HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow A proposito di Davis
Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
A proposito di Davis PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 15
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 21 febbraio 2014

Titolo: A proposito di Davis
Titolo originale: Inside Llewyn Davis
U.S.A.: 2013. Regia di: Ethan Coen, Joel Coen Genere: Drammatico Durata: 105'
Interpreti: Carey Mulligan, Justin Timberlake, John Goodman, Garrett Hedlund, Adam Driver, Oscar Isaac, F. Murray Abraham, Max Casella, Alex Karpovsky, Ethan Phillips, Ricardo Cordero
Sito web ufficiale: www.insidellewyndavis.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 06/02/2014
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Elegante
Scarica il Pressbook del film
A proposito di Davis su Facebook

insidellewyndavis_leggero.pngCi sono registi che non sbagliano mai un film e quando ne esce uno è come andare ad un appuntamento con delle persone che si conoscono e di cui si stimano gli esercizi di stile, i pensieri narrativi, l’eleganza del tocco.
Mai una nota stonata, un eccesso gratuito, una slabbratura nella descrizione dei personaggi o nella costruzione dei dialoghi. Nel mondo oramai ci sono milioni di spettatori che hanno scelto” Barton Fink “ o “ Mister Hula Hoop “, “ Fargo “ o “ Il grande Lebowski “, fino a “ Non è un paese per vecchi “, come pietre miliari del Cinema Contemporaneo.
Anche tipiche commedie americane di puro consumo come “ Prima ti sposo, poi ti rovino “ o “ Ladykillers “ lasciano comunque il segno per costruzione sapiente e perfetta conoscenza delle regole; insomma qualsiasi storia decidano di raccontare, compreso il remake di “ Ladykillers “ o “ El grinta “ trasformano le storie in pellicole preziose per accuratezza, raffinatezza e cinefilia.

Con quello che potremmo definire ‘ il tocco ‘ dei fratelli Coen - in questo caso più contenuto, privato, meno appariscente - giunge nelle nostre sale questo piccolo, perfetto film, un affresco del marginale ambiente della musica folk prima dell’arrivo di Bob Dylan e con alle spalle cantautori solidi come Woody Guthrie o Pete Seeger e Cisco Huston.
Anche qui - come con le storie della Beat Generation - c’è l’on the road, la ricerca spasmodica di un posto in cui andare e di trovare qualche soldo per poter pagare l’affitto o le bollette, ma invece che la ricerca del padre o le radici c’è uno scivolare sulle cose anche importanti ( l’amicizia tradita, l’aborto, il timore del fallimento, la perdita del senso d’amore ).

Un film ambientato nella New York dell’inverno del 1961 senza glamour o mitizzazioni, nonostante siamo nel Greenwich Village ( e il boom della musica folk che vedrà nascere superstar è ancora di là dal venire ); una storia che dura una settimana o poco meno e in cui assistiamo alla vita randagia e faticosa di un giovane cantante folk, Llewyn Davis ( ispirato al memoir del folk singer Dave Van Ronk - " The Mayor of MacDougal Street “ scritto da Elijah Wald ). Non siamo nel mondo dei cantanti emergenti dello show business né in quello randagio del jazz fatto di alberghi infimi e droghe.
È quello invece degli anni bui e difficili di una piccola cerchia di giovani cantanti che si scambiano vecchie canzoni che sembrano comprendere solo loro e un piccolo pubblico a volte distratto. Ragazzi senza la mitologia dei Dean Moriarty o degli Allen Ginsberg o dei Gregory Corso, ma giovani cresciuti nelle strade di New York, nei fabbricati squallidi delle periferie e in cerca attraverso la musica di una possibilità di fuga dal conformismo e dai tempi oscuri che hanno caratterizzato tutti gli Anni Cinquanta. Llewyn è un giovanotto sui venticinque anni, con un’anima malinconica, piuttosto egoista e con un carattere a volte ruvido.

Più che fare carriera nel mondo musicale, vorrebbe almeno sopravvivere economicamente, ma a quanto pare non ci riesce. Sì, qualche piccolo spettacolo forse nemmeno pagato, qualche turno di registrazione di dischi di amici, ma il disco che ha inciso non ha venduto, il suo agente non gli dà che quaranta dollari quando chiede di essere pagato e passa da una casa ad un’altra per poter dormire su un divano o a terra. Anche la sua vita personale è fallimentare, la donna, Jean ( Carey Mulligan ), fidanzata con il suo migliore amico ( Justin Timberlake ) è rimasta incinta di lui e vuole abortire, un’altra tagazza in precedenza che ha messo incinta invece di abortire se ne è andata via col bambino senza dirgli nulla, sua sorella lo detesta e lo caccia di casa. In più è rimasto da solo dopo che ha abbandonato l'altra metà del suo duo musicale. Insomma è un uomo con dei sensi di colpa che riesce però a reprimere, il suo insuccesso lo radicalizza nel purismo artistico ( si sente l’unico vero artista e snobba chi non suona e canta roba " autentica " e “ vera “ ) e a questo bisogna aggiungere che ha tendenze autodistruttive.

Litiga con una coppia di professori universitari che lo ospitano e sono sempre disponibili con lui, litiga con la sorella e cerca di spillare soldi all’amico per poter far abortire la sua compagna e incinta di lui. Insomma vive in un mondo che non riesce a capire e che non lo capisce e quindi è in aperto contrasto. Contrasto che sa anche di fallimento quando bisogna decidersi di fare delle scelte, infatti sembra voler abbandonare la musica e iniziare a lavorare su una nave come marinaio.
Ma il finale circolare ( elegantissimo ma anche forse inutilmente intellettuale ) lo riporta nel vicolo con il naso rotto come lo abbiamo visto all’inizio della storia. Una storia minimale con un’evoluzione ‘ semplice ‘ ma ricca di dettagli psicologici e dei classici visi alla Coen, come alla Coen sono le insensatezze dei protagonisti che nascondono una qualche lucida follia o una qualche stupidità di fondo.

Un protagonista in fondo buono, divertente ma non particolarmente empatico, un bravo Oscar Isaac ( attore trentenne guatemalteco con all’attivo già una ventina di film da non protagonista ), con lui un gruppo d’attori bravi e convincenti ma tutti un po’ freddi se non algidi. Da segnalare il bravissimo John Goodman nel quasi cameo del musicista jazz Roland Turner che sbeffeggia la musica folk, e il suo " valletto " il taciturno Johnny Five ( Garrett Hedlund )

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere