Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Diaz - Non pulire questo sangue PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Ilaria Melania Mattei   
giovedì 26 aprile 2012

Titolo: Diaz - Non pulire questo sangue
Titolo originale: Diaz - Non pulire questo sangue
Italia: 2012. Regia di: Daniele Vicari Genere: Drammatico Durata: 127'
Interpreti: Jennifer Ulrich, Elio Germano, Claudio Santamaria, Monica Barladeanu, Sarah Marecek, Ralph Amoussou, Pietro Ragusa, Alessandro Roja, Jacopo Maria Bicocchi
Sito web ufficiale: www.diazilfilm.it
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 13/04/2012
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Ilaria Melania Mattei
L'aggettivo ideale: Coraggioso
Scarica il Pressbook del film
Diaz - Non pulire questo sangue su Facebook
Mi piace

diaz_leggero.png"La più grave sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale" – Amnesty International.
E non solo. In quel 21 luglio 2001 la democrazia, già precedentemente sospesa, viene ridotta in frantumi, come suggerisce la bottiglietta di vetro con la quale Daniele Vicari apre il suo film, e che ritorna più volte come una sorta di leit-motiv, filo conduttore o simbolico punto di partenza della vicenda, emblema dell' assurda distruzione che caratterizzò le giornate del Genoa Social Forum.

Vetri rotti, ossa rotte, diritti umani fatti a pezzi. E Vicari ricostruisce la follia di quel 21 Luglio proprio rimettendo insieme i pezzi delle vicende di singole persone che trovano un comune, tragico epilogo all'interno della scuola-mattatoio Diaz, e poi nella caserma-carcere di Bolzaneto, e lo fa a partire dagli atti processuali, dalle testimonianze, dalle immagini girate nel delirio dei quei giorni. I protagonisti-vittime sono il giornalista Luca (Elio Germano), l'anziano militante della Cgil Anselmo, la tedesca Alma (Jennifer Ulrich) picchiata nella Diaz e torturata nella caserma di Bolzaneto, i due anarchici francesi rifugiatisi in un bar.

E poi i tedeschi Bea e Ralf, che pensano già al ritorno, e il francese Nick, a Genova per un seminario. Ma c'è anche il vice-questore Max Flamini (Caludio Santamaria), in disaccordo sulla gestione della situazione da parte della polizia, ma comunque colpevole (nella relatà è Michelangelo Forunier, vice questore dell'epoca, che definirà la Diaz "una macelleria messicana"). Con estrema lucidità e ottima tecnica cinematografica il regista inchioda lo spettatore alla poltrona, lo trascina nella vicenda viva con un sapiente uso delle immagini di repertorio, che si rispecchiano e rifluiscono senza soluzione di continuità in quelle ricreate sul set, e con continui flashback e salti temporali, in un ritmo serrato che non concede tregua.

E quando l'epilogo è ormai imminente, quando 300 macellai travestiti da rappresentanti delle forze dell'ordine sfondano il portone della Diaz, la sensazione è quella terribile di non avere più scampo: per le vittime dentro la scuola, indifese contro la furia sanguinaria dei "tonfa", intrappolate senza alcuna via di fuga, destinate a vivere un incubo che continuerà nella caserma di Bolzaneto; e per noi dentro la sala cinematografica, indifesi contro l'orrore di quel massacro insensato e la vergogna di quella fredda pianificazione da parte del potere istituzionale, che si fabbrica alibi e giustificazioni, anche noi senza più vie di fuga da uno scempio che ha scritto una delle pagine più infami della nostra storia.

Nella sua intensa ricostruzione Vicari sfiora soltanto il tema delle responsabilità politiche, perchè l'intenzione non è quella di dare risposte, ma di tenere vive le molte domande, fra cui le più immediate: come è potuto accadere? e perchè tutti i colpevoli sono rimasti al loro posto? Un film coraggioso, dall'alto valore di testimonianza storica, da vedere per riflettere, per non dimenticare e per mantenere alta quell' indignazione che di fronte a fatti così terribili ci identifica come esseri umani.
E per impedire che accada ancora.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere