HOME arrow RECENSIONI: arrow Gloria
Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Gloria PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 22 ottobre 2013

Titolo: Gloria
Titolo originale: Gloria
Cile: 2012. Regia di: Sebastián Lelio Genere: Drammatico Durata: 94'
Interpreti: Paulina Garcia, Sergio Hernández, Coca Guazzini, Antonia Santa María, Diego Fontecilla, Fabiola Zamora
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 10/10/2013
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Intimo
Scarica il Pressbook del film
Gloria su Facebook

gloria_leggero.pngSi parla già di Nuovissimo Cinema Cileno, un gruppo di registi quarantenni prendono premi e riscuotono un grande successo in giro per il mondo.
Forse deriva anche dal cambiamento antropologico che ha subito la società cilena durante i venti anni di dittatura pinochettista. La nuova generazione si pone domande e cerca risposte nel cambiamento morale, esistenziale e di modo di vivere dei cileni, senza tuttavia dare risposte “ di sinistra “.
Registi di fama o di buona notorietà che possono essere inseriti in questa nuova corrente cinematografica sono Pablo Larrain ( “ Toni Manero “, “ No – i giorni dell’ arcobaleno “ ), Sebastian Silva ( “ La nana “, “ La vida me mata “ ), Cristian Jimenez ( “ Bonsai “ ), Fernando Guzzoni ( “ Carne de perro “ ), Alejandro Fernandez Almendras ( “ Huacho “ ), Andres Wood ( “ Violeta Parra se fue a los cielos “ ) e non possiamo non ricordare alcuni ‘ vecchi ‘ come Miguel Littin, Alejandro Jodorowsky e Patricio Guzman: tanto per citarne solo alcuni.

Tra ‘ i novissimi ‘ c’è Sebastian Lelio non ancora quarantenne di origine argentina ma che ha vissuto gran parte della vita in Cile: dopo vari cortometraggi e video musicali, nel 2003 ha realizzato “ Cero “, un documentario basato su materiale inedito sugli attentati dell'11 settembre a New York, co-diretto con Carlos Fuentes.
Ha anche girato due stagioni della serie tv “ Mi mundo privado “insieme a Fernando Lavanderos, in cui si seguono le vite di alcune famiglie cilene di diversa estrazione socio-economica; del 2005 è il suo primo lungometraggio “ La Sagrada Familia “ girato in tre giorni e vincitore di numerosi premi internazionali.
Nel 2009, gira “ Navidad “ e nel 2011 porta al Festival di Locarno “ L’Anno della Tigre “.

Il suo ultimo film è “ Gloria “ che al Festival di Berlino ha ottenuto il premio per la migliore attrice protagonista, andato alla bravissima Paulina Garcia. Un film che si può definire di stampo classico, con una direzione placida e senza grandi colpi di scena. Anzi, sembra quasi che il regista pur dirigendo una opera di fiction usi la macchina da presa come fosse una documentazione su una donna e sullo stato delle cose esistenziale dei cileni.
Con un ritmo da commedia riflessiva, in alcuni momenti un po’ lenta ma dalla struttura solida, accurata e in fondo originale.
Su cui prevalgono tutti gli attori dai principali a quelli sullo sfondo.

Gloria è una signora di quasi sessantanni, divorziata da anni, con due figli ormai grandi che fanno vite a sé e con un lavoro che la tiene ancora in pista. Potrebbe accontentarsi degli amici, delle colleghe, come molte donne della sua età, e invece cerca un nuovo compagno andando a feste, in sale da ballo, ad eventi serali e anche in discoteche. Ma tutto questo lo affronta con decisione ma anche senza alcuna frenesia.
Ad un certo punto sembra aver trovato un nuovo compagno, si innamorano, fanno sesso, lei ha qualche piccolo sogno ma il brav’uomo si rivela fragile, ancora succube dalla moglie da cui è separato e dalle due figlie che pur adulte dipendono non solo economicamente da lui; è un uomo così sottomesso che appare inaffidabile, misterioso e poco coerente con ciò che si prefigge e promette. E dopo un paio di fughe di lui senza un motivo importante, Gloria decide di piantarlo definitivamente e in modo anche grottesco.

Ciò che risalta nella scelta registica è l’indugiare sui passaggi psicologici della donna in modo elegante e naturale; in alcuni momenti si sofferma sul corpo non più giovane di Gloria, nel mostrare imperfezioni, momenti intimi ( in cui lei è sdraiata nuda sul letto o quando si fa la ceretta alle gambe ), sui diversi look che la mostrano più attraente, ma soprattutto sulla forza d’animo che ha questa donna che regge un’esistenza anche dura e solitaria con forza d’ animo: sempre in piedi, senza mai arrendersi nemmeno quando abbandonata si trova addormentata su una spiaggia senza soldi e senza compagno.
Un ritratto di donna solida, concreta, reale e senza patetismi o pietismi mielosi. Ed è così brava l’attrice a dare la sua malinconia senza arretramenti che il finale ( in cui da sola balla in mezzo ad una folla sulle note della canzone “ Gloria “ di Tozzi ) che potrebbe scivolare nel patetismo invece si trasforma in un gioioso finale a modo suo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere