Martedì 17 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
A Simple Life PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 28
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 07 marzo 2012

A Simple Life
Titolo originale: A Simple Life
Hong Kong: 2011. Regia di: Ann Hui Genere: Drammatico Durata: 117'
Interpreti: Andy Lau, Deanie Ip, Wang Fuli, Qin Hailu, Paul Chiang, Leung Tin, Wendy Yu, Eman Lam, Elena Kong, Jason Chan, Hui So Ying, Anthony Wong, Chapman To, Lam Ka Tung Titolo originale Táo Jie
Sito web ufficiale: www.mymovies.it/asimplelife
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 08/03/2012
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Trasparente
Scarica il Pressbook del film
A Simple Life su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

a_simple_life_leggero.png“A Simple Life” è un titolo perfetto per descrivere le tematiche a cui si rivolge la regista Ann Hui.
Il tocco delicato con cui racconta le sue storie è un tratto distintivo della sua opera.
Quelle delineate nei suoi film sono le vite semplici di persone comuni, spesso quelle messe ai margini della società, che si sacrificano e lottano una vita intera. Sembra non facciano niente di straordinario, eppure meglio di altri vivono una vita piena.

In “A Simple Life” viene raccontata la storia di Ah Tao, collaboratrice domestica del produttore cinematografico Roger Lee. Dopo un malore cardiaco, la donna decide di lasciare il lavoro e trasferirsi in una casa di cura. Roger si dedicherà completamente a lei.
È un film che parla di gratitudine, di rispetto, ma soprattutto dell’amore di un figlio nei confronti della madre, nonostante non vi sia legame di sangue.
Roger è stato cresciuto da Ah Tao, rimastagli vicina in ogni circostanza. Questa è la storia vera di un noto produttore cinematografico e la sua amah.
L’amah cinese è una collaboratrice domestica, che si prende cura anche dei bambini della famiglia dove vive tutta la sua vita, considerata come parte della stessa.
Questa figura inizia a vedere il suo declino con l’assunzione di colf filippine e indonesiane, molto più economiche. Chung Chun-tao (detta Ah Tao) viene mandata a lavorare presso la famiglia Lee all’età di 13 anni.
Nei sessanta anni successivi si occuperà delle faccende domestiche e di crescere quattro generazioni.
Ann Hui viene messa al corrente di questa storia dallo stesso produttore Lee durante le riprese di “Summer Snow” nel 1995.

Ci ha impiegato un po’ di tempo per essere trasposta sul grande schermo, ma ne è valsa la pena. Traspare limpidamente la grazia, il garbo e l’intensità con cui la storia viene raccontata. La regista non racconta solo l’amore filiale, ma anche la senilità e il rendersi conto di aver raggiunto la maturità piena, come accade alla protagonista. Ah Tao, non volendo essere un peso, nel momento in cui si rende conto che non può più essere utile, si dimette dal suo ruolo.
Quelli mostrati dalla regista sono un universo di individui ancora in grado di donare agli altri il loro amore: c’è chi vuole sentire l’ebbrezza della gioventù come lo zio Kin, ma c’è anche chi, ancora giovane, non ha una famiglia che l’aspetta a casa come l’infermiera Choi. La protagonista è una persona molto riservata, tuttavia, riesce a relazionarsi con questi individui, che diventano suoi compagni per l’ultimo tratto della sua vita.
Gli ingredienti presenti in “A Simple Life” sono quelli utilizzati dalla regista nei suoi lavori, a partire dalla tensione emotiva, delicatezza, intimità, un forte senso del reale, vite semplici e personaggi che rimangono impressi a lungo nel cuore di chi li vive.

Accanto ad attori non professionisti Hui ha scelto due star come Andy Lau (Roger Lee) e Deanie Ip (Ah Tao), che ha vinto la Coppa Volpi per la Miglior Interpretazione Femminile al Festival di Venezia 2011 e numerosi altri.
In patria Andy Lau è considerato una vera e propria icona. Dal suo esordio in “Boat People” della stessa Ann Hui si è saputo costruire una carriera cinematografica apprezzabile, scegliendo film che lo hanno imposto all’attenzione pubblica.
Diretto da Wong Kar-wai in “As Tears Go By” e in “Days of Being Wild”, da Zhang Yimou ne “La foresta dei pugnali volanti”, da Andrew Lau e Alan Mak nella trilogia “Infernal Affair” (della quale Martin Scorsese ha realizzato il remake “The Departed”, premiato con l’Oscar nel 2007) Lau si è dimostrato un abile professionista nell’incarnarsi nei personaggi che interpreta.
Il suo sguardo e quello di Deanie Ip esprimono la profondità dei rispettivi personaggi tanto da portare al coinvolgimento emotivo e ad auspicare di ricevere/dare un affetto simile.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere