HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow Glory - Non c'è tempo per gli onesti
Mercoledì 13 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Glory - Non c'è tempo per gli onesti PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 25 settembre 2017

Titolo: Glory - Non c'è tempo per gli onesti
Titolo originale: Slava
Bulgaria, Grecia 2016 Regia di: Kristina Grozeva, Petar Valchanov Genere: Drammatico Durata: 101'
Interpreti: Stefan Denolyubov, Margita Gosheva, Ana Bratoeva, Stanislav Ganchev, Mira Iskarova.
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 21/09/2017
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Indipendente....
Scarica il Pressbook del film
Glory - Non c'è tempo per gli onesti su Facebook

glorynoncetempoperglionesti.jpgIn Glory – Non c’è tempo per gli onesti, Kristina Grozeva e Petar Valchanov continuano la “ trilogia dei ritagli di giornale ”, storie tratte più o meno dalla cronaca. Siamo nella Bulgaria contemporanea, tra case povere di persone ai limiti dell’indigenza e l’ufficio stampa di un ministero apparentemente all’occidentale. Tsanko Petrov ( un bravo Stefan Denolyubov, star del cinema bulgaro ) è un ferroviere balbuziente, non troppo sveglio e ripiegato su se stesso; vive da solo in campagna con i suoi conigli, lavora alla manutenzione dei binari, curandone l’efficienza.
Un giorno mentre lavora trova un’ingente somma di denaro sparso sul binario. Potrebbe metterlo nello zaino e cambiare vita invece, un po’ per onesta e un po’ per sbigottimento, avvisa la polizia e diventa un eroe nazionale sulla stampa; nonostante intorno a sé tutti quelli che possono rubano, dai suoi amici ai potenti di turno. Viene convocato dal capo ufficio stampa del ministero, Julia Staikova. una donna in carriera cinica e pronta a tutto ( Margita Goscheva ) che per far dimenticare un’indagine sulla corruzione all’interno del ministero ha organizzato una premiazione per la stampa per il nuovo eroe.

C’è un bambino che recita una poesia, il ministro che fa un breve discorso e al ferroviere viene consegnato un mazzo di fiori e un orologio malfunzionante, mentre quello che ha l’uomo viene perso dallo staff. Ma Tsanko rivuole il suo, a cui è affezionato perché gli era stato regalato dal padre. Allora l’uomo inizia da casa a telefonare e insiste, ritorna al ministero, si fa coinvolgere da un altro giornalista che vuole screditare il ministro coinvolto nella corruzione e la vita del povero Tsanko cambia ma non certo in meglio…

Una regia semplice e povera, una sceneggiatura indecisa, dopo il bel The Lesson un film poco riuscito.

Kristina Grozeva e Petar Valchanov sono al loro secondo film collettivo, il primo The Lesson – scuola di vita ( uscito in Italia nel 2014 ) ha ottenuto molti riconoscimenti nei vari festival e, per il loro modo di raccontare, – con la logica del pedinamento – sono stati paragonati ai fratelli Dardenne e acclamati come nuovi autori dell’est europeo. Con questa seconda pellicola invece a noi sembra che i due autori non siano riusciti a decidere la direzione da prendere e quindi a dosare gli ingredienti convincenti per portare a buon fine le loro intenzioni narrative; l’intento è sempre quello di mettere in luce le contraddizioni di una società postcomunista che ha preso dalla democrazia solo la corruzione, il carrierismo e una componente di cinismo, ma manca di l’equilibrio, di profondità e sembra tutto già visto e anche sbiadito a confronto di altre storie.
Il personaggio del ferroviere Tsanko Petrov è presentato da subito come un drop out, solitario, ingenuo, forse un po’ stupido e vittima sacrificale con cui il pubblico non può provare né particolare pena né tantomeno empatia; la donna in carriera Julia Staikova, più interessata a rispondere al telefono che ad ascoltare il medico che le parla della sua possibile maternità, disposta ad andare a letto con uno dei servizi segreti per ottenere un favore lavorativo e che tratta il marito più da segretario che da compagno di vita, non produce né riflessione ma nemmeno una particolare critica sociale, tutto già visto e anche in maniera più complessa e piena e in fondo non risulta nemmeno particolarmente antipatica.

E l’incontro tra questi due personaggi così differenti e lontani non produce nulla di vero se non ricadere nella pochade o nella trovata ilare non particolarmente efficace ( il cambio di pantaloni con i dipendenti del ministero, lui dimenticato che resta in mutande in bagno per delle ore, il cambio della camicia con un operatore o sempre lui che rischia l’arresto e si preoccupa solo dei suoi conigli ).
In alcuni passaggi il film più che una critica feroce di una società rasenta il grottesco se non l’umoristico ma appena prende questa direzione la cambia per altro. Insomma un film non del tutto riuscito, con una regia semplicistica più che semplice, una sceneggiatura che non trova il tocco e lo stile narrativo e a questo si deve aggiungere che un film così povero nei mezzi ( tutto praticamente avviene tra una casa poverissima e degli uffici ministeriali ) avrebbe dovuto essere supportato da delle idee forti e invece se non fosse per delle auto occidentali potremmo pensare che lì vige ancora il socialismo degli anni ottanta.

Un film povero, indipendente ( low budget, camera a mano e location rubate alla strada ) che ha tuttavia un’indiscutibile nota a merito, le interpretazioni dei due attori protagonisti. Stefan Denolyubov ( Posoki, 2017, The Lesson – lezioni di vita, 2015 ) nei panni del ferroviere drop out, triste e solitario, che non si lamenta mai nonostante che gli ingranaggi del sistema lo umili, e la convincente e algida PR del Ministero dei Trasporti, Margita Gosheva ( attrice di teatro preferita da Grozeva e Valchanov ), capo che mal sopporta quasi tutti e che risulta perfettamente infelice e integrata. Peccato che i loro ruoli siano a tutto tondo e quindi senza colpi di teatro.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere