HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Il principe del deserto
Venerdì 28 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il principe del deserto PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 21 dicembre 2011

Il principe del deserto
Titolo originale: Black Gold
Francia, Italia: 2011. Regia di: Jean-Jacques Annaud Genere: Drammatico Durata: 130'
Interpreti: Tahar Rahim, Antonio Banderas, Mark Strong, Freida Pinto, Riz Ahmed., Akin Gazi, Liya Kebede, Corey Johnson, Eriq Ebouaney, Jan Uddin, Driss Roukhe, Ziad Ghaoui
Sito web ufficiale: www.blackgold-themovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 23/12/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Mutevole
Scarica il Pressbook del film
Il principe del deserto su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

ilprincipedeldeserto_leggero.pngJean-Jacques Annaud torna nuovamente dietro la macchina da presa per realizzare un film epico ambientato in una terra ancora troppo poco battuta dal cinema.
Annaud è da sempre affascinato dal mondo arabo e avrebbe voluto da tempo esplorare quelle regioni con l’occhio della cinepresa.
Oggi quel desiderio si è concretizzato con “Il Principe del Deserto”. Tratto dal romanzo “South of the Heart” di Hans Ruesch (edito in Italia col titolo ‘Paese dalle ombre corte’), il regista non ha preso spunto dal “Lawrence d’Arabia”(1962) di David Lean.
La proposta è venuta dal produttore Tarak Ben Ammar, il quale da tempo voleva dare vita a un film che desse “una visione positiva del mondo arabo e dell’Islam”.

In Arabia, all’inizio del ventesimo secolo, l’emiro di Hobeika, Nesib, stabilisce che la Striscia Gialla è da considerarsi terra di nessuno e impone allo sconfitto Amar, sultano di Salmaah di lasciargli i due figli maschi, Saleeh e Auda, sotto la sua custodia, adottandoli.
Dopo alcuni anni Nesib riceve la visita di un petroliere texano, che gli prospetta immense ricchezze grazie al petrolio che giace sotto la Striscia Gialla.
L’emiro invia Auda a parlare con Amar e convincerlo dell’enorme opportunità di guadagno per il suo popolo. Diversi sono gli aspetti del mondo arabo messi in evidenza da Jean-Jacques Annaud, c’è molto della cultura araba, dei suoi usi e costumi. L’intento del regista è stato quello di conferire al film una visione onesta di questo mondo, “mi sono documentato molto e ho interpellato degli esperti per raccontare questa cultura” ha dichiarato il suddetto, raccontandola dal punto di vista arabo e non, come farebbe un occidentale, dal punto di vista di uno straniero che osserva questo popolo.
Ciò, però, che gli è premuto di più fare è narrare la trasformazione a cui va incontro il protagonista durante lo svolgimento della storia. Quando Annaud sceglie una storia da realizzare è interessato alla presenza di personaggi che cambiano, diventano qualcosa di diverso rispetto all’inizio del film.

“Tutti i miei personaggi hanno un fondo comune, sono tutti individui che subiscono una trasformazione, una crescita, durante l’arco del film” ha spiegato Annaud (durante la conferenza stampa romana).
In effetti quando incontriamo il principe Auda per la prima volta lo vediamo assorto nei suoi libri, vivere in un mondo a parte, un ragazzo timido e introverso, che non ha mai tenuto un’arma in pugno, disinteressato alla guerra e ai problemi che lo circondano.
È un individuo combattuto tra gli opposti punti di vista dei suoi due padri e il loro modo di essere.
Quando però verrà messo con le spalle al muro e sarà costretto a guardare in faccia ciò che gli accade intorno, perderà la sua ingenuità e si scoprirà un leader carismatico, un uomo che saprà usare l’intelletto come una spada affilata e diventare re.
Il tema che sta alla base de “Il Principe del Deserto” è quello dello scontro generazionale riguardo il progresso e la modernità. Se da un lato il giovane Auda ed anche la principessa Leyla comprendono quanto sia importante modernizzarsi, dall’altro il sultano Amar, come i membri del suo Consiglio, credono nel conservatorismo.
Persino la medicina moderna è bandita e il petrolio viene visto come un demonio.

Gli attori scelti da Annaud provengono da tutto il mondo al fine di rappresentare meglio le diverse etnie della Penisola Arabica.
I tratti somatici si differenziano per le influenze fornite da diverse parti del mondo: dall’India alla Spagna, dal Pakistan alla Turchia. “Il Principe del Deserto” è un film ambizioso, intervallato dall’azione degli scontri nel deserto e da momenti che si avvicinano alle ‘Mille e una notte’, c’è chi amerà di più l’atmosfera creata dalla prima e chi, invece, la seconda. A volte ci si trova di fronte ad alcuni dialoghi un po’ stereotipati e poco pertinenti al momento delineato, questo, però, lo ha voluto lo stesso regista intenzionato a far scaturire la risata nello spettatore.
Ciò lo si riscontra soprattutto nel personaggio di Nesib, un ironico Antonio Banderas, che è riuscito a bilanciare bene i volti del suo personaggio. “Il Principe del Deserto” ha in sé gli elementi per soddisfare un pubblico variegato: avventura, epicità, azione, romanticismo, conflitti filiali, tutto questo amalgamato quanto basta per ammaliare l’occhio di chi guarda.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere