Martedì 17 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
12 anni schiavo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 36
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
giovedì 23 gennaio 2014

Titolo: 12 anni schiavo
Titolo originale: 12 Years a Slave
U.S.A., Regno Unito: 2013. Regia di: Steve McQueen Genere: Drammatico Durata: 133'
Interpreti: Chiwetel Ejiofor, Dwight Henry, Brad Pitt, Paul Giamatti, Michael Fassbender, Paul Dano, Benedict Cumberbatch, Sarah Paulson, Garret Dillahunt, Quvenzhané Wallis, Alfre Woodard
Sito web ufficiale: www.foxsearchlight.com/12yearsaslave
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 20/02/2014
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Storico
Scarica il Pressbook del film
12 anni schiavo su Facebook

12yearsaslave_leggero.pngCon "12 Years a Slave",il cinema torna a rovistare nei corridoi bui di una porzione di Storia su cui l'America ha spento la luce,archiviandone le pagine come cronache rimosse o che la memoria finge di ignorare.
Non è la prima volta che Hollywood affronta il tema dello schiavismo e anche di recente lavori come "Django Unchained",anche se con accenni di satira e provocazione,grattano sul disagio per il diritto alla dignità negato e calpestato..
Se in "Amistad" la piaga del commercio di schiavi veniva raccontato in un'aula di tribunale,o in "Mandingo" di Fleischer si consumava un greve melodramma di amori proibiti - peraltro oggetto del plauso di Warhol,che lo ha definito il suo film preferito in quell'anno - con "12 Years a Slave" il regista Steve McQueen mira alle viscere della Storia e affronta l'argomento senza usare i mezzi termini o le sottilezze allusive e commedianti di un cinema meno sincero.

Il film è un adattamento dell'autobiografia di Solomon Northup (Chivetel Ejiofor),scritta nel 1853,dove l'autore,un nero nato libero a Saratoga,New York,racconta come fu rapito nel 1841,portato a Washington DC,venduto come schiavo e passato da padrone a padrone a lavorare nelle piantagioni di cotone della Louisiana per dodici anni,prima che fosse riconosciuta la sua reale identità e fosse rilasciato per poter tornare libero a casa sua. Il lavoro di McQueen,su uno script di John Ridley,affonda le mani nella pancia della Storia americana e,con poco riguardo verso le ipocrisie di settore,compone un mosaico di cinema che compendia emozione e spettacolo e vi fa confluire in forme quasi teatrali gli apostrofi sulle verità storiche spesso ignorate dai fasulli fraseggi del cinema scolastico.
E' parso anomalo,infatti, negli USA,che fosse un regista inglese ad affrontare e sviscerare una scomodità tutta americana sulle brutalità,l'abuso sessuale e l'ingiustizia istituzionalizzata che si vomitarono poi nella Guerra di Secessione del 1861.

McQueen confeziona un film sincero,solcato da lunghi silenzi e numerose soste su volti ed espressioni,privilegiando il linguaggio di occhi e di particolari,fissando la telecamera su uomini e dettagli in un'insistenza che a volte ricorda la modalità registica di Leone. Ne sono esempio l'ostinazione della cinepresa sugli anelli della catena che si aggrovigliano su Northup quando questi viene fatto prigioniero,o l'esasperato pianosequenza della punizione inflitta da Tibeats (Paul Dano) a Platt,ormai vittima di una nuova identità da servo,dove dapprima un lungo silenzio accompagna le immagini di un uomo impiccato a metà,con i piedi appena appoggiati a terra e in lotta per poter sopravvivere e in seguito, piano piano,attorno a lui,dopo lo stupore iniziale,il regista fa ricominciare le attività di una comunità schiava,ormai immersa in spettacoli di questo genere.
Ma si capisce che queste ostinazioni compongono il ritmo viscerale che è la voce del film,un passo narrativo forte e denso che il regista monta in una dinamiche di salti temporali e flashback dei ricordi di quando Platt era ancora Northup. Solomon abile violinista e raffinato artigiano,viveva a Saratoga,NY,con sua moglie e due figli e una sera era stato invitato da due individui ("il gatto e la volpe"?) ad una rappresentazione in un circo.
Durante la cena che seguì,Northup era stato drogato e il giorno successivo si era ritrovato incatenato sul pavimento di una cella. Il suo nome fu cambiato in Platt e l'uomo fu imbarcato per la Louisiana come schiavo. E' particolarmente toccante la scena del film in cui Northup tenta disperatamente di reclamare il suo vero nome e la sua identità di uomo nato libero a Saratoga,ma viene ripetutamente smentito e chiamato "nigger",fuggitivo della Georgia,a quell'epoca cantiere di smistamento di schiavi.

McQueen non fa sconti e presenta un quadro tutt'altro che edulcorato di una condizione a tutt'oggi scomoda in una fascia d'America che ospita divergenze su Obama nella Stanza Ovale. I risparmiosi ricorsi alle metafore McQueen li maschera in una estetica garbata e intelligente,non indulgendo sul sentimentalismo compassionevole che condurrebbe lo spettatore allo sconforto,ma piuttosto puntando su empatia e grafica,sposando precisi movimenti di macchina a sottotesti ed intenti.
Ne è esempio emblematico il moto ascensionale della cinepresa dalle prigioni sotterranee in cui è racchiuso Platt,su su per le le mura dell'edificio fino alla superficie,con l'inquadratura, in lontananza,della Casa Bianca.
Cinema sincero,forte e al tempo stesso struggente,dove il ritmo e il silenzio,mai antagonisti,si alternano risolvendosi in un'opera descrittiva ma non insistente,potente ma non enfatica,decisiva nel panorama dei lavori di cinema di questa epoca.

Una fotografia da vocabolario scandisce lo storyboard del film in una tavolozza di cromìe seppia e dorate dissolte in formule di luci ed ombre nel tepore del palcoscenico degli interni,alternate alle gradazioni pastello delle tinte che dipingono le scene rurali e i campi. Lo score,completo in ogni suo accento,è lavoro di Hans Zimmer,che vi innesta reminiscenze dei suoi spartiti di "Inception",con le ballate e i commenti al violino suonate da Tim Fain sugli arrangiamenti di Nicholas Britell. Difficile che in questo genere di lavori possa mancare l'intervento di Alan Lomax,geniale ricercatore negli spazi musicali etnici,cui si deve l'arrangiamento di "Run Nigger Run". McQueen si conferma l'artista fortemente visuale di "Hunger" e "Shame" e qui lavora ancora al fianco di Fassbender,la cui mimica rabbiosa ricorda a volte quella di Day-Lewis in "Il petroliere".

Paul Dano sostituisce l'ambiguità di "There Will Be Blood" con l'odio razzista integrato da una questione personale del suo protagonista,in una performance che mette agitazione ed inquietudine. Ejiofor esprime ovunque virtuosismo da pièce di teatro nei vuoti di un uomo che ha dovuto modellare il proprio dolore ad una identità rubata e alla pena stupita di chi non è più libero di essere uomo.
Più che altrove,è questo il genere di cinema che chiede anima ai protagonisti e alle loro prestazioni,delle quali la voce e la lingua,con i suoi accenti originali,le sue tonalità e i suoi dialetti,purtroppo perduti nel doppiaggio,sono parte determinante.
Come potrebbe Troisi essere doppiato?

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere