Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Another Earth PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 26
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 10 gennaio 2012

Another Earth
Titolo originale: Another Earth
USA: 2010. Regia di: Mike Cahill Genere: Drammatico Durata: 92'
Interpreti: William Mapother, Brit Marling, Jordan Baker, Flint Beverage, Robin Taylor, Joseph A. Bove, Natalie Carter, Diane Ciesla, Jeff Clyburn, Bruce Colbert, Matthew-Lee Erlbach, Ari Gold, Jeffrey Goldenberg, Ana Kayne
Sito web ufficiale: www.foxsearchlight.com/anotherearth
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 18/05/2012
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Allegorico
Scarica il Pressbook del film
Another Earth su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

anotherearth_leggero.pngCinema visionario e ricco di spunti fecondi,quello di "Another Earth" allarga considerazioni e significati oltre l'immagine virtuale di un pianeta-simbolo e del cielo vicino che lo accoglie. L'apparizione di un'altra Terra vicina a questa,forse anche sua proiezione posta come elemento osservatore e a sua volta osservato,non è la componente di un film di fantascienza ma il segnale di un'indagine dentro l'uomo.

"Another Earth" traduce una percezione visiva della scoperta graduale di una protagonista che,indagando su di sè,si guarda e si analizza usando una prospettiva esterna,scoprendosi nuova e inaspettata,come in un altro mondo,identico ma diverso,un universo alternativo ma equivalente,di cui scopre l'esistenza.
Promossa al programma astrofisico del MIT,Rhoda Williams (Brit Marling),giovane ricercatrice,durante i festeggiamenti esagera con l'alcool e durante il suo ritorno a casa,mentre si spinge fuori dal finestrino dell'auto per osservare lo strano pianeta simile alla Terra che occhieggia dal cielo,va a scontrarsi con una vettura,uccidendo una madre con il figlio e mandando il marito in coma.

Passati quattro anni,uscita di prigione,Rhoda viene a conoscenza che l'uomo,il musicista John Burroughs (William Mapother),è uscito dal coma e conduce una vita disperata,in uno stato di depressione e trascuratezza,semirecluso nella sua casa devastata dall'abbandono. Preda del senso di colpa,la donna bussa alla porta di John,non rivelandosi come responsabile della tragedia,ma cercando di fare ammenda adducendo il pretesto di far parte di un progetto di assistenza sanitaria.
Con l'andar del tempo la chimica fra i due infelici si accende,nonostante uno dei due non conosca affatto la verità sull'altro.

La forza di "Another Earth" è quella che genera i larghi spazi da esplorare,spazi intimi,cieli e pianeti interiori,immensità nascoste e messe a nudo in una realtà sorprendente quanto un nuovo mondo. L'aspetto visivo dell'elemento cosmico non chiede plausibilità o credibilità. La narrazione è una parola appena mormorata e l'allegoria è sottile e raffinata,segnata da un intenso cammino umano,non spaziale ma silenzioso e discreto,come un guardiano taciturno messo a vigilare sulla tormentata quiete di un passaggio di stato interiore.
I dialoghi rarefatti ritmano il lento cammino intimo di Rhoda nel suo percorso verso una conoscenza nuova,un'esplorazione nei territori sconosciuti dell'anima,una meditazione sulle infinite possibilità offerte alla vita.
L'altra Terra ne porta l'immagine scritta nel blu del cielo,quieto testimone degli accadimenti umani,assistente di un mondo che non sa di appartenere ad un universo di interminabili variabili parallele.
Ogni singolo attimo di Rhoda nella notte della tragedia è il seme di una infinita serie di possibilità e conseguenze:la promozione,il festeggiamento,l'esagerazione nel bere,la strada percorsa,la coincidenza precisa nel tempo e nello spazio nell'imbattersi con l'auto di John. L'incidente fatale è la soluzione finale delle variabili coinvolte nelle pagine di vita della donna e dell'uomo.

L'occhio silenzioso di un pianeta messo ad assistere agli eventi umani,non immagine di divinità,ma "mondo speculare",è l'elemento pretestuale che induce a meditare sulla provvisorietà delle certezze e sull'arbitrarietà dei destini.
Il ritmo del racconto è lento e misurato,quasi ossessivo nello studio dei protagonisti. Le inquadrature ravvicinate e calcolate richiamano a volte il documentario sull'uomo,in zoomate di primi piani e voli sulle espressioni dei volti,i suoni e i rumori sono le eco discrete della sofferenza e,in John,della rassegnazione,i colori sono tenui e desaturati,la fotografia è parsimoniosa e pensosa.
Tutto si compone in un quadro interiore che diffonde i bagliori soffusi del delicato ricamo di una pietà baciata dalla malinconia e dalla trepidazione. In filigrana il film riprende il sogno umano di un altro io,un individuo alternativo vivente in spazi e dimensioni differenti. Qui Mike Cahill,coautore dello script con la Marling,innesta una componente che si allarga all'indagine sull'altro io,elemento complementare e affascinante e pone l'accento sul rapporto duale fra i due sè stessi e su cosa potrebbe scaturire dall'incontro dei due uguali ("...se tu incontrassi l'altro,cosa gli diresti?").
Si fa largo l'idea della paura e del desiderio di vedersi dal di fuori,con una prospettiva diversa dalla soggettiva,come due mondi che si osservano in reciprocità. Allora la conoscenza di sè stessi passa attraverso la conoscenza dell'altro (qui John),in un cammino di condivisione e di evasione dalla propria "caverna" di dolore,come una scoperta galileiana sotto un cielo nuovo e una luce diversa. L'epilogo del film canta l'eterna parabola della conoscenza.

La vita raccoglie le informazioni più preziose:i biologi cercano di osservare le cose sempre più piccole e gli astronomi scrutano sempre più lontano,nell'oscurità del cielo,fuori del tempo e dello spazio,ma il mistero più profondo non è nè il più piccolo,nè il più grande.E' il mistero dell'uomo sotto la lente.
Un'umanità che si interroga se può o potrà mai accettarsi e si tormenta con l'interrogativo su cosa potrà imparare da sè stessa. Cosa potrebbe vedere l'uomo,se portato fuori da sè stesso e posto osservatore delle proprie azioni? "Another Earth" è cinema dell'intuizione,dove ogni verbo è metafora in un' allegoria di parole e pensieri appena accennati in un sussurro di idee poste a guardare.

 

Commenti  

 
0 #1 Andrea Cofrancesco 2012-05-18 12:06
Il film è fantastico,ma questa recensione è stracolma di parole pompose ed inutili.
Non serve dimostrare a tutti i costi di saper scrivere,per confezionare una buona e soprattutto chiara recensione.
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere