Venerdì 27 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Carol PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 18 gennaio 2016

Titolo: Carol
Titolo originale: Carol
USA, Gran Bretagna 2015 Regia di: Todd Haynes Genere: Drammatico Durata: 118'
Interpreti: Cate Blanchett, Rooney Mara, Kyle Chandler, Jake Lacy, Sarah Paulson, Carrie Brownstein, John Magaro, Cory Michael Smith, Kevin Crowley, Trent Rowland
Sito web ufficiale: www.carolfilm.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 05/01/2016
Voto: 7,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Ineccepibile
Scarica il Pressbook del film
Carol su Facebook

carol_leggero.pngUn film come Carol lascia allo spettatore un doppio sentimento contrastante. Da un lato si potrebbe dire che è un film dalla confezione perfetta, sia dal punto di vista della sceneggiatura che dalla mise en scène ( splendide la fotografia, le scenografie e i costumi ), come bravissime risultano le due attrici protagoniste – entrambe candidate all’Oscar e Rooney Mara otterrà quello di attrice non protagonista.
Ma allo stesso tempo, dopo la prima parte, questa eleganza, questa misura perfetta, questa bellezza, diventano un po’ il suo limite. In Carol non sembra esserci niente di sbagliato ( tranne forse una scena finale con un sottofondo musicale così einaudiano da risultare eccessivo e forse un po’ fuori tono ) eppure il tutto lascia una sensazione di sazietà traboccante; fa quasi pensare: mostraci qualche imperfezione, almeno un refuso.

E’ sicuramente particolare accusare un film di risultare inattaccabile, eppure questa è la sensazione finale. Forse perché c’è una regia così accurata da sembrare che ami in alcuni momenti se stessa e indugia su particolari anche preziosi ma che risultano dopo un po’ eccessivi e ridondanti.
Tuttavia Todd Haynes è un ottimo regista ( da segnalare i precedenti suoi film, l’originalissimo Io non sono qui, il melodramma di rara efficacia Lontano dal paradiso, la discesa nel dolore Safe ) che si è sempre distinto per le idee chiare e per lo stile del tutto personale che non lo rende simile a nessun altro regista; anche con questo film - tratto da un romanzo di Patricia Highsmith - riesce a raccontare una storia senza essere condizionato dai precedenti maestri che hanno realizzato film della celebre autrice americana ( Cavani, Chabrol Hitchcock, Wenders ) e si potrebbe dire che con questo film sia riuscito a trovare una nuova via di quel genere melodrammatico tanto in voga proprio ai tempi dell’ambientazione di questo film ( ricordiamo autori come Douglas Sirk, Vincente Minnelli, Elia Kazan, Nicholas Ray ).

Siamo a New York nel 1952 - in quella America che aveva Nixon vicepresidente, il senatore McCarthy impegnato a perseguitare gli artisti di Hollywood e il ribellismo di Dean e Keruac ancora da venire -, Therese Belivet è un’elegante e carina commessa di un grande magazzino nel reparto regali per bambini; è quasi fidanzata con un tipico ragazzo americano, Richard, ha il desiderio di diventare una fotografa e si guarda intorno curiosa di tutto. Nel reparto giocattoli compare Carol, una signora quarantenne, un po’ algida, sul punto di divorziare e molto legata alla sua bambina.
La signora vorrebbe comprare una bambola a sua figlia per Natale, ma Therese la convince a prendere un trenino elettrico.
Si piacciono sin da subito, ma i tempi sono altri e Carol invece di chiedere un appuntamento dimentica i guanti sulla vetrina del reparto. Naturalmente si ritrovano e intrecciano una relazione casta ma fatta di desiderio e di attesa; Carol ha un marito ricco che la ama ancora nonostante i vari tradimenti lesbici della moglie e sarebbe disposto a sopportarli se lei fosse un po’ disponibile con lui e la sua famiglia, ma lei prova solo tenerezza e fastidio per Harge ( il bravo attore televisivo Kyle Chandler ) e un odio sviscerto per i parenti di lui.
E in tutto questo ci sono le feste di Natale, gli amici e i parenti soprattutto di lui, la neve. Carol e Therese decidono di intraprendere un viaggio in auto, rompendo entrambe con i due partner maschili, verso Ovest, verso la classica nuova frontiera,; e in questo viaggio sboccia l’amore definitivo senza più resistenze o non detto. In un motel conoscono un giovane, apparentemente imbranato, ma Carol scopre ben presto che è un abile investigatore mandato dal marito a procurarsi prove per ottenere col divorzio l’affidamento unico della bambina.
Carol e Therese così devono rientrare a New York e la donna inizia un doloroso scontro col marito e gli avvocati, sembra che tutto vada contro l’amore delle due donne…

Come in Viale del Tramonto – visto da Carol all’inizio del film – la storia si svolge in un lungo flashback, come ci avevano insegnato gli autori del passato. In un ristorante sembra terminare la loro storia all’inizio, in un ristorante termina il film. Una storia è chiusa all’interno dei personaggi, non ha un mondo esterno, né sociale né politico; un melodramma contenuto che deve nascondere lo scandalo perché la società dell’epoca non era disponibile a tollerarlo.
Le due donne – ma anche tutti gli altri – sono definiti più che da loro stessi dal luogo in cui vivono, dagli oggetti che li compongono e sembrano chiusi come in una prigione: Carol in una villa borghese e solitaria, Therese in un monolocale del Greenwich.

Da segnalare la sceneggiatrice Phyllis Nagy ( drammaturga per il Royal Court Theatre per tutti gli Anni Novanta ) che trova un modo assai originale per raccontare la costruzione di un amore, senza alcuna sbavatura o disattenzione; supportata da una scenografia e da dei costumi ( candidatura all’Oscar ) perfetti. Le due attrici sono bravissime, ma forse il fascino giovanile, simile alla Audrey Hepburn di quegli anni, prende il sopravvento sulla Blanchett che appare in alcuni tratti meno glamour del solito.

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere