Giovedì 20 Settembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
rampage_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Faust PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 28
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
domenica 06 novembre 2011

Faust
Titolo originale: Faust
Russia: 2011. Regia di: Aleksandr Sokurov Genere: Drammatico Durata: 134'
Interpreti: Hanna Schygulla, Maxim Mehmet, Isolda Dychauk, Georg Friedrich, Joel Kirby, Antoine Monot Jr., Eva-Maria Kurz, Katrin Filzen, Florian Brückner
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 28/10/2011
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli
L'aggettivo ideale: Maturo
Scarica il Pressbook del film
Faust su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

faust_leggero.pngDa Marlowe a Mann, da Goethe a Bulgakov, da Murnau a Burton, il mitico topos del patto infernale che il dottor Faust stipula con Mefistofele seduce l’animo ed ispira l’estro anche del regista russo Aleksandr Nikolaevič Sokurov. Il grande cineasta dipinge un quadro dalle tinte oniriche preferendo il fascino logorante dell’attesa allo sviluppo sinottico della storia.
Tutto inizia in alto, nell’immagine di quelle inarrivabili altezze alle quali il dottor Faust anela senza tregua per tutta la sua beffarda esistenza. Si parte dall’assoluto, dall’ineffabile cielo che ci indica, fin da principio, che ci stiamo accingendo a vivere un destino umano veicolato da un potere che lo trascende e che lo domina. Sarà Dio o sarà Satana?
La macchina da presa scende lentamente fino a farci scorgere un villaggio fuori dal tempo, per poi soffermarsi sul membro esangue di un feretro, studiato proprio dal protagonista di questa infame storia.

È proprio lo scienziato più famoso dell’800 che si sta prodigando nel cercare all’interno del corpo materiale della sua cavia un qualcosa che lo ecceda, quell’anima che si erge a concetto vuoto privo di qualsiasi contenuto significante. Faust cerca nei suoi studi quello che il Balthazar Claës di Balzac cercava nella chimica: l’assoluto, la sostanza comune a tutte le cose. È proprio questo desiderio utopico che muove il nostro antieroe per le strade sudice della sua città, attraverso uomini vili, ubriaconi e puttane. Sokurov indugia senza pietà sulla lacerazione interiore che costituisce l’esistenza stessa del suo protagonista, incapace di sapere con sicurezza e di ignorare in senso assoluto. Egli incontra molto presto il suo amico\nemico letterario, l’immenso Mefistofele, ma il suggello sul loro patto verrà posto solo verso la fine del film, quando l’infelice scienziato sarà già divorato dai suoi fantasmi e vinto dalla sua stessa sorte. Al regista russo interessa l’attesa spasmodica dell’acme del dramma; egli preferisce focalizzare l’attenzione sul rapporto tormentato che lega l’uomo e il diavolo.

L’essere finito, spinto da una forza in sé che non sa controllare, finirà per uccidere un uomo, abbandonare il suo adepto, desiderare le carni di una vergine. Sarà proprio questa voluttà, questo suo anelare al proibito a farne il mostro che la storia del sapere conosce alla perfezione. Egli alza le vesti della “sua” Margherita mentre essa si bagna, le sfiora la mano mentre è intenta a celebrare il funerale del fratello ucciso da lui stesso e finirà persino per respirare sul suo corpo nudo ed ignaro dei suoi immorali progetti.

Sokurov è abile nel distribuire lungo il corso del suo racconto una rilevante quantità di metafore e allegorie anticipatrici o esplicative del mito narrato; il diavolo si presenta come usuraio che pesa le merci come le anime, lo scienziato ha il primo contatto con Margherita durante la celebrazione della fine di un uomo, l’usuraio fa firmare a Faust una ricevuta proprio al principio della storia. Questo cammino metaforico della sinossi si compenetra con l’attenta cura dell’immagine filmica.
Il grande regista russo studia alla perfezione ogni singolo quadro, facendo apparire la figura di Faust in perenne posizione di sudditanza visiva rispetto a quella incombente del diavolo. Inoltre viene usato molto l’obiettivo grandangolare su inquadrature molto ravvicinate, al fine di distorcere oniricamente la percezione visiva dello spettatore, così da conferire un maggiore effetto disturbante all’intera fruizione passiva dell’opera.

Con questa sua ultima opera, Sokurov conclude la sua famosa tetralogia sul potere che consta già di tre ottime pellicole come Toro(1999), Moloch(2000) e Il sole (2005).
Mi permetto di asserire che questa sua versione del Faust di Goethe appare ancora più intensa delle precedenti opere del regista, presentandosi come il film della maturità di un autore riconosciuto a livello mondiale.
Non a caso questa sua ultima fatica ha trionfato sia al Festival del cinema di Venezia che al leggendario Festival di Cannes.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere