HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow Il diritto di contare
Lunedì 26 Giugno 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Il diritto di contare PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 20 marzo 2017

Titolo: Il diritto di contare
Titolo originale: Hidden Figures
USA 2016 Regia di: Theodore Melfi Genere: Drammatico Durata: 127'
Interpreti: Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst, Jim Parsons, Mahershala Ali, Aldis Hodge, Glen Powell, Kimberly Quinn, Olek Krupa, Ariana Neal, Saniyya Sidney, Zani Jones Mbayise
Sito web ufficiale: www.foxmovies.com/movies/hidden-figures
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 08/03/2017
Voto: 6,5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Solido
Scarica il Pressbook del film
Il diritto di contare su Facebook

ildirittodicontare_leggero.pngNei primi anni ’60, in piena “corsa dello spazio”, alla NASA esisteva una divisione di “Matematiche di colore” dedite a calcolare le traiettorie dei lanci degli astronauti.
A fare parte di questa divisione c’erano anche le tre amiche e colleghe Katherine Johnson, Dorothy Vaughn e Mary Jackson. Ognuna di loro contribuì sia ai calcoli per il lancio in orbita dell’astronauta John Glenn sia per permettere alle donne di colore di affermarsi professionalmente e di cancellare le prime barriere razziali.

Favola USA sconosciuta a chi scrive e a chi, probabilmente, come lui non ne aveva mai sentito parlare, ma favola che in realtà non è perché saldamente ancorata a solide basi quanto i numeri di cui narra. Il regista Theodore Melfi, non disprezzabile per il suo precedente St. Vincent, racconta una bella storia infarcendola di retorica americana immersa nell’epoca della segregazione razziale con le persone di colore da un lato mentre i Russi, dall’altro, sono pronti a scagliarsi nello spazio in modo rapido e tecnologicamente avanzato.

Nel frattempo alla NASA le menti più brillanti del mondo scientifico stavano inanellando una serie d'insuccessi preoccupanti, l'unica soluzione pareva essere incarnata in tre donne di colore che erano pronte sia a contare per mestiere, essendo tutte laureate in materie scientifiche, ma anche ad affrancarsi dalla visione segregazionista alla quale erano sottoposte, con acqua per il caffè, bagni, posti nei bus ben distinti da quelle a disposizione della moltitudine bianca.

Melfi tramuta quindi il romanzo d’origine in una storia a lieto fine dove la matematica e la scienza sono un valido pretesto per dimostrare come non conti il colore della pelle ma quello che questa cela. Costner, nel ruolo di un capo che sa vedere le abilità dietro sesso e colore di provenienza, svolge il suo compito senza sporcarsi troppo la giacca.
Abilissime le tre attrici che impersonano le tre protagoniste, menzione evidente per la candidata agli Oscar Octavia Spencer, già vista in The Help, pellicola del 2011 che la vide vincere l’ambita statuetta, mentre questa volta esce dalla notte di Los Angeles a mani vuote.

Un’ultima nota piena di curiosità; la matematica Katherine Johnson, la sola ad essere ancora in vita e presente anche la notte degli Oscar, pare aver decisamente apprezzato la storia sia su carta sia sul grande schermo. Amen.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere