Sabato 15 Dicembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
jurassic_world_il_regno_distrutto_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il caso Fitzgerald News
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Prossimamente
17 Ragazze PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 16 aprile 2012

Titolo: 17 Ragazze
Titolo originale: 17 Filles
Francia: 2011. Regia di: Delphine Coulin, Muriel Coulin Genere: Drammatico Durata: 90'
Interpreti: Louise Grinberg, Juliette Darche, Roxane Duran, Esther Garrel, Yara Pilartz, Solène Rigot, Noémie Lvovsky, Florence Thomassin, Carlo Brandt, Frédéric Noaille, Arthur Verret
Sito web ufficiale: www.diaphana.fr/film/17-filles
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 23/03/2012
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Vitale
Scarica il Pressbook del film
17 Ragazze su Facebook
Mi piace

17ragazze_leggero.pngA Lorient, in Bretagna, 17 liceali decidono di entrare in gravidanza dopo che Camille, una di loro, è per prima e per sbaglio rimasta incinta.
La loro scelta è quella di un gruppo di adolescenti che vede nella gravidanza volontariamente cercata, e dalla quale sono esclusi i genitori e i legittimi padri, un modo differente per affrancarsi da una vita piatta e monotona.

Ennesimo successo recente del cinema d’oltralpe, non è di certo facile da dimenticare il “Quasi amici” di Nackache e Toledano, e liberamente ispirato ad una storia realmente avvenuta nel 2008, in Massachusetts, e che all’epoca suscitò molto scalpore generando gruppi di pensiero in merito alla  responsabilità, o irresponsabilità, con la quale le 17 liceali scelsero di rimanere incinte.

La pellicola, il primo lungometraggio delle sorelle Coulin,  ripercorre la gravidanza di Camille, studentessa di un Liceo di un piccolo paese di pescatori della Bretagna, che si trova improvvisamente catapultata nel mondo adulto per colpa di un piacevole inconveniente di percorso.

Il film regge tutta la propria impalcatura  sull’irresponsabilità con la quale le 17 ragazze che mano a mano vengono persuase da Camille a rimanere incinte, in una sorta di moda-amicizia degna di un reality, decidendo di affrancarsi dalla vita adulta, con progetti che sfiorano il ridicolo, l’acquisto di una casa ove crescere tutte insieme i propri figli, e al tempo stesso senza abbandonare ancora del tutto l’età adolescenziale che non vuole smettere di fare capolino nella loro mente di ragazze di 16 – 17 anni, sempre a cavallo fra party sulla spiaggia, I-Phone e sms spediti a go - go.

A fare da cornice alle rispettive esistenze il plumbeo cielo di Lorent che funge da contorno all’angusta solitudine nella quale ognuna scivola nelle rispettive camere, dove solo un muro e i rispettivi sguardi nel vuoto, inquadrati lungamente e in primo piano, portano sollievo alle esistenze di chi probabilmente ha deciso avventatamente il proprio futuro.
In concorso a Cannes e al Torino Film Festival il film risulta alla fine essere un inno alla vita passando attraverso l’immaturità di certe scelte che velocemente vengono riportate sulla terra dall’inevitabile evidenza degli eventi. 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
La prima pietra
Non ci resta che vincere
Tito e gli alieni
Perfetti sconosciuti
Il sacrificio del cervo sacro
Orecchie
Searching
Una vita spericolata
E' nata una stella
La terra dell'abbastanza
Dante va alla guerra
BlacKkKlansman
The Infiltrator
La profezia dell'armadillo
Sulla mia pelle
Gotti – Il Primo Padrino
Il tuttofare
The End? L'inferno è fuori
Ride
Io sono tempesta
Io c'è
Stronger, io sono più forte
Schegge di paura
Broadway Danny Rose
Il giovane Karl Marx
Come un gatto in tangenziale
La truffa del secolo
La truffa dei Logan
Monitor
Dogman
Un sogno chiamato Florida
Ippocrate
End of Justice - Nessuno è innocente
Ogni maledetta domenica
Paterno
Made in Italy
Rimetti a noi i nostri debiti
Abracadabra
Benvenuto in Germania
Avengers: Infinity War
I segreti di Wind River
Molly's Game
Il premio
Tonya
Strange Days
Omicidio al Cairo
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere