HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow C'era una volta in Anatolia
Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
C'era una volta in Anatolia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 32
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 19 giugno 2012

Titolo: C'era una volta in Anatolia
Titolo originale: Bir zamanlar anadolu'da
Turchia: 2011. Regia di: Nuri Bilge Ceylan Genere: Drammatico Durata: 157'
Interpreti: Yilmaz Erdogan, Taner Birsel, Ahmet Mumtaz Taylan, Muhammet Uzuner
Sito web ufficiale: www.nbcfilm.com/anatolia/anatolia
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 15/06/2012
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Insolito
Scarica il Pressbook del film
C'era una volta in Anatolia su Facebook
Mi piace

onceuponatimeinanatolia_leggero.png“C’era una volta in Anatolia” è diretto dal regista Nuri Bilge Ceylan ed è tratto da un’esperienza realmente vissuta dallo sceneggiatore e medico Ercan Kesal, che ha realizzato lo script insieme a Ebru Ceylan, moglie del regista, e allo stesso Nuri Bilge Ceylan.
L’esperienza di Kesal è stata quella di aver cercato un cadavere alle prime luci dell’alba.
È bastato questo input a Ceylan per decidere di costruire una storia che procede per gradi e pone lo spettatore nella stessa posizione dei personaggi, venendo a conoscenza dei fatti man mano che la narrazione avanza. Kenan, dopo aver confessato l’omicidio di un uomo, si offre di mostrare al commissario Naci e al procuratore Nusret dove ha seppellito il corpo.

Passeranno tutta la notte a cercarlo nel cuore delle steppe dell’Anatolia. In questa ricerca emergeranno segreti taciuti. Quella che Ceylan porta sullo schermo è una narrazione fatta di silenzi, di paesaggi desertici, di dialoghi che ci parlano dei personaggi, più che dell’accaduto, attirando immediatamente l’attenzione.
Spettatore e personaggi vengono posti sullo stesso piano per parecchio tempo, poi nella seconda parte c’è un cambiamento nel momento in cui l’assassino rilascia un’altra confessione, senza che lo spettatore senta o veda nulla. Da questo momento verranno disseminati pezzetti di verità nella parte restante del film – tuttavia tacendo volutamente alcuni particolari. Inoltre il regista decide di non mostrare l’omicidio, punta i riflettori sulla ricerca del corpo e sui personaggi, che vi prendono parte. Non fa vedere la violenza in nessuna occasione, “Io preferisco farla sentire e non descriverla.
È la violenza interiore che mi interessa” – ha affermato.
Lo si nota in per esempio nella sequenza in cui c’è da fare l’autopsia: si sentono i rumori delle ossa tagliate e degli organi estratti, ma la macchina da presa si sofferma per tutto il tempo sull’uomo che sta praticando l’atto, percepito chiaramente.

Per Ceylan non è stato necessario mostrare, i rumori evocano meglio della vista il disagio per qualcosa che sembra svelarsi concretamente. Il risultato è ottimo.
Il film è stato girato a dure ore di macchina da Ankara, una zona stepposa e luogo del vero incidente. Altro aspetto che segna un cambiamento, nella seconda parte, è che ci si rende conto chi sia il vero protagonista della storia e come, facendo mente locale, le azioni degli altri personaggi rappresentassero fin dall’inizio il punto di vista di costui, ciò che lui vede con i suoi occhi, tutto il resto è messo fuori campo e il vociare altrui è in sottofondo o non udibile. Un particolare del film svelato dallo stesso regista al Festival di Cannes 2011, dove ha vinto il Gran Prix, è la seconda confessione dell’assassino fatta dopo aver visto una donna.
La ragione di ciò risiede nei fatti appresi da alcuni poliziotti in Anatolia sui sospettati, che il regista riporta. Dopo giorni rinchiusi in un ostinato silenzio, incontrando una donna o sentendo il pianto di un bambino, i sospettati scoppiavano in lacrime e confessavano.

Qualcosa nel profondo dell’animo li smuove e non possono più ritrarsi. “C’era una volta in Anatolia” è stato girato in buona parte di notte. Non è stato semplice effettuare le riprese in notturna - l’illuminazione ha richiesto non poco impegno e ingegno - eppure grazie a questa scelta il film ha guadagnato in tensione, intensità e aspettativa, conferendogli di conseguenza un tocco di suspense. Il regista ha voluto “restituire l’oscurità della notte e non è stato facile” ha spiegato.
La sua totalità è di centocinquanta minuti, e toltine una manciata prima della sequenza finale, non ci si rende conto della sua lunghezza. Ceylan ha voluto essere quanto più realista possibile nell’esporre la storia come l’ambientazione e nel delineare i personaggi. “C’era una volta in Anatolia – non lasciandovi ingannare dal titolo ideato per giocare bonariamente con l’immaginazione del pubblico – è un film diverso dagli altri e originale.
Fotografa una realtà che spesso ignoriamo, mostrandoci un punto di vista non standardizzato.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere