HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Il sindaco del Rione sanità
Domenica 17 Novembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
halloween_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
la_llorona_728x120_top.jpeg
Il sindaco del Rione sanità PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
mercoledì 06 novembre 2019

Il sindaco del Rione sanità (Il sindaco del Rione sanità) Italia 2019 Regia di: Mario Martone Genere: Drammatico Durata: 115' Cast: Francesco Di Leva, Massimiliano Gallo, Roberto De Francesco, Adriano Pantaleo, Daniele Ioia, Giuseppe Gaudino, Gennaro Di Colandrea, Lucienne Perreca, Salvatore Presutto, Viviana Cangiano, Ralph P, Armando De Giulio, Morena Di Leva.
Nelle sale dal:
30/09/2019
Recensione di: Ciro Andreotti Voto: 7,5
L'aggettivo ideale: Moderno...

Antonio Barracano è definito “sindaco” perché riesce a vegliare sul Rione Sanità assieme al suo amico medico Fabio Dellail_sindaco_del_rione_sanit.jpg Ragione. Vi riesce con la capacità innata di chi sa distinguere tra carogne e brave persone e quando Rafiluccio, figlio del fornaio, gli si rivolge per comunicargli che sta per uccidere suo padre, Antonio decide d’intervenire per evitare che possa avvenire una tragedia della quale è certo che l’uomo se ne pentirebbe amaramente.

Da Morte di un Matematico Napoletano, pellicola del 1991 dedicata alla figura dello scienziato Renato Caccioppoli, fino all’approdo del rione del titolo, divenuto famoso per aver dato i natali al principe De Curtis, e già raccontato a teatro da Eduardo e in seguito al cinema da Ugo Giordani, con Anthony Quinn nel ruolo del criminale al quale rivolgersi per risolvere e governare con imparzialità.

È questo l’excursus di un regista – Martone - principalmente legato al mondo del teatro e in seguito approdato al cinema sempre per narrare, o quasi, la propria Napoli, perennemente in bilico fra afflati di camorra e screzi che potrebbero costarti la vita.
Fra le sue mani l’opera firmata da De Filippo diventa un mix ben congegnato di speranza e onore, critica sociale di uno stato assente al quale ci si sostituisce con mezzi di fortuna e con le armi a propria disposizione. Il risultato finale si potrebbe sbrigativamente scambiare come un oltraggio su celluloide riadattato ai tempi di Gomorra ma oltre questo c’è di più.

C’è la modernità di un linguaggio differente perché traslato sul grande schermo, ma al tempo stesso uguale, perché l’opera di Eduardo è stata integralmente preservata e modificata solo sulle ultime curve per donare una speranza che al grande drammaturgo scomparso negli ‘80 mancò. Al tempo stesso il cast funziona come un orologio, la colonna sonora firmata da Ralph P colpisce nel bersaglio, la Napoli livida e notturna aggiunge alla pellicola quel tocco di freddezza che non guasta e la trama avvince pur non essendo nuova e il finale arriva quando meno lo si vorrebbe incontrare.
Piacevole rivisitazione a distanza di quasi sessant’anni di un classico del teatro a dimostrazione che forse quello che doveva essere narrato era già stato ampiamente detto, o quasi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere