in moto  delle più importanti idee politiche di Mussolini.
Dalla relazione dei due nasce un figlio, Albino, riconosciuto da Benito, che accetta anche di sposare Ida in chiesa con rito cattolico.
Partito per la guerra, Mussolini fa perdere a Ida ogni traccia di sé, finendo a conflitto finito, in un ospedale, ferito. Ida riuscirà a trovarlo e a raggiungerlo all’ospedale ma rimarrà delusa della visita perché scoprirà che Benito ha un’altra moglie, Rachele, lì presente.
La scoperta suscita un forte contenzioso tra le due che si trasforma subito in dramma, il confronto tra Ida e Rachele è magistralmente rappresentato  dai due attori, con numerose  sfumature e tensioni.
Benito respingerà Ida.
Dopo questa angosciata scoperta di bigamia, inizia per la Dalser una vita nuova, lastricata  da un lungo e interminabile calvario teso  alla conquista anche minima di una riconsiderazione affettiva da parte di   Benito sia per lei che per il figlio.
Ida è ancora innamorata del Duce e respingerà sempre ogni offerta in denaro per mettere a tacere la storia.
Con la presa del potere da parte del Duce e l’instaurazione di nuovi rapporti dello stato Italiano con il Vaticano, desideroso quest’ultimo di influenzare lo stato in una politica etica nuova dove al centro fosse situata la famiglia cattolica, la morale cristiana,  Benito si vede costretto a rimuovere ogni traccia della sua scomoda storia, e  cancellerà con i suoi più stretti collaboratori ogni prova di quanto accaduto.
Benito, per impedire che Ida potesse parlare della relazione con la gente,  prende simultaneamente decisioni ancora più drastiche, del tutto disumane, facendo praticamente morire l’ex amante e suo figlio Albino nei manicomi.
La scelta dell’internamento con diagnosi di follia per Ida liberava il Duce da ogni possibile strumentalizzazione politica del suo difficile rapporto sentimentale.

Il film comunque non è politico ma soprattutto esistenziale, al centro della narrazione Bellocchio mette il dramma di due persone colpite dalla sfortuna e dalla viltà di un uomo, vessate da un tragico destino, colpevoli solo di essere entrati casualmente in relazione, in modi diversi, con una persona che sarebbe diventata potentissima e intoccabile, fragile e compromessa eticamente con il Vaticano, capace per ambizione di essere cinico e crudele e che avrebbe portato con la dichiarazione di guerra a immani tragedie sociali, lutti e miseria di ogni genere.
Vincere è un titolo ironico, sarcastico, che praticamente dice tutto sul film, preannunciando agli spettatori sia le conseguenze tragiche di quella parola sia il suo senso più retrospettivo legato al percorso esistenziale oscuro di chi giungerà a pronunciarla.
Il ruolo di Ida, la protagonista, interpretato da Giovanna Mezzogiorno, lascia stupefatti per intensità drammatica e credibilità scenica, un effetto ottenuto grazie all’eliminazione di ogni sfumatura emotiva o esistenziale dalla vita del personaggio, tenendo sempre al centro della scena il dolore e la speranza della donna, con tutta la sua voglia di lottare per ottenere  anche solo il piacere di un’identità di madre legittimata dalla comunità.   Ida a un certo punto cerca esclusivamente il libero riconoscimento istituzionale   del frutto di un amore del passato del quale  sapeva benissimo non poteva pretenderne più il ritorno.
La Mezzogiorno si conferma con questo film come  la migliore attrice italiana drammatica, degna di un paragone cinematografico anche con Anna Magnani.
Filippo Timi convince sempre di più, interpretando con pregevole verosimiglianza sia Mussolini che il figlio adulto Albino, e confermando le sue doti di grande versatilità recitativa.
Con questo film si  candida per il futuro più immediato a un ruolo di protagonista del cinema italiano impegnato.
Il film grazie alla collaborazione con l’Istituto Luce, alterna a scene costruite sul set brevi documentari  dell’epoca, discorsi famosi del Duce con protagoniste le folle e i simboli del presunto Impero. L’idea funziona, perché rafforza la credibilità della narrazione:  il suo voler  rimanere ancorata a un’epoca precisa, senza tradire dettagli culturali o verbali del presente.
Bellocchio, forse inconsapevolmente, è riuscito a dare con questo film l’ultimo colpo di grazia al mito del fascismo e dell’autoritarismo politico, svelandoci realtà umane pre-regime e durante il regime, così orribili e impensabili, da rendere sempre più certa l’idea che a una democrazia imperfetta come la nostra, dove comunque la divisione dei poteri e la libertà di stampa sono garantite,  non esistono alternative se non un impegno costante, dialettico e militante per correggerne i difetti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere