Sabato 25 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Il club PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 04 marzo 2016

Titolo: Il club
Titolo originale: El Club
Cile 2015 Regia di: Pablo Larraín Genere: Drammatico Durata: 98'
Interpreti: Roberto Farias, Antonia Zegers, Alfredo Castro, Alejandro Goic, Alejandro Sieveking, Jaime Vadell, Marcelo Alonso
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 25/02/2016
Voto: 7
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Importante
Scarica il Pressbook del film
Il club su Facebook

ilclub_leggero.pngIn un’ipotetica classifica dei registi non ancora quarantenni che si possano definire già dei maestri del Cinema, sicuramente potremmo annoverare il cileno Pablo Larrain.
Un regista originale, crudo e complesso, potentissimo sul versante formale, da Cinema frontale, con idee da cineasta portate sullo schermo con uno stile scheletrico, assoluto, disturbante, senza remissioni e concessioni allo spettacolo, e che regala sempre un Cinema crudele, inquietante e in controtendenza. I suoi film sono ombrosi, quasi grevi, dall’estetica ‘ chiusa ‘, senza concessioni allo spettatore e senza alcuna empatia.

Si assomigliano un po’ con il carattere del regista che litiga con i giornalisti quando lo intervistano, con dei modi duri e antipatici al punto che scrivono che non si sa come prenderlo. Da cosa deriva questo suo carattere ? E da cosa nasce la sua ossessione per il colpo di stato del boia Pinochet ? Probabilmente deve avere un bel conflitto con suo padre ex presidente del Senato e senatore del partito più a destra del Cile, la Unión Demócrata Independiente (Udi), ricettacolo dei sentimenti politici più reazionari e fascisti.
La madre invece, Magdalena Matte, è stata la ministra dell’Abitazione nell’ultimo governo di destra. Pablo Larrain invece è uno che dichiara da sempre che Pinochet è stato un assassino e un ladro, e ha ambientato ben tre film ai tempi della dittatura ( gli splendidi Tony Manero, del 2007, Post Mortem, del 2010, e No – i giorni dell’arcobaleno, del 2013 ) perché è in quell’epoca, sostiene, che affondano le radici di un certo modo d’essere cileni, che si dovrebbe elaborare quel lutto per poi liberarsene.
Ma allo stesso tempo, suoi spettatori alle prime sono proprio quei rappresentanti di quel partito paterno che tanto detesta.
Un bel groviglio personale. Ma è indiscutibilmente un grandissimo regista contro, come eccellente è l’attore dei suoi film il grande Alfredo Castro ( visto nelle settimane scorse nel film venezuelano Ti guardo ).

Il Club ( El Club ) è Il quinto film di Larrein e si apre con dei versetti presi dalla Genesi: Dio vide che la luce era cosa buona, e separò la luce dalle tenebre. Sposta quindi la sua ossessione sul potere, da Pinochet e dall’oscenità morale che la dittatura ha portato nella vita dei cileni a quella dei preti pedofili e criminali.
Realizza quindi un film ancora più rigoroso dei precedenti, ancora più duro se può essere possibile; fatto di inquadrature che riprendono in primo piano i cinque sacerdoti che sembrano essere soli con la loro depravazione dolente e la loro vergogna, isole nella nebbia, costretti a una relazione diretta e personalissima con la propria pena. E Pablo Larrein per rendere ancora più vivida la nefandezza di questi esseri impiega vecchi obiettivi sovietici, usati anche da Tarkovskij, e filtri per rendere tutto in una sorta di trasfigurazione visiva.

In un paesino sperduto e solitario sulla costa cilena, vivono in esilio in una delle tante case della Chiesa una suora e quattro sacerdoti, sono forse scomunicati, certamente gli sono state tolte tutte le funzioni talari.
I quattro sono stati mandati in questo luogo per espiare i peccati commessi. Gli ex preti hanno profanato la sacralità del loro mandato con azioni nefande, dalla pedofilia, alla vendita di bambini, alla complicità con la dittatura, ad altre attività ancora più oscure. Ognuno di loro deve espiare una colpa, colpa che senza gli abiti talari significherebbe crimini contro l’umanità. Vivono osservando un regime rigoroso sotto l’occhio vigile di una custode.
Questa specie di stabilità fatta di preghiere, passeggiate al mare e allenamenti di un cane levriero per delle gare, viene interrotta dall’arrivo di un quinto prete, padre Lazcano appena caduto in disgrazia, che porta con sé il suo passato osceno.
A lui si aggiunge Sandokan, un infelice senza tetto e senza niente, regredito mentalmente che segue con discrezione gli spostamenti del padre che lo ha violentato sin da bambino e adesso lo segue e lo aspetta fuori dalla porta in una relazione perversa. Sfinito dai sensi di colpa, Lazcano si spara sotto gli occhi della vittima.
Giunge allora il gesuita padre Garcia per indagare, fare chiarezza sull’accaduto ed eventualmente chiudere la casa interrompendo così la vita nel buen retiro dei quattro osceni preti. Ma loro sapranno come fare per poter rimanere lì, organizzano un’azione degna della loro malvagità. Padre Garcia rappresenta quella Chiesa politica che tra lacune, omissioni e dossier mancanti, scopre sì le responsabilità morali e politiche dei suoi prelati ma rimette i peccati, disloca mostri e volta pagina; Sandokan è quel fantasma con cui fare i conti per rimettere insieme il corpus christi della nazione, sprofondandolo o riconducendolo alla pienezza e all’integrazione della vocazione.

Un film importante, potentissimo formalmente, quasi insostenibile per un pubblico abituato a ben altro.
Il film colpisce per l’analisi quasi chirurgica che fa il regista, per il suo presentare la mostruosità umana senza moralismi, ma anche senza clemenza, coinvolgendo e regalando momenti di cinema classico ma allo stesso tempo moderno. Naturalmente da segnalare un cast perfetto composto da Alfredo Castro e Antonia Zegers ( moglie del regista ), Roberto Farias, Alejandro Goic, Marcelo Alonso.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere