Lunedì 8 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Calvario PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
giovedì 21 maggio 2015

Titolo: Calvario
Titolo originale: Calvary
USA 2014 Regia di: John Michael McDonagh Genere: Drammatico Durata: 104'
Interpreti: Brendan Gleeson, Chris O'Dowd, Kelly Reilly, Aidan Gillen, Dylan Moran, Isaach De Bankolé, M. Emmet Walsh, Marie-Josée Croze, Domhnall Gleeson, David Wilmot
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 14/05/2015
Voto: 6,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Manicheo
Scarica il Pressbook del film
Calvario su Facebook

calvario_leggero.pngIl Calvario sembra il destino dello sfortunato padre James, un uomo ormai sessantenne che è stato sposato, è stato un alcolista, ha una figlia delicata e autodistruttiva che vive a Dublino, e, dopo la morte della moglie, ha avuto la vocazione ed è diventato prima prete e poi parroco di questo piccolo paese solitario di un Irlanda poco cristiana e molto rancorosa se non vigliacca. E’ un prete senza vocazione ? Sicuramente no, ma gli resta dentro quel coraggio e quella rabbia che non sono la prospettiva giusta per trasformarsi in un prelato di provincia, sottomesso, ipocrita e fintamente commiserevole, un po’ personaggio alla Ken Loach un po’ Fra Cristoforo. D’altronde è finito in un luogo in cui Cristo non si è fermato nemmeno per sbaglio e i concittadini sono quasi la feccia umana ( il lato più manicheo del film, tutti uguali, tutti pessimi ).
In questo paesino, dimenticato dagli uomini e dai santi, vive un ricco aristocratico broker disonesto che è venuto a ripararsi dopo chissà quali nefandezze professionali, vive da solo dopo essere stato lasciato dalla moglie e dai figli, beve molto, piscia sui quadri nel suo castelletto e sarebbe sul punto di scoppiare se non fosse un cinico, c’è un uomo che viene tradito sistematicamente dalla moglie e sembra quasi gioire di tale umiliazione, c’è la moglie che non si cura nemmeno di nascondere le varie relazione tantomeno quella con un immigrato nero, antipatico, ostile e sempre pronto a buttarla sul razzismo, c’è il proprietario del pub che detesta il prete e in fondo i suoi clienti, c’è un giovane che non riesce a conoscere una donna e dopo aver sperimentato tutto il porno possibile su internet vorrebbe entrare nell’esercito per usare la sua libido con le armi e uccidere i nemici, c’è il capo della polizia locale omosessuale che ha una relazione con un giovane prostituto gay che sculetta un po’ dappertutto, c’è un vecchio scrittore che cerca una pistola per suicidarsi, c’è un chirurgo che spegne sigarette sugli organi che dovrebbe analizzare e fa battute ciniche su pazienti che stanno morendo o sono appena morti, c’è un altro prete che sprizza ipocrisia e stupidità da tutti i pori.
Insomma una sequela di cinici, scristianizzati irlandesi che sarebbe meglio non incontrare, anche perché potrebbero volerti uccidere solo perché sei una brava persona o sgozzare un dolce cane tanto per fare qualcosa o bruciare una chiesa per frustrazione. Il calvario di padre James è questo, quello di vivere in un luogo del genere con gente del genere e se non avesse una vocazione certamente potrebbe prendere la sua auto e partire oppure l’aereo e volare via, pensieri che fa ma che non realizza andando incontro al suo calvario definitivo.
Bei luoghi quelli irlandesi, freddi e solitari al punto giusto, come feccia umana sono i suoi cittadini rispettabili e inquietanti, ma qui non siamo dalle parti del grande cinema di Haneke o quello di Von Trier tantomeno rientra in quella serie di film irlandesi che raccontano senza misericordia l’orrore all’interno della Chiesa come Magdalene. Calvario si fa notare per l’analisi introspettiva del padre ( Brendan Gleeson ), per un ritmo da thriller e per la cornice alla Lean.

Il film dichiara immediatamente il suo sviluppo, nel modo più semplice e diretto. Una domenica mattina, Padre James Lavellel, seduto nel suo confessionale, ascolta l’ennesimo penitente – che forse riconosce –, il peccatore gli annuncia che lo ucciderà la domenica successiva e gli da’ un appuntamento sulla spiaggia: lo farà per vendicare le violenze sessuali che ha subito da bambino da un altro prete oramai morto.
Padre James resta stupito di questa minaccia ma come un novello Giobbe sopporta questa attesa ma soprattutto le cattiverie e i rancori che si annidano nelle vite dei paesani. L’unica nota dolente del film e che la maggior parte degli abitanti ha un cinismo fuori dal comune, risultano di una profonda distruttività e volgarità umana, delle bestie feroci, che maltrattano fino all’eccesso il povero padre che si difende solo con la pazienza o con dei gesti bruschi. Il regista McDonagh sembra però accanirsi anche contro la Chiesa che risulta piena di pedofili, di complici e di affaristi a buon mercato.

Una buona regia con una bella fotografia e ottimi scenari solitari. La trama è accurata ma anche semplice, manichea e bizzarra, in alcuni momenti risaltano delle battute di matrice teatrale e forse troppo caustiche perché indirizzate sempre in un solo versante. Da segnalare il bravissimo Brendan Gleeson visto in tanti film da Michael Collins a Gangs of New York , da Ritorno a Cold Mountain a Harry Potter. dubbio.

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere