HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow ACAB - All Cops Are Bastards
Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
ACAB - All Cops Are Bastards PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 42
ScarsoOttimo 
Scritto da Daria Castelfranchi   
mercoledì 25 gennaio 2012

ACAB - All Cops Are Bastards
Titolo originale: ACAB - All Cops Are Bastards
Italia: 2011. Regia di: Stefano Sollima Genere: Drammatico Durata: 112'
Interpreti: Pierfrancesco Favino, Filippo Nigro, Marco Giallini, Andrea Sartoretti, Roberta Spagnuolo, Domenico Diele
Sito web ufficiale: www.acabilfilm.it
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 27/01/2012
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Daria Castelfranchi
L'aggettivo ideale: Disincantato
Scarica il Pressbook del film
ACAB - All Cops Are Bastards su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

acab_leggero.pngSulla scia di Black Block e Diaz, dal 27 Gennaio nelle sale italiane arriva ACAB, acronimo per All cops are bastards: motto degli anni ’70 che rivive nell’Italia dell’ultimo decennio e nei celerini, quei poliziotti così odiati, protagonisti del G8 di Genova, degli scontri allo stadio e di tanti fatti di cronaca nera.
Di certo quel che emerge dall’opera prima di Stefano Sollima non è un bel ritratto della polizia, o meglio del reparto mobile delle forze dell’ordine: persone istigate dall’odio, che compiono violenze spesso gratuite e inaudite ai danni non certo di santi ma neanche di bestie da macello. Ma questo era proprio l’intento del regista e dello sceneggiatore: mettere in scena l’odio che attanaglia la nostra società.
Un odio dovuto spesso alla solitudine e a una vita senza sbocchi.

I protagonisti sono fondamentalmente dei perdenti: Cobra è un uomo solo e solitario, che ha fatto dello stato e della sua difesa il suo ideale. Negro è separato ed ha una figlia, Carolina: in seguito alle percosse alla ex moglie cubana, gli viene vietato di incontrarla e questo accresce la sua già comprovata instabilità.
Mazinga ha un figlio adolescente che si è unito ad un gruppo di neofascisti. Carletto ha abbandonato la squadra e fa il guardiano in una scuola privata di élite. Per finire c’è Adriano, giunto al reparto mobile perché è quello che paga meglio: la madre sta per essere sfrattata e la casa popolare che il comune le ha assegnato è stata occupata abusivamente da una famiglia tunisina.

Altro motivo di rancore, altro fattore che scatena il razzismo insito in ognuna di queste persone che vede l’Italia come la propria casa invasa dagli stranieri. Che siano albanesi, rumeni o tunisini, non hanno diritto di stare nel nostro paese, togliendo la casa e il lavoro a chi ne ha bisogno, andando in giro a sporcare, stuprare, uccidere.
E fin qui, come ha detto l’autore del libro da cui è tratto il film, chiunque, nel profondo del suo io, potrebbe pensare che questi celerini, tutti i torti non li hanno. “Rischio morale? Sì, ma bisogna liberarsi di questo ricatto, altrimenti non si racconta più niente”.

Un film che, almeno finora, non ha sollevato proteste né critiche ma che è stato mantenuto a distanza dalle forze dell’ordine. Molto intenso e molto realistico, ACAB accenna, tenendole sullo sfondo, ad alcune pagine infamanti della storia italiana dell’ultimo decennio tra cui il G8 di Genova, la morte dell’ispettore Raciti, l’assassinio di Giovanna Reggiani, l’omicidio di Gabriele Sandri.
Il ritratto della società odierna è vivido e attuale: la regia di Sollima è coinvolgente e il montaggio sincopato trasporta lo spettatore all’interno delle vicende. I brani rock dei Clash, dei Chemical Brothers e dei White Stripes sottolineano la violenza e l’urgenza di alcune sequenze. Tratto dall’omonima opera di Carlo Bonini, il film è uno spaccato dell’Italia dal punto di vista dei celerini.

ACAB offre infatti una prospettiva diversa: non di chi subisce le violenze ma di chi le fa. E offre una visione nuova di questa gente che riceve sputi, insulti, contro cui vengono tirati oggetti. Come ha detto Favino: “l’esperienza di stare dietro a uno scudo provoca un’aggressività naturale nell’uomo. Ora capisco meglio come si sta da quella parte”.
Non bene, in effetti. L’intento di criminalizzare non c’era, c’era solo quello di raccontare dei fatti realmente accaduti.
Il risultato è buono ma non lascia ben sperare sulle condizioni del nostro paese.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere