HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Castaway On The Moon
Lunedì 18 Ottobre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Castaway On The Moon PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 28 maggio 2013

Titolo: Castaway On The Moon
Titolo originale: Kimssi pyoryugi
Corea del Sud: 2009  Regia di: Lee Hae-jun Genere: Drammatico Durata: 116'
Interpreti: Min-hee Hong, So-yeon Jang, Jae-yeong Jeong, Ryeo-won Jeong, Gyo-hwan Koo, Jeong-won Lee, Yeong-seo Park, Kyeong-jin Min, Sang-hoon Lee, Sang-hoon Lee, Sang-il Lee, Ri Min, Hak Seon, Mi-kyeong Yang
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito in blu-ray
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Sorprendente

castaway_on_the_moon_leggero.pngÈ disponibile in una doppia edizione Blu-ray e Dvd, il vincitore del 12esimo Far East Film Festival di Udine (2010), distribuito dalla collaudata ditta Tucker Film e CG Home Video.
Ci sono i film brutti, che sarebbe stato meglio non realizzare mai, ci sono quelli che piacciono ad un certo tipo di pubblico, diventando di nicchia, ci sono le pellicole osannate da critica e pubblico per la loro bellezza e conosciute da chiunque, e poi ci sono quelle opere come “Castaway on the Moon” (Kimssi Pyoryugi, 2009) - che possiedono un appeal e delle qualità innegabili per l’originalità e la freschezza della storia, per come questa viene raccontata, per la bravura degli attori - che dovrebbero meritatamente appartenere alla categoria dei più osannati ed essere tra quelli universalmente più conosciuti e purtroppo invece riescono a ritagliarsi uno spazio, per fortuna abbastanza ampio, nella categoria degli apprezzati da pochi.

“Castaway on the Moon” segue le vicende di un impiegato che, sommerso dai debiti, decide di farla finita, buttandosi da un ponte sopra il fiume Han. Kim Seung-geung riprende i sensi sulla riva di un’isoletta situata nel bel mezzo del fiume. Inizialmente disperato, incapace di nuotare, l’uomo farà di questo luogo solitario la sua casa.
Nel frattempo in un condominio dalla parte opposta del fiume qualcuno lo osserva – giorno dopo giorno – con un teleobiettivo, fino a quando non si mette in contatto con lui.
Il regista e sceneggiatore Lee Hey-jun mette a fuoco un dramma umano, instillandovi momenti ilari, commoventi, frustranti, giocosi, fantasiosi e alcuni più che reali, come la scena in cui Seung-geung tenta di spiegare la situazione bizzarra in cui si trova alle persone che gli rispondono al cellulare, le quali pensando ad uno scherzo non lo prendono sul serio e/o non lo ascoltano nemmeno. Due sono i protagonisti indiscussi: Seung-geung e la piccola isola sulla quale è naufragato.

Dopo mezz’ora circa viene introdotta l’altra figura che dividerà con loro la ribalta: Kim Jung-yeon. Nella parte iniziale Lee Hey-jun evidenzia lo smarrimento e la perdita di qualsiasi speranza per il futuro del protagonista. Seung-geung non pensa ci sia una via d’uscita, il senso di abbandono che prova ora è solo il proseguimento di una situazione già in atto. Poi le cose si evolvono, prendono un’altra piega, ritrova qualcosa che aveva perso da tanto tempo: il piacere per le piccole gioie della vita, come un piatto fumante di spaghetti con i fagioli. Gli spaghetti sono il simbolo della rinata speranza, che inconsapevolmente il naufrago trasmette a Jung-yeon, che da tre anni si è volontariamente rinchiusa in camera da letto, senza entrare in contatto con nessuno, nemmeno con i suoi familiari. È il racconto di due disadattati che trovano nell’altro il giusto equilibrio.

Ad interpretare questo Robinson Crusoe contemporaneo è stato chiamato Jung Jae-young, che dà prova di essere perfetto per la parte. È semplicemente fantastico, alterna la comicità alla commozione, la rabbia alla disperazione, la felicità alla sorpresa con bravura e sagacia, portando lo spettatore a mettersi nei suoi panni. Quella davanti alla quale ci si trova è anche una storia d’amore in divenire. Due anime affini si scorgono e si cercano. Il protagonista tratteggiato da Lee infonde calore e positività, catturando l’attenzione e il cuore di Jung-yeon e del pubblico. Inoltre pone l’accento su quanto faccia bene ritrovare un sano contatto con la natura e quanto non lo sia altrettanto crearsi una vita virtuale.

Ci sono detrattori del film che vedono superflua la figura della ragazza, c’è chi non la vede giustamente descritta, chi considera il finale non appropriato. Sono tutte considerazioni, con le quali si può essere in disaccordo o meno, che appartengono ad un gusto personale. L’intento di Lee Hey-jun è stato quello di scrivere e portare sullo schermo qualcosa di più di un Robinson Crusoe, volendo sorprendere ed emozionare da più fronti.
“Castaway on the Moon” non sarà perfetto, ma è un film di elevata fattura.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere