HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow American Hustle – L’apparenza inganna
Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
American Hustle – L’apparenza inganna PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 26 gennaio 2014

Titolo: American Hustle – L’apparenza inganna
Titolo originale: American Hustle
USA: 2013. Regia di: David O. Russell Genere: Drammatico Durata: 135'
Interpreti: Christian Bale, Amy Adams, Bradley Cooper, Jennifer Lawrence, Jeremy Renner, Robert De Niro, Jack Huston, Louis C.K., Michael Peña, Alessandro Nivola
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 01/01/2014
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Altalenante
Scarica il Pressbook del film
American Hustle – L’apparenza inganna su Facebook

american_hustle_leggero.pngHa ricevuto ben 10 candidature all’Oscar ma crediamo che possa competere al massimo a due o tre statuette, quella della migliore sceneggiatura ( anche se un po’ troppo densa e in alcuni passaggi appesantita ), forse per i migliori costumi e forse come miglior cast ( ma non c’è questo premio nello specifico ). Altrimenti non vincerà nulla e sinceramente non resterà nelle Enciclopedie del cinema tra i migliori film del genere ‘ i signori della truffa ‘.

Secondo me è un film sopravvalutato, con una scelta narrativa coraggiosa ma che rende la storia a volte noiosa, in alcuni passaggi si avvita su se stessa, a volte coniuga leggero e pesante che risulta controproducente.
Di film su truffatori e truffe il cinema ne ha prodotte molte, anche agli antipodi, da “ La stangata “ a “ La casa dei giochi “, da “ Paper Moon “ a “ Prova a prendermi “, questo “ American Hustle “ cerca una nuova via che racconta di imbroglioni e imbrogliati che non sono molto differenti tra loro e che hanno tutti delle vite private talmente squallide, nevrotiche e ossessive da risultare classici e modesti borghesi: una chiave di lettura è che non fa particolare differenza tra i truffatori ( per stereotipo ‘ simpatici ‘, ‘ empatici ‘ con cui solodarizziamo e tifiamo ) e i ‘ cattivi ‘ che in fondo sono solo dei corrotti senza particolare perfidia o antipatia; nemmeno il cameo di De Niro invecchiato inutilmente ( è già vecchio di suo ) come mafioso assassino fa particolarmente paura, è più il regista che ci dice che è veramente un criminale.
Ma a onor del vero ci sono alcuni lati molto positivi di questo film, l’ambientazione anni settanta con i suoi abiti e le sue scenografie e soprattutto c’è un cast ben amalgamato che rende al meglio: è grazie alla bravura e alla credibilità dei protagonisti che anche le scene più fiacche e ovvie riescono ad essere credibili, riescono a iniettare sentimenti veri e poco esplorati nel dramma e nelle sue variabili grottesche; ed anche l’ironia su certo squallore ben descritto riesce a far solidarizzare il pubblico sia con i ‘ buoni ‘ che con i ‘ cattivi ‘. Ed a questo dobbiamo aggiungere che alcuni passaggi psicologici dei protagonisti risultano originali nelle loro contraddizioni nevrotiche.

“ America Hustle “ è ambientato nel Jersey a metà degli Anni Settanta e racconta ( non sappiamo con quanta precisione ) dell’operazione Abscam, un’ operazione che effettivamente è stata fatta dall’F.B.I. e che portò all’arresto di alcuni membri del Congresso e del sindaco di Camden, una piccola città squattrinata del Jersey, per corruzione.
Operazione che l’F.B.I. ha svolto e portato a termine grazie a due truffatori professionisti costretti a collaborare altrimenti sarebbero finiti in carcere per l’appunto per truffa. I due truffatori sono Irving Rosenfeld e Sydney Prosser ( i bravissimi Christian Bale e Amy Adams ), lui è un uomo quasi quarantenne, grassoccio, malato di cuore, nato per gli imbrogli ( da bambino aveva iniziato a rompere i vetri dei negozi per far guadagnare un po’ di soldi al padre vetraio senza soldi ) e abile nelle truffe ma con una vita sentimentale nevrotica e a pezzi: è sposato con una donna che sembra svampita ma è solo infelicissima ed ha un figlio che non è il suo ma di cui vuol fare a forza il padre; lei invece è un’affascinante imbrogliona consapevole del suo grado di trasgressione e pronta a tutto per i soldi. Iniziano una relazione e compiono truffe assieme ma vengono ‘ beccati ‘ dall’agente federale Richie DiMaso ( un ottimo Bradley Cooper ), un giovane ossessionato dalla carriera in modo quasi allucinato ma in realtà anche lui fugge dalla sua vita privata, ad oltre trent’anni vive ancora con la mamma ed è fidanzato con una ragazza che più insignificante non si potrebbe e si mette i bigodini per farsi i capelli ricci.
Irving, Sydneye Richie devono quindi lavorare assieme per corrompere il buon sindaco di Camden, ma l’affare si ingrossa anche a loro insaputa e quindi compaiono mafiosi, una capomafia che viene da Miami ed anche dei deputati che si fanno corrompere per aiutare un finto arabo ad avere la cittadinanza americana in modo che possa finanziare la ristrutturazione di un polo di casino ormai chiusi e abbandonati. Ma gli imprevisti e le variabili sono tante anche per colpa della moglie di Irving, una bella casalinga disperata, angosciata e viziata che finirà per mettere nei guai il marito e si fidanzerà con un mafioso. I due truffatori si rendono conto che per loro la situazione si sta facendo difficile comunque, da un lato l’F.B.I che li potrebbe rimandare in carcere e dall’altra i mafiosi che se scoprono l’imbroglio alla fine se la prenderanno solo con loro due e allora devono inventarsi un trucco che li salverà…

Sulla storia c’è un’intenzione un po’ vaga di analizzare il rapporto tra realtà e finzione e le loro sfumature, ma il tutto è più un desiderio intellettuale di chi vi scrive che non una dichiarazione di intenti del regista.
Russell non è Scorsese ( lo citiamo perché il regista prova ad imitarlo in alcune inquadrature-piani sequenza ) tantomeno il primo Mamet e solo un buon artigiano del cinema, bravo nella scelta e nella direzione degli attori, nell’attenzione ai costumi, alle scenografie e alla colonna sonora ma non è certo un’autore di spessore.
Quindi la ‘ follia ‘ che racconta e che potrebbe esplodere creativamente e felicemente mostra un’indecisione di fondo e più che raccontarla la dichiara, cadendo in convenzioni e in formalismi già visti. E‘ un po’ come quei comici che dicono una battuta ridendo prima che faccia ridere.

Classe 1958, Russell è un regista iperattivo e prolifico ha esordito nel 1994 con Spanking the Monkey (premio del pubblico al Sundance Film Festival), commedia che racconta una relazione incestuosa tra un brillante studente universitario e la madre depressa. Realizza poi altri 11 film tra i quali “ Amori e disastri “ nel 1996, nel 1999 realizza “ Three King “, una commedia di guerra ambientata all’indomani della Guerra del Golfo.
“ Il lato positivo “ è tra gli ultimi film realizzati ( 2012 ) e dopo “ American Hustel “ uscito negli Usa a dicembre ha gia realizzato “ The Ends of the Earth “.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere